Connect with us

Per Lei Combattiamo

FOCUS – Verso Lazio-Torino: il punto sui granata

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Casa dolce casa…..Per la Lazio in questo avvio di stagione l’Olimpico è una forza in più. In sette gare ufficiali solo vittorie per la squadra di Pioli, ieri il successo in Europa League contro il Rosenborg, con i biancocelesti in 10 dopo appena cinque minuti. Un vero e proprio fortino, a differenza delle gare in trasferta dove è arrivata solo una vittoria finora, in casa dell’Hellas. Domenica contro il Torino l’obiettivo è ripartire dopo la sconfitta nell’ultima partita con il Sassuolo, con la Lazio che potrà contare sul fattore Olimpico.

L’avversario però non è certo dei più semplici. Il Torino è settimo in classifica distante solo un punto dalla Lazio, e in queste prime otto gare di campionato ha dimostrato di essere un’ottima squadra, giocando un bel calcio e mettendo in mostra tanti giocatori. Finora i granata hanno ottenuto 4 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte. realizzando 13 gol e subendo 9 reti. Anche per la squadra di Ventura il rendimento tra casa e trasferta è completamente differente: all’Olimpico di Torino 10 punti conquistati, mentre lontano dalle mura amiche sono arrivati solo 4 punti. Il Toro in estate ha operato molto bene in estate, cedendo bene e acquistando ancora meglio. Ogni anno la società cede un big, per poter poi rinforzare la squadra. Cairo in questi anni da presidente ha attraversato momenti molto difficili, come gli anni in B e le prime stagioni in A, ma è riuscito comunque a portare il Torino in alto, partecipando due anni fa all’Europa League e arrivando sino agli ottavi. Il lavoro svolto da Petrachi in questi anni da direttore sportivo è stato eccellente. Dopo le cessioni della coppia d’oro, Cerci-Immobile, nell’estate scorsa è andato via per 20 milioni di euro Darmian, con il terzino della Nazionale Italiana che è passato al Manchester United. Sono arrivati talenti italiani come Baselli, Zappacosta e Belotti, con il made in Italy che è parte integrante del progetto societario, con la permanenza di elementi fondamentali per Ventura e ambiti dai migliori club europei, come Glik, Maksimovic e Bruno Peres. Il modulo di mister Ventura è sempre lo stesso: 3-5-2, sistema di gioco che favorisce il gioco sugli esterni, con un grande movimento delle due punte, per gli inserimenti dei due intermedi, come testimoniano i 4 gol realizzati da Baselli fino a qui, con l’ex Atalanta vera rivelazione di questo inizio di Serie A. La palla a terra fin dalla difesa è un dogma delle squadre di Ventura, dove anche il portiere deve saper giocare con i piedi.

Per la sfida contro la Lazio, dovrebbe rientrare Bruno Peres, determinante con le sue accelerazioni sulla fascia, mentre sarà indisponibile il regista Vives, e al suo posto giocherà Gazzi. Ecco la probabile formazione per la gara dell’Olimpico, con un dubbio in avanti per Ventura, per l’attaccante da affiancare a Quagliarella. Lotta a due tra Belotti e Maxi Lopez. In porta Padelli; difesa a tre con Bovo-Glik-Moretti; Bruno Peres-Benassi-Gazzi-Baselli-Molinaro i 5 di centrocampo; Quagliarella e Belotti, favorito sull’argentino, a formare il tandem d’attacco. 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Juventus-Lazio, Tare nel pre partita: “Milinkovic? Fiducioso sul rinnovo”

Published

on

 


Prima del match tra Juventus e Lazio, il direttore sportivo biancoceleste Igli Tare ha parlato così ai microfoni di Mediaset. Ecco le sue parole:

Siamo assolutamente favoriti, c’è una Juve che ha bisogno di una grande reazione e questo deve farci stare ancora più uniti. Questa per noi è una grande opportunità, con la Coppa Italia che è un obiettivo stagionale, anche se non sarà semplice. La Champions League? E’ un altro obiettivo, stasera c’è la Coppa Italia ed è un’occasione per raggiungere un traguardo, dopo che l’ultima in campionato non è andata come avremmo voluto. Pellegrini? L’allenatore aveva espresso questa necessità per quella parte del campo, e abbiamo portato un ragazzo giovane e innamorato di questi colori. Ennesimo tormentone su Milinkovic Savic da qui a giugno? A me fa l’effetto contrario perché so come stanno le cose e quindi non c’è nessun tormentone: ogni cosa si risolverà al momento opportuno. Si legge che il giocatore avrebbe dei dubbi sul rinnovo del contratto? La cosa positiva è che io non leggo mai quello che viene scritto perciò non vado avanti né con i sé e né con i ma. So come stanno le cose e sono tranquillo. Se sono fiducioso? Sempre, sempre”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW