Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Eranio: “La Lazio può andare avanti in Europa. Klose? Va onorato per quello che sta facendo per il calcio”

Published

on

 


La vittoria contro l’Atalanta ha iniettato senz’altro una buona dose di fiducia nella formazione biancoceleste che giovedì sera dovrà affrontare una delle prove più importanti e determinanti di questa stagione così complicata. La Lazio proverà, infatti, a proseguire il suo cammino in Europa League affrontando nella gara di ritorno i cechi dello Sparta Praga. Se non altro tenterà di salvare l’unico obiettivo concreto che può ancora perseguire. E il campionato? Sono davvero tramontate le speranze di raggiungere la zona europa? No, finché la matematica non affermerà il contrario, la Lazio continuerà a crederci. Pertanto, domenica, gli uomini di Pioli, dovranno mettere in campo cuore, anima e testa per poter ottenere altri tre punti fondamentali che possano contribuire a chiudere il campionato in una posizione più consona e adatta al valore della rosa. E dovranno farlo contro un avversario ostico come il Milan e in uno stadio non facile e particolare come quello di San Siro. Per commentare queste due sfide fondamentali che attendono i biancocelesti in questa settimana, la redazione di LazioPress.it ha contattato in esclusiva Stefano Eranio, centrocampista del Milan dal 1992 al 1997, in cui ha collezionato ben 98 presenze e messo a segno 6 gol.

Domenica la Lazio affronterà a San Siro il Milan. Che partita ti aspetti?

“Considerando i momenti di entrambe le squadre credo che sarà una partita difficile. Il Milan deve dimostrare qualcosa in più, nonostante le importanti assenze che stanno caratterizzando i rossoneri. Per quanto riguarda la Lazio, invece, arriverà in partita con un morale senz’altro più alto visto il buon cammino in Europa League e il risultato positivo conseguito nell’ultima giornata di campionato contro l’Atalanta”.

Secondo te, chi sono i rossoneri che potrebbero sbloccare il risultato ai danni degli uomini di Pioli?

“Come ho già detto, il Milan ha molte assenza, soprattutto nel reparto offensivo. Credo che si potrebbe puntare su Menez. Deve comunque ottenere a tutti i costi i tre punti, deve vincere. Può anche non convincere, ma deve vincere”.

Invece, chi deve temere maggiormente Mihajlovic nella Lazio?

“Beh, il reparto offensivo biancoceleste è importante. Se dovesse giocare Candreva dal primo minuto, sarebbe un bel problema per il Milan. Oltre a Matri, Klose e Anderson, ovviamente. Credo che questi tre giocatori siano quelli dotati di maggior qualità e che possano far male ai rossoneri. Tuttavia, giocare a San Siro non è affatto semplice”.

Un commento su Klose.

“Da milanista quale sono, Klose è un professionista. Va onorato per quello che ha fatto per il calcio e che continuerà a fare. Devo dire che lui è un giocatore di calcio. E’ un esempio per tutti i ragazzi giovani, anche solo per come si muove, a prescindere dai gol”.

Credi che la Lazio continuerà il cammino in Europa League?

“Sì, penso che la Lazio abbia tutte le possibilità di passare il turno giovedì sera. Sulla carta la formazione di Pioli è senz’altro più forte dello Sparta Praga, quindi può farcela”.

Lazio e Milan hanno senz’altro degli elementi in comune: entrambe sono protagoniste di una stagione altalenante e non all’altezza delle aspettative. Sei d’accordo?

“Ci si aspettava qualcosina in più da entrambe, però purtroppo il calcio è questo: ci sono talmente tante situazioni dietro, che non conoscendole non si può nemmeno giudicare. Sono due squadre che sulla carta meritano di più, ma mancano ancora molte partite e c’è il tempo affinché entrambe ritirino su la testa e migliorino la stagione”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Calcio

ESCLUSIVA | Pellegrini in biancoceleste, il papà: “Ha voluto fortemente la Lazio, la tifiamo da sempre. Orgoglioso della sua scelta”

Published

on

 


Una scelta di cuore, zero pensieri al denaro: Luca Pellegrini ha voluto la Lazio, mettendo davanti allo stipendio l’ambizione di un bambino che sognava di giocare all’Olimpico. Il difensore classe ’99 è un nuovo giocatore biancoceleste. Il club laziale lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus. Il terzino sinistro ha iniziato la stagione con la maglia dell’Eintracht Francoforte ed è approdato nella Capitale, volenteroso di essere confermato a fine stagione.

Per commentare il passaggio di Luca in biancoceleste è intervenuto in esclusiva ai microfoni di LazioPress.it il papà Mauro, che non nasconde l’emozione: “Il mio commento non può che essere di un entusiasmo infinito…. noi siamo una famiglia di laziali da sempre. Luca ha fatto un gesto d’amore incredibile nei confronti della Lazio. Ha rinunciato a molto da un punto di vista economico, io da genitore non posso che essere felice della scelta di mio figlio, dei valori e dei principi che ha messo prima dei suoi interessi economici. E non lo dico tanto per dire. La qualità della vita vale più di qualsiasi cifra. E per lui andare nella sua squadra del cuore è il massimo. Ora per lui sarà felicità pura giocare al calcio. Aggiungere altro è superfluo. Ha voluto fortissimamente la Lazio“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW