Connect with us

 

Rassegna Lazio

Rinnovi, c’è ottimismo per Marchetti. Lulic sempre più in bilico

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Hanno già salutato da tempo la capitale Mauri e Ledesma, mentre fra i big l’unico ad aver rinnovato sinora è stato Radu. Ancora in bilico, invece, Marchetti e Lulic. Il portiere di Bassano del Grappa ha incontrato il presidente Lotito sabato sera ad Auronzo di Cadore e le sensazioni sembrano essere positive. Il rapporto fra la Lazio e il suo numero 22 dovrebbe continuare senza particolari intoppi. A preoccupare, invece, è l’esterno bosniaco. L’eroe del 26 Maggio ha un contratto in scadenza 2017 e molte offerte dall’estero (soprattutto in Bundesliga). Per firmare il prolungamento con il club biancoceleste chiede altri due anni e un aumento d’ingaggio dai 800mila euro percepito ora a 1,2 milioni di euro all’anno. Le parti al momento sono lontane. Nei prossimi giorni ci sarà un nuovo incontro. E intanto Lotito ha già fissato il prezzo: servono 13 milioni per il cartellino di Lulic.



 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Rassegna Lazio

TMW | La notte dei saluti, tra applausi e fischi: sabato è definitivamente finita la Lazio di Inzaghi

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Dopo Parolo e Lulic un anno fa, sabato è stato il turno di Strakosha, Luiz Felipe e Leiva. E forse anche di Acerbi e Milinkovic. Insomma, la notte degli addii contro il Verona ha sancito la fine dell’era Inzaghi, con molti dei fedelissimi dell’ex tecnico biancoceleste che hanno salutato la Lazio e i suoi tifosi.

Il ciclo si era chiuso ufficialmente la scorsa estate, col passaggio di Inzaghi all’Inter e l’arrivo di Sarri a Formello, ma un quinquennio simile non si può interrompere così bruscamente. La pagina era stata girata, ma l’inchiostro con cui sono stati scritti 5 anni di successi rimane ancora leggermente impresso. Sarri l’ha sempre detto che sarebbe stato “un anno di transizione in cui gettare le basi per la stagione seguente” e così è stato. Chiuso il capitolo del passato, ecco che il Comandante ne vuole aprire un altro. “Il quinto posto è meritato, abbiamo qualche rimpianto ma dobbiamo essere contenti del percorso e di quello che abbiamo costruito”.

Standing ovation a Leiva, fischi a Luiz Felipe. E il premio…
Le emozioni, anche grazie al pirotecnico 3-3 col Verona, hanno dominato all’Olimpico quasi sold out. Standing ovation a Lucas Leiva, che dopo 5 anni e 198 presenze ha indossato per l’ultima volta la maglia della Lazio. Lascerà un buon ricordo, il centrocampista ex Liverpool, che potrebbe tornare in Brasile per chiudere la carriera. Per lui ieri solo applausi, striscioni e anche qualche lacrima. Nel giro d’onore finale è stato omaggiato anche dai compagni, che l’hanno preso in braccio e lanciato in aria. Stesso trattamento per Luiz Felipe e Strakosha, anch’essi celebrati dalla squadra. Meno dai tifosi: se su Strakosha alcuni fischi si sono mischiati a tanti applausi, per il difensore brasiliano – reo di non essere stato riconoscente con la società che l’ha fatto crescere – ci sono state solo reazione negative: la decisione di non rinnovare non è andata giù. Neanche alla società, visto che non gli ha regalato una maglia celebrativa, cosa invece fatta per gli altri due. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW