Connect with us

Per Lei Combattiamo

Orsi: “In questo momento il ritiro è la scelta migliore”

Published

on

 


La Lazio affonda al San Paolo e scatta il ritiro a Formello. Nando Orsi, in diretta su Radio Olympia, commenta la scelta societaria e il momento che sta vivendo la Lazio:

In questo momento il ritiro è la scelta migliore. Serve per ritrovarsi, in ritiro la squadra sta insieme, si parla del momento e i più esperti parlano con i giovani spiegando anche l’ambiente di Roma. Lo stesso allenatore ha la possibilità di parlare singolarmente con ogni calciatore. E’ un segnale forte e importante. Nel mondo del calcio è una cosa normale, io ho fatto più giorni in ritiro che a casa. Il vero problema è la voglia di tornare ad essere quelli dello scorso anno, il gruppo non è lo stesso è evidente che ci siano problemi in seno alla squadra. Io parto dall’assegnazione della fascia di capitano. Poi vedo Lulic e Marchetti che hanno problemi con il rinnovo del contratto, il malcontento di Felipe Anderson per qualche esclusione. Credo che nessuno debba rimanere perchè obbligato. Non vedo una squadra contenta, la Lazio oggi è triste. C’era bisogno di motivazioni e stimoli nuovi, chi non era contento di rimanere andava ceduto. Se la Lazio avesse conquistato la Champions la situazione sarebbe stata completamente diversa. E’ stata una botta tremenda. Molti calciatori avrebbero trovato la spinta dell’entusiasmo di chi affronta quella competizione per la prima volta. Adesso spetta a Pioli ritrovare stimoli da trasmettere ai suoi ragazzi. Questa squadra ha smarrito la sua identità. Io sono contrario al turnover massiccio, si perde identità. L’allenatore deve valorizzare i suoi giocatori per quello che sono le loro caratteristiche. Non c’è bisogno di inventarsi nulla. La Lazio è passata dalla difesa a tre contro la Juventus, al 4-2-3-1 al 4-3-3. La Lazio è nata per giocare con due ali e un centravanti. Sicuramente le assenze importanti stanno pesando, ma c’era bisogno di una campagna acquisti diversa. I ragazzi che sono arrivati sono di belle speranze ma ancora dobbiamo scoprirli. L’assenza di De Vrij lascia un vuoto pazzesco, lui è il ministro della difesa. Gentiletti non è al meglio, è chiaro che Mauricio e Hoedt così vengono mandati allo sbaraglio. Sono due difensori alti e imponenti è normale che non possano contenere la rapidità di attaccanti come Insigne, Callejon e Higuain. Ci sono tante colpe anche della società, oltre la sfortuna per i tanti infortuni. Il segnale con il mercato effettuato non ha aiutato la squadra. Adesso se ne esce solo lavorando e ritrovando la testa. I valori ci sono ma non mi aspetto un campionato come quello dello scorso anno, sarà un cammino sofferto di alti e bassi. In questo contesto è difficile giocare contro chiunque. Anche contro il Genoa sarà una partita difficile in un ambiente non idoneo. Però tornare subito in campo è un bene

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Lazio, finalmente le rotazioni: ecco quanto hanno giocato i nuovi arrivati

Published

on

 


Lotito nella finestra di mercato estiva ha speso come mai prima d’ora, regalando a mister Sarri non solo 8 nuovi acquisti, ma anche la possibilità di far ruotare i giocatori tra le varie competizioni. A differenza degli altri anni, infatti, tutti i nuovi innesti sono stati già scesi in campo per diversi minuti, permettendo i titolari di riprendere fiato.

Il meno utilizzato, per ora, è Luis Maximiano. Il portiere era titolare nella partita di esordio di questa stagione contro il Bologna, ma dopo 6 minuti ha rimediato un cartellino rosso, costringendo Provedel a prendere il suo posto.

Dal 14 agosto Provedel è titolare fisso, sia in campionato che in Europa League. In questo modo, tra i nuovi acquisti è quello che ha giocato per più minuti, in tutto 802. In campionato ne ha giocati 622’ (gli 82 di Lazio Bologna e le restanti partite 90’) e in Europa League 180’ (i 90 di Lazio-Feyenoord e di Midtjylland-Lazio).

In ordine, subito dopo troviamo Romagnoli con 638 minuti, di cui 475 in Serie A e 163 in Europa League. In campionato ha giocato tutti e 90 i minuti contro Bologna, Torino, Inter e Napoli, rimanendo in panchina contro il Verona e scendendo in campo per 81 minuti contro la Samp e 34 con la Cremonese. In Europa, invece, ha giocato 73 minuti contro il Feyenoord e tutta la partita con il Midtjylland.

fraioli

Al terzo posto c’è Vecino, il pupillo di Sarri. Il centrocampista è stato l’ultimo ad arrivare saltando tutta la preparazione ad Auronzo di Cadore, ma, nonostante ciò, è uno dei più utilizzati. Sono 378 i minuti in cui è sceso in campo, di cui 255 in Serie A e 123 in Europa. Non ha mai giocato una partita intera, però piano piano si è riconquistato la fiducia del suo ex mister che lo ha mandato in campo inizialmente 7 minuti contro il Bologna nella prima partita, poi man mano ha aumentato il minutaggio. Dopo il Bologna sono arrivati i 62’ contro il Torino, i 57’ contro l’Inter, i 37’ con il Napoli, 25’ contro il Verona e 67’ con la Cremonese. Solo con la Samp è rimasto in panchina. In EL, invece, ha giocato 70’ contro il Feyenoord, in cui ha segnato 2 gol e servito un assist, e 53’ contro il Midtjylland.

fraioli

Subito dopo troviamo Gila, che con i suoi 201 minuti totali si piazza al quarto posto. Solo 21 minuti per lui in campionato (9 con la Samp e 12 con la Cremonese), ma tutti i 180 in Europa League.

Terzultimo posto per Casale, con 146 minuti in campionato. Non ha ancora mai calcato i campi dell’Europa League, ma ha giocato 90 minuti contro il suo ex Verona e 56’ contro la Cremonese.

Infine, prima del meno utilizzato Luis Maximiano, troviamo Marcos Antonio con 138 minuti. In Serie A è sceso in campo 4 volte: contro il Torino (28’), l’Inter (6’), la Samp (18’) e il Verona (65’). In Europa League, invece, ha giocato solo 21 minuti contro il Midtjylland.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW