Connect with us

Per Lei Combattiamo

I tifosi rossoblù: “Quella molotov poteva ucciderci” | Il Resto del Carlino

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

«Quando si diventa oggetto di un’aggressione immotivata c’è solo tanta amarezza e basta. Poteva finire in tragedia». C’è poca voglia di parlare tra i tifosi del Bologna che, l’altra sera, nella Capitale, si trovavano sul pullman che, all’altezza di Ponte Salario, lungo il percorso che porta allo stadio, è finito nel mirino di un gruppo di ultras della Lazio.

Siamo a una decina di chilometri dallo stadioquando i sei pullman incolonnati finiscono nel mirino di una trentina di persone (questi i numeri forniti della questura di Roma). Gli ultras laziali fanno sfilare i primi cinque mezzi rossoblù, prima di dare il via all’agguato.

All’ultimo pullman, del gruppo Vecchia Guardia, riservano il lancio di due bottiglie e di alcuni sassi, con l’obiettivo di infrangere i vetri del mezzo, prima di gettare una molotov: la bottiglia incendiaria si infrange sul lato esterno della carrozzeria evitando conseguenze tragiche. Come il 18 giugno del 1989 quando alla stazione di Rifredi i tifosi della Fiorentina, sempre con una molotov, diedero fuoco al vagone su cui viaggiava l’allora 14enne Ivan Dall’Olio che rimase gravemente ustionato.

Una scena terribile che, tra l’altro, uno dei tifosi presenti sul pullman aveva già vissuto in quella giornata nera del calcio.

In questo caso, invece, il pullman finito nel mirino è riuscito a ripartire dopo aver subito comunque dei gravi danneggiamenti. La polizia, che scortava i pullman è poi intervenuta per scongiurare scontri e sul luogo dell’agguato ha trovato pure asce e spranghe.

«Abbiamo visto la bottiglia schiantarsi contro il pullman – racconta uno dei tifosi – e una scia di fuoco sull’asfalto. E’ stato orribile e abbiamo temuto seriamente per la nostra incolumità. Non possiamo nemmeno immaginare cosa sarebbe successo se quella molotov fosse finita all’interno. E’ stata comunque un’imboscata premeditata». Intanto su Facebook si moltiplicano le manifestazioni di solidarietà verso i tifosi rimasti coinvolti nell’aggressione.

«Se fossero applicate a Roma le regole valide per altre città, lo stadio Olimpico sarebbe squalificato 8 volte su 10», dice uno dei rossoblù.

Ilrestodelcarlino.it

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il neo acquisto Gila è sbarcato a Roma: “Sono felice di essere qui, forza Lazio” – VIDEO

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Pochi minuti fa il neo acquisto biancoceleste Mario Gila è atterrato a Fiumicino, pronto per le visite mediche di rito previste domani mattina in Paideia. Successivamente volerà ad Auronzo per raggiungere il resto del gruppo biancoceleste. Come riporta Radiosei, ecco le prime parole del difensore spagnolo: “Sono felice di essere qui, forza Lazio!“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da LazioPress.it (@laziopress.it)

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW