Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Candreva trascina la Lazio con una doppietta e un assist. Prima rete in A di Cataldi e si rivede anche Felipe

Published

on

 


La Lazio torna a vincere davanti il proprio pubblico con una partita dai due volti. Un primo tempo anonimo, nella ripresa Pioli cambia forma alla squadra ribaltando il risultato. Candreva gioca quarantacinque minuti da campione, torna ad illuminarsi anche Felipe. Gara precisa per Bisevac che comanda la difesa.

Berisha 6,5 – Sul vantaggio dei gialloblù è incolpevole, per il resto è preciso nel bloccare le conclusioni clivensi. Si toglie la soddisfazione di parare il secondo rigore stagionale confermando il buon momento che sta vivendo.

Konko 5,5 – Tiene in gioco gli attaccanti del Chievo in occasione del vantaggio di testa di Cesar. Meno propositivo del solito, quando riesce a sovrapporsi pecca in precisione sui cross.

Dal 69′ Felipe Anderson 7 – Entra immediatamente in partita con un passaggio smarcante per Candreva e un velo delizioso sempre per il numero ottantasette. Serve l’assist al compagno di fascia per chiudere la partita. Sfiora il gol con un tiro che finisce sul palo.

Bisevac 6,5 – Paloschi è un cliente scomodo e il serbo si affida a tutta la sua esperienza nel contenerlo. Gioca in anticipo senza sbavature facendo ripartire le azioni con personalità.

Radu 5 – Torna al centro dopo più di un anno e sembra arrugginito. Non riesce sempre a prendere le misure sugli avversari fino all’espulsione per fallo da ultimo uomo su Paloschi.

Lulic 6,5 – Si prende un giallo pesante che lo costringe a saltare per squalifica la trasferta di Udine. Ammonizione a parte, è una spina nel fianco costante per i clivensi giocando più da alla aggiunta che da terzino

Milinkovic 6 – E’ il più in forma in campo e prova a suonare la sveglia ai compagni ma non può cantare e portare la croce da solo. Il suo unico difetto è di natura tattica non essendo una mezzala e viene richiamato in panchina per provare l’assalto.

Dal 60′ Klose 6,5 – Appena entra ha l’occasione del pareggio ma prova un improbabile girata anziché appoggiare ai compagni per un facile tap in. Mezz’ora generosa in cui si mette a fare il centrocampista aggiunto quando la Lazio è in inferiorità numerica.

Cataldi 6,5 – Prima rete in Serie A con un tiro al volo dal limite che ribalta il risultato. Un’iniezione di fiducia per il centrocampista che stava vivendo una partita anonima.

Parolo 6 – E’ il fratello del giocatore ammirato lo scorso anno. Non si vede mai né in fase d’impostazione ne negli inserimenti offensivi. L’unica volta che si butta in area avversaria, sfiora il pareggio.  Nella ripresa la Lazio aumenta l’intensità e l’ex Parma svolge il suo lavoro.

Candreva 8 – Gioca un primo tempo prima a destra e poi a sinistra senza creare pericoli. Nella ripresa entra in campo il vero Candreva procurandosi e siglando il pareggio con esultanza polemica verso lo stadio. Poi chiude i conti con una doppietta incrociando sul secondo palo e un assist per la quarta rete di Keita.

Djordjevic 5 – Palloni in area arrivano ma non per lui che si ritrova chiuso nella morsa di Dainelli e Cesar. È altrettanto vero che in area si muove con una lentezza pachidermica e Pioli lo lascia negli spogliatoi alla fine del primo tempo.

Dal 46′ Matri 6,5 – Fa a sportellate in area di rigore veronese, meriterebbe il gol che sarà tenuto magari per la prossima partita.

Keita 7 – Svaria su tutto il fronte avanzato creando il primo problema a Bizzarri con un’azione personale. Inizia la ripresa con una cavalcata che costringe Cesar al fallo e alla conseguente espulsione.  Sigla la quarta rete nel recupero che chiude definitivamente i conti.

All.: Pioli 7 – La formazione che scende in campo non convince, poi la ridisegna e finalmente torna ai tre punti all’Olimpico.  Una vittoria che fa ben sperare per il futuro.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La S.S. Lazio onora la Memoria dei perseguitati della Shoah e delle vittime dell’odio

Published

on

 


Come riportato sul sito biancoceleste, la Lazio ricorda le vittime dell’Olocausto:
La Società Sportiva Lazio, Ente Morale, ricorda con commozione e onora la Memoria dei bambini, delle donne e degli uomini perseguitati della Shoah e vittime dell’odio. Non verranno mai dimenticati e continueremo a sentirli presenti, vivi, in ogni singolo istante, impegnandoci concretamente per dare luce alla Memoria e spegnere l’odio e la discriminazione in tutte le forme ottuse e violente in cui si manifestano ancora, ogni giorno“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW