Connect with us

Per Lei Combattiamo

Addio Mauri, Pulici: “Poteva ancora essere utile. Un suo erede? Difficile trovarlo”

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


Due addii che hanno fatto rumore. Via Ledesma e Mauri, la Lazio in poco tempo si è trovata senza leader. Soprattutto la fine del rapporto con il brianzolo ha fatto molto rumore. Nessuno si aspettava la fine del rapporto tra i biancocelesti e il loro capitano, dopo 10 anni vissuti sempre al massimo. E’ rimasto sorpreso dell’addio del numero 6 anche Felice Pulici.
“Secondo me poteva ancora essere utile -afferma a il Sussidiario.net-. Secondo me se n’è andato perché probabilmente non ha trovato un nuovo accordo economico con la società. Mi sembra l’ipotesi più probabile perché a livello tecnico Mauri non mi sembra discutibile, nonostante abbia raggiunto i 35 anni”. Lascia dunque un calciatore fondamentale, tatticamente e non solo. “Un giocatore particolare -continua l’ex portiere laziale- un elemento difficile da controllare per le difese avversarie, capace di svolgere tanti ruoli. Un calciatore veramente multiuso. Poche presenze in Nazionale? Forse perché nel suo ruolo era chiuso da Totti, non era facile ridisegnare un’Italia che fosse adeguata alle sue caratteristiche tecniche, pur essendo Mauri un grande giocatore. Nei suoi ruoli, quelli di centrocampo e sulla trequarti, la Nazionale ha sempre avuto grossa concorrenza. Mauri può svolgere tutti i ruoli da centrocampo in su, nelle ultime stagioni si è specializzato negli inserimento offensivi partendo dall’esterno, forse è proprio quella la posizione in cui può rendere al meglio”. Digerito l’addio del brianzolo, ora bisogna trovare un suo erede. “Difficile trovarlo proprio perché Mauri in questi anni è stato un giocatore abbastanza unico, diciamo che stando nella sua zona di campo c’è Candreva che ha già preso in mano la squadra, mentre Felipe Anderson potrà rimpiazzarlo a livello realizzativo. Il compito di non far rimpiangere il capitano andrà soprattutto a questi due giocatori. Servirà anche un nuovo capitano. “Non conosco i meccanismi dello spogliatoio, di solito il capitano lo fa chi ha qualcosa di più non solo dal punto di vista calcistico. Futuro? E’ ancora un ottimo giocatore -conclude Pulici- il problema sarà solo trovare la giusta offerta. Bisognerà anche considerare il fatto che Mauri dovrà subire un processo che i cui verdetti sono ancora imprevedibili, per il suo presunto coinvolgimento nel Calcioscommesse. Per il momento questa vicenda non ha influito sulle prestazioni in campo. Penso che, grazie alla sua intelligenza tattica, possa diventare anche un grande allenatore”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Lazio-Fiorentina, ecco il primo gol di Casale in maglia biancoceleste

Published

on

 


Dopo un’ottima prima parte della stagione, ecco che Nicolò Casale mette a segno la sua prima rete in maglia biancoceleste. L’ex Verona, infatti, ha segnato la rete del vantaggio contro la Fiorentina all’8’ minuto del primo tempo.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW