Connect with us

Extra Lazio

“Avete perso la partita!? Adesso zappate la terra”

Published

on

 


«A lavorare, andate a lavorare!». Quante volte negli stadi i tifosi insoddisfatti lo hanno urlato alla propria squadra del cuore. Quante volte dopo una sconfitta li hanno intimati ad andare a zappare la terra, indegni dei milioni di stipendio che percepiscono per due calci a un pallone. Per una volta, gli improperi dei fan sono diventati realtà.

Il curioso e divertente caso (non per i giocatori coinvolti, naturalmente!) è accaduto in Repubblica Ceca. Il Banik Ostrava, squadra della massima serie ceca, in cinque giornate di campionato ha raccolto un solo punto e – come se non bastasse – ha rimediato anche una sconfitta in coppa nazionale contro un avversario addirittura di quarta divisione. La disfatta per 4-3 di fronte una squadra dilettantistica ha fatto perdere la testa al tecnico Radomir Korytar, che ha deciso di punire i suoi e obbligarli ai lavori forzati: «Sarà così fino a venerdì e spero che capiscano che vita agiata fanno grazie al fatto di essere calciatori».

Così ogni mattina appuntamento alle 6.45, armati di zappe e rastrelli i giocatori sudano per rimettere in sesto il centro sportivo del club ceco. Una faticaccia per chi non è abituato alla sveglia all’alba e a un lavoro così pesante.

Dal campo di gioco ai campi da zappare, una punizione più geniale Korytar non poteva trovarla: «C’è qualcuno che ha accettato di buon grado l’eccezionale misura, ma altri non l’hanno presa bene come il centrocampista brasiliano Dyjan Carlos de Azevedo, che ha lamentato forti dolori alle braccia», ha spiegato.

Un bel guaio per la Lazio se la stessa idea venisse al presidente Lotito, potrebbe affidare a Klose & Co. la costruzione dell’Academy biancoceleste!

G. Baldinacci – iltempo.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

Extra Lazio

E’ morta Gina Lollobrigida: l’attrice italiana aveva 95 anni

Published

on

 


È morta Gina Lollobrigida all’età di 95 anni. Protagonista del cinema italiano, era nata a Subiaco il 4 luglio del 1927.  Tantissimi i ruoli che ha avuto sul grande schermo e le parti che sono entrate nella storia del cinema italiano. Gina Lollobrigida è stata una delle attrici più importanti della sua generazione.

La Lollobrigida è stata nominata anche Cavaliere della Repubblica e nell’ottobre 1996 Accademica onoraria dell’antica Accademia delle Arti del Disegno di Firenze. Nel ’99 è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura. Nel 2016 un David speciale alla carriera le è stato consegnato dal Presidente Mattarella. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW