Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

Diavolo rosso e stellina? Diavolo e basta svincolato? Ecco Ravel Morrison, il talento (s)regolato della Lazio

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

 ‘Fare errori significa semplicemente che si sta imparando velocemente’. Diceva questo il professore Weston Agor. Una frase che spera di poter raccontare molto presto Ravel Morrison, nuovo acquisto della Lazio 2.0 di Pioli. Genio e sregolatezza, l’inglese. Troppo facile pensare subito a Paul Gascoigne. Ma se di ‘Gazza’ si sa fin troppo, è meno nota la storia di questo ragazzo nato a Manchester.
Scoperto da Phil Brogan, ex allenatore della Manchester United Academy, in poco tempo Ravel conquista i Red Devils. Centrocampista duttile, può giocare sia da mezzala che da trequartista: tecnica strappa-applausi e buona velocità, il ragazzo ci sa fare. Così a Carrington scoppia la Morrison-mania. Il classe ’93 viene subito paragonato a Scholes, diventa l’uomo del momento. Strega perfino Ferguson e Rio Ferdinand. Le due leggende dello United lo descrivono come ‘il centrocampista britannico più forte mai visto’, dunque superiore anche a Pogba. Gli inglesi credono nel suo talento, così nel 2010 gli regalano il primo contratto da professionista e il debutto in Coppa di Lega. Morrison sembra destinato a diventare una colonna dello United, ma il carattere non accompagna il suo talento.
Ravel infatti inizia a collezionare atteggiamenti poco professionali, episodi che fanno calare la stima di Sir Alex nei suoi confronti. Il fatto che causa la definitiva rottura del rapporto è il momento del rinnovo contrattuale. Morrison pretende cifre importanti per un giocatore della sua età, l’allenatore scozzese non gradisce e decide di mandarlo via. La classe di Morrison lascia Old Trafford e prende la via di Upton Park, casa del West Ham. Dal Manchester alla Championship, il passo è breve. Gli Hammers raggiungono la promozione, ma il contributo di Morrison è poco incisivo. Ecco perché l’anno successivo va al Birmingham, sempre nella serie cadetta inglese. Qui si vedono lampi di classe e sregolatezza. Nel marzo 2012, infatti, il centrocampista viene multato con 7.000 sterline per dei commenti omofobi. Nonostante questo, la sua stagione rimane positiva, così l’anno successivo torna al West Ham, finalmente in Premier League. Debutta quindi nella massima serie inglese e sembra essere finalmente maturato, gioca con regolarità e regala momenti di classe pura, giocate che fanno impazzire tutti i difensori d’Inghilterra. A metà anno, però, il prestito di nuovo nella Serie B inglese. La sua nuova casa è Loftus Road, Qpr.
Morrison non si abbatte e in pochi mesi dimostra di essere sprecato per questa categoria. Segna e regala assist con una facilità disarmante. Finalmente il talento di Morrison ha vinto sul carattere. Anzi no. Nell’estate, infatti, il giovane viene arrestato per episodi di violenza e rilasciato su cauzione. Ma nessun club è più disposto a prenderlo, neanche in prestito. Torna dunque per la terza volta al West Ham, ma per Allardyce è solo un peso. In Inghilterra non ha mercato, così a gennaio viene parcheggiato in Galles, al Cardiff. Un’avventura poco stimolante per l’attuale laziale, che finisce dopo appena un mese. Il West Ham però non ne vuole sapere, così le parti risolvono il contratto. Morrison è svincolato, a solo 21 anni… E il destino (oltre al talento) gli regalano un’altra chance.
Lotito viene abbagliato dalla sua classe, la Lazio cura l’affare nei minimi dettagli, fa subito sbarcare l’inglese a Formello. Fin dai primi allenamenti si vede un giocatore dai numeri incredibili, i suoi colpi riescono ad abbagliare nonostante una condizione fisica da migliorare. La Lazio vola in campo verso la Champions League, Morrison nel suo ambientamento. Nessun caso eclatante da prima pagina nei giornali, solo silenzio e tanto lavoro. Arrivata l’estate, l’inglese torna a casa per le vacanze.
E in Inghilterra arrivano i titoli: “Lascia la Lazio per tornare al Qpr” e via così. Ci mette il carico da novanta anche l’allenatore dei Baggies, Redknapp, che ripete a più riprese che il gioiello inglese farebbe bene a lavorare con lui o con un top club. Queste cose però non toccano Morrison, concentrato solo sulla sua nuova avventura italiana. Arriva quindi il ritiro di Auronzo di Cadore e Ravel è in campo a faticare con Djordjevic e compagni. Ci mette poco a conquistare i tifosi, appena un giorno. Palla incollata al piede e lanci educatissimi, in poche parole tecnica sopraffina. Lo sa bene Marchetti, che a fine allenamento si ferma a parare alcune punizioni del fantasista. Più che parare, pregare. Sui quattro tiri da fermo dell’inglese, il portiere biancoceleste può solo fare quello. Quattro punizioni angolate, imparabili. Solo legni e centimetri salvano l’ex Cagliari per tre volte, ma alla quarta non ce n’è.
Sorride Morrison, fa lo stesso Pioli, si sfrega le mani Lotito. La Lazio ha messo le mani su un potenziale fuoriclasse. Ora spetta ad allenatore, squadra e società l’arduo compito di non far bruciare questo talento. Se la frase citata inizialmente ha un pizzico di verità, Morrison dovrebbe avere già imparato tutto. Dopo essere finito al centro dell’attenzione troppo poco per il calcio, ora ‘il nuovo Scholes’ vuole finirci solo per il suo talento. Serie A e Champions League, dove potrebbe incrociare proprio lo United, lo aspettano.
Fonte: Gianlucadimarzio.com

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Scudetto Milan, rubata la medaglia di Pioli: “Restituitemela, è l’unica che ho”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Episodio sgradevole durante i festeggiamenti per il diciannovesimo titolo rossonero. Il tecnico: “Me l’hanno strappata dal collo, aiutatemi a ritrovarla”.

REGGIO EMILIA – La festa per lo scudetto vinto dal Milan non è rovinata. Ma l’episodio è sgradevole. Al tecnico rossonero Stefano Pioli è stata rubata la medaglia ricevuta durante la premiazione. “Mi hanno strappato la medaglia nelle celebrazioni: se potete fare un appello vi ringrazio, è l’unica che ho”.

Il furto della medaglia di Pioli è avvenuta mentre si stavano svolgendo i festeggiamenti. I tifosi hanno cantato in continuazione il coro “Pioli is on fire”, sulle note della celebre canzone “Freed from desire”. Prima della premiazione dei rossoneri, Ibrahimovic aveva innaffiato di prosecco Pioli, poi si era acceso un sigaro. “Non mi sono mai sentito così bene – aveva detto poco prima del fattaccio Pioli – io mi conosco e so quanto è importante sentirmi apprezzato come mi sono sentito nell’ambiente Milan. E questo mi ha permesso di fare quello che ho fatto e ai miei giocatori di darmi il cuore e la testa. Siamo un squadra di fenomeni, non abbiamo mai mollato. Ci abbiamo creduto sempre e siamo stati più continui dell’Inter”. Restituite quella medaglia a Pioli, se l’è meritata. Repubblica.it 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW