Connect with us

Per Lei Combattiamo

Fabio Poli: “Pioli? Quando le cose non vanno la colpa ricade sempre sul Mister…”

Published

on

 


L’ex attaccante biancocleste, Fabio Poli, è intervenuto ai microfoni de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda  sugli 88.100 FM di Elleradio. Queste le sue parole:

Sulla mancanza di determinazione della squadra

“Per quello che ho potuto vedere è difficile giudicare se sia un problema di determinazione o meno. Di sicuro la Lazio finora non è stata fortunata. Ha avuto tanti episodi a sfavore e soprattutto tanti infortuni, che hanno impedito alla squadra di far vedere di nuovo quanto messo in mostra lo scorso anno. L’allenatore e gli interpreti sono quasi tutti quelli della passata stagione”.

Sul Mister Stefano Pioli e sulla squadra

“Quando le cose non vanno si arriva quasi sempre a pensare all’esonero del Mister, ma non credo che il tecnico, tanto acclamato l’anno scorso, possa essere diventato scarso all’improvviso. Ripetersi nel calcio è sempre la cosa più difficile. La capacità che fa la differenza spesso è saper reagire ai momenti no che si presentano in maniera ciclica. Qualche giocatore sta pagando a livello fisico, inoltre la campagna acquisti non ha di certo alimentato la fiducia. Anzi, probabilmente non ha portato ciò che ci si poteva aspettare per migliorare ulteriormente la rosa”.

Sulle pecche della Lazio

La mancanza di De Vrij è stata la tegola più pesante da sopportare. A livello difensivo ho visto davvero tanti errori individuali. Anche a livello offensivo serve qualche invenzione in più, i giocatori di maggior talento vengono studiati e devono saper sempre trovare nuove soluzioni per disorientare gli avversari”.

Sulle voci di una cessione di Antonio Candreva

“Sicuramente non è in un momento brillante, ma è un giocatore che ha sempre dato tutto e prima di sostituirlo bisognerebbe avere una carta importantissima in mano sul mercato. Viceversa la sua mancanza si sentirebbe molto pesantemente. Servirebbe sul fronte offensivo più collaborazione da parte di tutti, anche le punte centrali vanno servite e messe in condizioni di rendere meglio”.

Sulla fascia di capitano

In una squadra ci vogliono più leader. Il capitano deve essere uno e la fascia è un simbolo importante, ma ci possono anche altri elementi in grado di guidare il gruppo dentro e fuori il campo”.

Sulle prospettive future e sul campionato

“Ad oggi l’Europa League sembra la competizione in cui si può fare meglio, ma il livello di difficoltà salirà andando avanti. Sarà fondamentale restare dentro la stagione su tutti i fronti. Compreso quello del campionato, che non mi aspettavo così livellato. Al momento Fiorentina, Inter, Napoli e Roma hanno messo qualcosa di più, ma è evidente che non c’è la Juventus degli anni scorsi. Credo che i bianconeri risaliranno la classifica, anche se perdere Tevez, Pirlo e Vidal ha tolto molto, anche alla luce degli acquisti fatti. Sarà difficile rivederla vincere già quest’anno”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Con la Juve rilancio per Lazzari, Patric e Vecino. In attacco torna Immobile

Published

on

 


Novanta minuti da dentro o fuori. L’avversario è al momento indecifrabile per cui sarà una partita tutta da giocare domani sera contro la Juventus. Non ci sarà turnover ma qualche cambio è naturale che Maurizio Sarri lo effettui per avere una squadra carica di energie nervose e mentali. Fra i pali rientra Maximiano che già ha giocato il turno precedente col Bologna. In difesa torna Lazzari sulla corsia di destra con Hysaj confermato sulla fascia mancina, un turno di riposo per Marusic che non era al 100%. In mezzo si riprende la maglia da titolare Patric dal primo minuto e farà coppia con Romagnoli, favorito su Casale. A centrocampo uno dei big partirà dalla panchina, dalle prove di oggi sembra poter toccare a Milinkovic con Vecino quindi che si muoverebbe alla destra di Danilo Cataldi e con Luis Alberto a completare il reparto. Davanti non ci sono dubbi sulla fascia e la maglia a Ciro Immobile, i venti minuti di domenica hanno dato segnali confortanti. Il numero 17 quindi guiderà l’attacco con Felipe Anderson a destra e uno fra Pedro e Zaccagni a sinistra. E’ un ballottaggio aperto con lo spagnolo in leggero vantaggio sull’ex Verona uscito acciaccato dalla sfida contro la Fiorentina.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW