Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Dossena: “Pioli merita fiducia. Nel 2004 ho sfiorato la Lazio”

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


Dopo la Sampdoria, la Lazio si prepara a ricevere l‘Udinese in Coppa Italia. Una gara secca all’Olimpico, dove passerà chi sbaglierà poco o niente. La Lazio viene dal deludente pareggio di ieri, la squadra di Colantuono invece cerca riscatto dopo il pesante 0-4 contro l’Inter.

Per avere un quadro migliore sui friulani, la redazione di LazioPress.it ha contattato in esclusiva Andrea Dossena, dal 2006 al 2008 in Friuli.

La Lazio non sa più vincere, Pioli è l’uomo giusto per ripartire? A gennaio può bastare un difensore per migliorare la difesa? In passato è mai stato vicino alla Lazio?

“Pioli è l’uomo giusto perché conosce la squadra. Lo scorso anno ha fatto un’impresa. Credo sia l’uomo giusto, assolutamente”.

A gennaio può bastare un difensore per migliorare la difesa?

“Non basta un uomo per migliorare la difesa, è rapporto di movimenti. E’ un lavoro di squadra, penso anche all’assenza di Biglia a inizio anno. Un uomo non cambia la difesa”.

In passato sei mai stato vicino alla Lazio?

“Sì. Nel 2004, andai a Treviso anziché venire alla Lazio. Avevo dato l’ok ma poi il presidente del Verona mi cedette al Treviso perché aveva dato la sua parola”.

Se la Lazio piange, l’Udinese non ride. Influisce il probabile ritiro di Di Natale?

“I friulani sfornano grandi giocatori da sempre. Di Natale ogni anno era una garanzia. Le stagioni però passano anche per lui, spero che si risolva presto la situazione perché non giova a nessuno. Sono curioso di vedere se una volta ritiratosi, i Pozzo venderanno ancora. Comunque la salvezza non è a rischio, visto che hanno ottimi giocatori per salvarsi”.

Segui la Serie A?

“Certo. L’Inter, contro le mie aspettative, sta reggendo molto bene. Anche la Juventus però è in crescita, credo che darà battaglia fino alla fine”.

Napoli e Liverpool, la carriera di Dossena non è stata banale…

“Sono state emozioni uniche. Ad Anfield atmosfera incredibile, ma anche a Udine è stato un anno indimenticabile.

Dossena ha vinto una Coppa Italia in carriera, in panchina c’era Mazzarri

“Ho sentito il suo staff. Mazzarri sta imparando l’inglese. All’Inter è andata male, credo che avrà delle offerte, è ambizioso e preparato tatticamente, bravo a sfruttare i punti deboli degli altri. Noi ad esempio in Europa facevamo meno fatica, perché gli altri facevano la partita”.

Ora sei al Chiasso con Camolese, che avventura è?
“Ho iniziato con entusiasmo, volevo provare un nuovo campionato. Mi trovo bene, il livello è buono la città manca un po’ in strutture ma i campi sono belli. E poi viviamo in Italia, vicino casa. Camolese? E’ preparato, ci sta dando una mano. La sua impronta tattica italiana si vede ed è valida. Con il tempo migliorerà”.

Chiusura sul futuro
“Mi piacerebbe allenare, la concorrenza è tanta però. Ho preso molto da tutti, forse meno da Benitez. Sento spesso anche Marino. In Italia sono sicuro che imparerei, ma anche all’estero”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW