Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – L’ex Zauri: “Per vincere in Europa è necessario che i giovani si mostrino all’altezza dei titolari”

Published

on

 


Capitano della Lazio in quello storico Lazio-Real Madrid 2 a 2 (doppietta di Pandev), con la maglia biancoceleste, Luciano Zauri, ne ha passate tante: dagli applausi della sua prima fase a Roma, alle chiamate in Nazionale, fino al ritorno nel 2011 in età decisamente avanzata. 139 presenze con l’aquila sul petto che hanno fatto di lui un leader sia in campo ma specialmente fuori.  Oggi, in vista della prima uscita stagionale dei biancocelesti in Europa contro gli ucraini del Dnipro, in esclusiva ai microfoni di LazioPress.it, l’attuale collaboratore dell’allenatore del Pescara, Massimo Oddo, ha svelato quale potrebbe essere il segreto per far sì che la formazione di Pioli possa imporsi anche fuori dall’Italia.

Stasera debutto stagionale in Europa per la Lazio. Che partita sarà quella con il Dnipro?

“Ho letto che Pioli, questa sera, darà spazio a molti nuovi acquisti che fino ad ora, per motivi diversi, non hanno avuto modo di mettersi in luce. Sarà un importante banco di prova per questi giovani che studiano da grandi, poiché hanno ottime qualità ma, non avendo esperienza, potrebbero incontrare qualche problemino a livello di gestione in questo tipo di partite”.

Cosa serve alla Lazio per imporsi anche in Europa?

“In primis vedere, per l’appunto, la risposta sul campo dei nuovi acquisti. Gli undici-dodici titolarissimi della Lazio hanno una forte personalità, e soltanto se questi giovani risulteranno essere alla loro altezza la squadra di Pioli potrà imporsi anche a livello europeo”.

Hai giocato parecchie partite in Europa con la maglia della Lazio, andando anche a segno nel 2007 in Champions League contro l’Olympiakos, ma quale è stata la partita che ti ha suscitato più emozioni?

“Ce ne sono due. La prima è senza dubbio il preliminare di Champions League Lazio-Benfica, fu la mia prima in maglia biancoceleste. Ricordo un Olimpico strapieno, una cornice di pubblico stupenda. A distanza di qualche anno, invece, senza dubbio Lazio-Real Madrid, giocata da capitano. Quella fu per me un’emozione davvero molto grande”.

Cosa c’è nel futuro di Luciano Zauri dopo l’esperienza lo scorso anno sulla panchina della formazione Berretti del Pescara?

“Quest’anno sto facendo il collaboratore di Massimo Oddo in prima squadra. La mia idea è quella di poter allenare una formazione tutta mia. Fare lo scorso anno il tecnico della Berretti e ora il collaboratore fa parte di un percorso di crescita. Chiaramente il mio sogno, come già detto, è quello di avere una squadra mia, anche di giovani andrebbe bene”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

Esclusiva

ESCLUSIVA | Pellegrini in biancoceleste, il papà: “Ha voluto fortemente la Lazio, la tifiamo da sempre. Orgoglioso della sua scelta”

Published

on

 


Una scelta di cuore, zero pensieri al denaro: Luca Pellegrini ha voluto la Lazio, mettendo davanti allo stipendio l’ambizione di un bambino che sognava di giocare all’Olimpico. Il difensore classe ’99 è un nuovo giocatore biancoceleste; il club laziale lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus. Il terzino sinistro ha iniziato la stagione con la maglia dell’Eintracht Francoforte ed è approdato nella Capitale, volenteroso di essere confermato a fine campionato.

Per commentare il passaggio di Luca in biancoceleste è intervenuto in esclusiva ai microfoni di LazioPress.it il papà Mauro, che non nasconde l’emozione: “Il mio commento non può che essere di un entusiasmo infinito…. noi siamo una famiglia di laziali da sempre. Luca ha fatto un gesto d’amore incredibile nei confronti della Lazio. Ha rinunciato a molto da un punto di vista economico, io da genitore non posso che essere felice della scelta di mio figlio, dei valori e dei principi che ha messo prima dei suoi interessi economici. E non lo dico tanto per dire. La qualità della vita vale più di qualsiasi cifra. E per lui andare nella sua squadra del cuore è il massimo. Ora per lui sarà felicità pura giocare al calcio. Aggiungere altro è superfluo. Ha voluto fortissimamente la Lazio“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW