Connect with us

Per Lei Combattiamo

Tre sconfitte nel precampionato: i tifosi si dividono

Published

on

 


Il calcio di luglio, si sa, è spesso destinato a essere sconfessato. Vincere un’amichevole pre-campionato rischia di generare un turbine di false aspettative, così come un ko in un test estivo alimenta scetticismo e malumori in vista della nuova stagione. In buona sostanza, ciò che sta accadendo in casa Lazio: nelle tre partite contro avversari di spessore disputate finora, i biancocelesti hanno collezionato tre sconfitte.

Dopo i due rotondi e prevedibili successi contro le formazioni locali del Cadore (dove si è svolto il ritiro laziale), gli uomini di Pioli hanno perso infatti contro Vicenza (0-1), Anderlecht (3-1) e Sigma Olomouc: 3-2 il risultato finale nel match in Austria contro i cechi. Mercoledì contro il Mainz, Klose e compagni proveranno a invertire la rotta battendo l’undici tedesco. Sarà quello l’ultimo banco di prova prima del viaggio in Cina: alla finale di Supercoppa dell’8 agosto contro la Juve mancano ormai solamente dodici giorni.

La Lazio però non appare ancora in possesso del ritmo da competizione ufficiale: questo il campanello d’allarme che risuona da più parti, anche a livello mediatico. Un’atmosfera di pessimismo che però non trova d’accordo il responsabile della comunicazione biancoceleste, Stefano De Martino: “Si percepisce sempre un’opinione a ribasso per quel che riguarda la società. Nessuno qui chiede entusiasmo per forza, ma – ragiona il dirigente laziale ai microfoni di Lazio Style Radio – si chiede di giudicare in base al lavoro svolto. Quando ci è capitato di vincere tutte le gare amichevoli estive, i risultati non contavano nulla. Quando invece perdi due partite, la colpa è della società che ha programmato male il ritiro. Il calcio non funziona come le figurine: si può anche comprare molto, ma alla fine il risultato lo si vedrà sul campo. Non è una questione numerica, la costruzione di un gruppo – conclude De Martino – va vista nella sua globalità. Al di là di sfruttare l’entusiasmo, la squadra va giudicata da quello che rende”.

Tra campanelli d’allarme e attestati di fiducia e serenità, insomma, anche i tifosi biancocelesti si confrontano tra social e forum su posizioni opposte. “Cosa volete che significhi prendere sberle a destra e a manca? Tanto non dobbiamo mica giocare la Supercoppa e il preliminare di Champions”, si chiede sarcastico un sostenitore piuttosto preoccupato. “Meglio beccare in estate nelle amichevoli e capire gli errori da correggere, che farlo nelle partite ufficiali”, è il commento divergente e ottimista di un altro fan laziale.

“Da quando esiste il calcio, le amichevoli estive le perde chi poi vince nelle partite serie”, gli fa eco un utente decisamente poco preoccupato. “Io finora ho visto tre partite perse, non contano?”, ribatte invece un supporter deluso dalla campagna acquisti condotta finora dalla società. “Possibile che pensiate sempre in maniera negativa? Queste partite non valgono nulla”, un altro tassello di un botta e risposta che potrebbe proseguire potenzialmente all’infinito. Una verità accomuna però le due scuole di pensiero: ci penseranno i primi veri impegni a indicare la reale condizione della Lazio. Tra la Supercoppa, il playoff di Champions e l’inizio del campionato, le prove del nove non mancheranno di certo.

Repubblica.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Massimo Maestrelli e la Curva intitolata a papà Tommaso: “Chiamale se vuoi… Emozioni” | FOTO

Published

on

 


Oltre al successo della Lazio contro lo Spezia per 4-0, la giornata di ieri è entrata di diritto nella storia biancoceleste. Prima del match contro i liguri, è stata intitolata ufficialmente la Curva Sud a Tommaso Maestrelli, allenatore della Lazio vincitrice del primo Scudetto. Al taglio del nastro, oltre al Presidente della Lazio Claudio Lotito, era presente anche il figlio di Tommaso, Massimo Maestrelli, che ha ricevuto un targa commemorativa.

Questa mattina, lo stesso Massimo, ha ricordato la giornata di ieri attraverso Instagram. L’immagine pubblicata è accompagnata dal messaggio in ricordo di papà Tommaso: “E chiamale se vuoi… Emozioni, Babbo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max (@max_mauri)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW