Connect with us

Per Lei Combattiamo

Ledesma: “Felipe Anderson ha qualità enormi. Con Biglia sempre avuto un buon rapporto”. Poi sul 26 Maggio…

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Dopo 9 anni d’amore, è arrivato il momento di dirsi addio fra la Lazio e Ledesma. L’ormai ex regista laziale, però, non dimenticherà mai i colori bianco e celeste e, ai microfoni di Radiosei ha dichiarato, parlando della sua avventura a Roma e dei rapporti interpersonali con il resto dei giocatori, partendo da Felipe Anderson: “E’ arrivato il primo anno infortunato. Molti credevano non fosse un buon acquisto. E’ stata una stagione complicata per lui, ma mi ero accorto che era bravo. Penso che nelle otto vittorie consecutive, almeno 5-6 le ha decise lui. Ha qualità enormi e un aspetto importante è he non si monta la testa. Keita rispetto agli altri anni è cresciuto nel rispetto con noi all’interno dello spogliatoio”. Capitolo portieri: “Peruzzi è il numero uno. L’unico portiere che ho visto che si buttava con la faccia in avanti. Anche Ballotta non ha fatto malissimo con noi. Muslera ha avuto una grande forza di volontà dopo quella partita con il Milan. Ha reagito e ha imparato, diventando il portiere titolare dell’Uruguay. Marchetti anche è un grande portiere”. Poi si sofferma sul playmaker ex Anderlecht, al centro, peraltro, di voci di mercato che lo vorrebbero al Real Madrid: “Con Biglia ho sempre avuto un buon rapporto. Avevamo fatto un bel gruppetto noi due e Novaretti”. Sugli allenatori, poi, ammette: “Delio Rossi non fa testo perché già mi conosceva dai tempi del Lecce e mi considerava già tra i veterani. Fu importante anche Reja per me. Quando arrivò sulla panchina della Lazio, in quel Parma Lazio del 2010, aveva paura di farmi giocare perché erano 8 mesi che non scendevo in campo. Con Petkovic ho avuto un rapporto molto sereno. Quando un allenatore viene esonerato è una sconfitta per tutto il gruppo”. La vittoria in Coppa Italia contro la Roma del 26 Maggio 2013, il ricordo più bello di Ledesma alla Lazio: “Prima di entrare in campo, vedendo i volti dei miei compagni, io avevo già capito che quel derby l’avremmo vinto. Il giorno prima della partita il mister ci aveva fatto pranzare insieme per distendere la tensione che era molta. Nello sguardo dei giocatori della Roma vedevo che erano più preoccupati di noi.” Infine, si svela un retroscena su Candreva: “Nella partita di campionato contro la Juventus che era in panchina con me mi ha detto che io sono un grande e un esempio per come mi alleno. E’ un ragazzo sincero e bravissimo. Ha sofferto moltissimo nei primi mesi qui a Roma, ma lui ha lottato sempre”.


 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS| Marcos Antonio cresce. E Sergej… è più laziale

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


L’amichevole di ieri contro il Valladolid, seppur persa ai calci di rigore, ha lasciato sensazioni molto positive per quanto riguarda la Lazio. E’ stata infatti proposta una buona prestazione dalla squadra condita da un centrocampo che ha tenuto alla perfezione la gara sia a livello tattico che di intensità e quantità. I cambi hanno infatti permesso di far girare comunque bene la squadra nonostante l’assenza di Luis Alberto. La prima nota positiva in tal senso, infatti, è quella legata alla sostituzione di Cataldi, che per 59 minuti ha tenuto molto bene proponendo una buona prestazione tanto a livello di palleggio che a livello difensivo, per Marcos Antonio che allo stesso tempo ha fatto vedere cose molto buone. Durante l’arco della stagione quella formata dai due registi potrebbe essere una staffetta da tenere in considerazione da Maurizio Sarri così come lo era quella di Cataldi stesso con Lucas Leiva la passata stagione.

Chi invece rimarrebbe in ogni caso in campo è Sergej Milinkovic-Savic. Il tecnico, così come tutti i tifosi laziali, sperano nel migliore dei colpi di mercato: trattenere il sergente alla Lazio. Sotto quel punto di vista segnali importanti arrivano anche dal PSG, che sembrerebbe ormai vicino all’acquisto di Fabian Ruiz. Di fatto il centrocampista del Napoli allontanerebbe Milinkovic da una delle pochissime squadre che potrebbero senza problemi avvicinarsi alle richieste di Lotito per il serbo. A un mese dalla conclusione del mercato è infatti una buona notizia, anche se il rischio rimane: l’agente del sergente rimane infatti in contatto con alcune squadre della Premier League, oltre al fatto che il Manchester United si è ritirato dall’asta per De Jong, rimanendo così in cerca di un centrocampista.

Il Corriere dello Sport  
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW