Connect with us

 

Esclusiva

ESCLUSIVA – Taglialatela su Napoli-Lazio: “Domenica sarà spettacolo. Vi spiego la vicenda Maradona-Sarri”. E sulle nuove norme di sicurezza negli stadi…

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una vittoria con l’Udinese per scacciare la crisi. Ad attendere la Lazio, però, ora ci sarà un esame ancor più complicato di quello superato domenica all’Olimpico contro i friulani: il Napoli al San Paolo. Gli azzurri vengono da un inizio di campionato non proprio idilliaco in cui, nelle prime tre giornate, hanno raccolto la miseria di soli due punti. In esclusiva ai microfoni di Laziopress.it, l’ex portiere dei partenopei Giuseppe Taglialatela, ha parlato a tutto tondo del mercato e del momento delle due squadre, della lotta Scudetto, delle nuove misure di sicurezze adottate negli stadi in questa stagione, commentando, inoltre, le parole di Maradona di ieri nei confronti di Sarri:

Sia i tifosi del Napoli che quelli della Lazio si aspettavano qualcosa in più dal calciomercato. Crede che sia Lotito che De Laurentiis abbiano fatto il massimo? Che voto dà al mercato delle due squadre?

“Sicuramente quando finisce il calciomercato rimangono sempre dei rimpianti, specie per i tifosi che si aspettano sempre qualcosa in più. Dipende dalla strategia che si vuole adottare, ma credo che in linea generale in questi anni la Lazio abbia operato bene sul mercato. I biancocelesti hanno fatto meglio in questo mercato rispetto al Napoli, anche con l’acquisto di Matri che è subito stato protagonista, riempiendo un vuoto che avevano davanti. Per gli azzurri invece sono rimasti i soliti problemi a centrocampo e in difesa. Do un 7 alla Lazio e un 6,5 al Napoli”.

Crede che Napoli e Lazio siano pronte per lottare per lo Scudetto oppure manca ancora qualcosa a queste due squadre?

“Manca sicuramente qualcosa a queste due compagini. Ci sono squadre più attrezzate di loro e alla fine in un campionato i valori vengono fuori. Napoli e Lazio sono due squadre che hanno dei grandi campioni in rosa, ma hanno ancora bisogno di un qualcosa per diventare grandi”.

Chi vede favorita per lo Scudetto quest’anno?

“Certamente l’Inter per quanto fatto vedere in queste prime tre partite perché, anche se non ha giocato un grande calcio, è molto concreta, prende pochi gol e in un campionato come il nostro questo è un aspetto importante. C’è la Roma che è molto pericolosa e ha dei ricambi importanti. Anche la Juventus, se riuscirà a risolvere il problema mentale o di probabile appagamento dopo le vittorie degli ultimi anni, sarà candidata alla vittoria finale. Il Milan ha delle problematiche ancora, mentre la Lazio è una buona squadra che ha bisogno ancora di crescere. Il Napoli sinora ha deluso più di tutte le altre, nonostante abbia delle grandi potenzialità. Se Sarri riuscirà a trovare la soluzione giusta, gli azzurri potranno ambire ad uno posizione che gli permetterà di giocare le coppe europee”.

Dove vanno ricercati i problemi del Napoli in questo momento di difficoltà per gli azzurri?

“Al momento i problemi del Napoli sono in difesa. E’ una squadra che si fa raggiungere e sorpassare come accaduto con la Sampdoria e il Sassuolo. Ad Empoli è riuscito ad agguantare il pareggio e questo è un miglioramento. La squadra di Sarri non riesce ad esprimere al massimo il proprio gioco per tutti i 90′ e questo nel campionato italiano non  ti consente di portare la vittoria a casa”.

Maradona ha definito nella giornata di ieri Sarri un allenatore non adatto per un Napoli vincente. Cosa ne pensa di queste dichiarazioni?

“Conosco bene Maradona e il suo pensiero. Lui non voleva assolutamente offendere Sarri. Ritiene che per una piazza importante come Napoli, fra un allenatore di grande caratura internazionale come Benitez e un’incognita come Sarri, alla guida dei partenopei dovrebbe esserci il tecnico spagnolo. Sarri è una scommessa, come fu Sacchi al Milan. L’ex tecnico rossonero, però, portò un gioco diverso mai visto in Italia che al momento nel Napoli di Sarri non si è visto. Anche se gli va dato tempo. La critica di Maradona era rivolta maggiormente al presidente De Laurentiis, colpevole di non aver preso un allenatore di livello”.

In questa nuova stagione sono state adottate nuove misure di sicurezza negli stadi. Le curve dell’Olimpico sono state divise con delle barriere e grazie a delle telecamere e degli agenti in borghese presenti fra i tifosi in Roma-Juventus sono stati emessi 42 verbali nei confronti dei supporters giallorossi. Cosa ne pensa lei di queste nuove disposizioni negli stadi?

“Si cerca sempre di fare qualcosa per la sicurezza, ma deve scattare nella testa di ogni singolo tifoso che allo stadio si va per tifare e non per fare la guerra. Tutte queste misure possono servire, ma alla fine c’è anche l’esterno dello stadio dove possono accadere problematiche che non ci sono solo all’Olimpico, ma in tutta Italia. Si cerca di fare ciò per permettere alle famiglie di andare allo stadio in tutta tranquillità. Negli anni 80′ non c’erano tutti questi rischi e infatti c’erano più famiglie allo stadio, anche se forse in quegli anni sono accadute le cose più brutte proprio perché c’erano meno controlli, come ad esempio quanto accaduto a Paparelli con quel razzo partito dalla Curva Sud”.

Un pronostico su Napoli-Lazio e su chi sarà l’uomo chiave sia da una parte che dall’altra.

“Gli uomini chiave da entrambe le parti saranno i portieri. Credo che sia il Napoli che la Lazio siano ottimamente coperti in quel ruolo con Reina da una parte e Marchetti dall’altra. I biancocelesti hanno uno dei migliori portieri italiani in assoluto. L’ho sempre stimato ed è un piacere vederlo giocare. Ha grande personalità e ogni volta che è in campo è sempre protagonista. Stesso discorso per Reina. Non voglio fare pronostici per scaramanzia, ma sarà una bella partita. La Lazio è in ripresa e quindi per il Napoli non sarà facile, ma spero questo match stimoli la squadra di Sarri a fare bene”.



 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

Patric e la Lazio insieme fino al 2027

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Era nell’aria, Sarri lo aveva impiegato da titolare e già a gennaio era stato trattenuto proprio dall’allenatore che si oppose al suo trasferimento in Spagna. Prima criticato ed ora dalla maggior parte dei tifosi laziali, elogiato per sicuramente il suo impegno durante le partite.

In attesa dell’ufficialità, come raccolto in esclusiva dalla redazione di LazioPress.it, Patric e la Lazio hanno rinnovato oggi fino al 2027 ed è l’unico per ora, a rimanere dei giocatori che sono in scadenza giugno 2022. Un’incontro durato quasi 7 ore ieri a Formello per decidere gli ultimi dettagli, e questa mattina è arrivata la tanto attesa firma sul rinnovo del contratto. 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW