Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

FOCUS – Onazi in gol per il suo Paese nel 55^ anniversario dell’Indipendenza dalla Gran Bretagna

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ il 21′ all’Olimpico, la Lazio è già sotto con il Saint-Etienne grazie alla rete fortunosa in mischia sugli sviluppi di un corner di Sall. Felipe Anderson, però, decide di prendere la squadra per mano e così si accende il talento di Santa Maria che raccoglie palla sulla trequarti, supera il suo diretto marcatore con uno scatto bruciante ed entra in area avversaria; il brasiliano alza la testa, ma non vede nessuno, rientra, attende e poi, al momento giusto, serve un pallone preciso per Onazi che arriva a rimorchio da dietro: stop di petto e palla all’angolino per l’1-1 (3^ rete in Europa League dopo quelle contro Stoccarda e Trabzonspor, ndr). Il centrocampista nigeriano resta impassibile, mano tesa sulla fronte ad imitare il saluto militare. Un’esultanza insolita per un giocatore che finora ha dedicato tutti i suoi gol a Dio, inginocchiandosi e alzando le mani al cielo. E allora quale sarà il motivo di tale gesto? Semplice perché quest’oggi, 1 Ottobre, ricorre il 55^ anniversario dell’Indipendenza della Nigeria concessa come federazione di tre regioni (settentrionale, occidentale e orientale) dalla Gran Bretagna nel 1960. Il laziale ha sempre dimostrato grande attaccamento verso il suo Paese e nel pomeriggio aveva twittato così sul proprio profilo ufficiale: “Felice Indipendenza per il miglior Paese del mondo. Dio benedica la Nigeria”. Per poi ripetersi a pochi minuti dal termine del match, ribadendo così: “Tre punti e un goal per la mia amata Nigeria. Grazie immenso popolo laziale”. Laziali che, ovviamente, ringraziano per il gol e ricambiano gli auguri verso una Nazione e un popolo, quello nigeriano, forte, fiero e indipendente.


 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS | Festa Lazio, quinto posto per 55.000

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Un grande pubblico saluta i biancocelesti: campionato concluso davanti alla Roma.

Come riportato dal Corriere dello Sport, notte d’altri tempi con il popolo biancoceleste che torna a riempire l’Olimpico. Erano 55.000 i tifosi presenti per mandare un messaggio a Lotito: serve una Lazio ancora più ambiziosa nella prossima stagione.
Ieri partenza schock dei biancocelesti, il Verona segna con Simeone e Lasagna. Poi la rimonta: Cabral, Felipe e Pedro. Hongla acciuffa il pari.

Immobile è per la quarta volta re dei marcatori. Lo precede, nella storia della Serie A, solo Nordhal: nessun attaccante italiano era mai riuscito nell’impresa. Ha vinto Sarri, applaudito sotto la Curva Nord, perché bastava un pareggio per finire quinto e piazzarsi davanti alla Roma (terzo anno di fila per la società). La qualificazione in Europa League può essere la base per costruire un futuro radioso, a patto di accontentarlo sul mercato e magari ribaltando il destino attraverso la conferma di un top player come Milinkovic, forse al passo d’addio nella scia di Leiva, Strakosha, Luiz Felipe e probabilmente Acerbi.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW