Connect with us

Per Lei Combattiamo

Inzaghi raccontato dal primo allenatore della sua carriera

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


In pochi giorni è cambiato il mondo di Simone Inzaghi. L’ex attaccante passa dalla Primavera alla prima squadra, sempre nel segno della Lazio. Come se la caverà in panchina? Parola al suo primo mentore, Gianfranco Luporini, detto “Lupo”, al Piacenza.

 “Ha personalità, idee, motivazioni. Contento per lui – ammette a Gianlucadimarzio.com – se lo merita. E’ bravo. Simone mi è rimasto nel cuore, l’ho allenato tra Allievi e Primavera. Poi l’ho seguito in tutti i suoi giri per l’Italia: Carpi, Novara, Brescello. Fino a quando Gianpietro Marchetti e Beppe Materazzi lo inserirono in prima squadra. Esordì con la Lazio, segnò di testa. Evidentemente era destino…Lo chiamavo Ciccione, era una cosa tra noi. Ho talmente tanti aneddoti che potrei scrivere un libro”. Luporini parte in quarta: “Se giocavamo contro la Juve allora giocava da solo, con le altre squadre era diverso. Esempio? Contro il Modena stiamo vincendo 5-1, a 2’ dalla fine lo cambio per proteste. Senza incazzarmi, gli dico “Simo, domenica contro la Reggina parti dalla panchina”. Lui mi guarda e fa “Mister, so che mi metterà in campo e segnerò”. Accadde esattamente questo. Mi rispose con “te l’avevo detto”. Ah, Simone…”.

Ride, ricorda, è un fiume in piena: “E’ cresciuto a pane e pallone, un ragazzo pulito e per bene.Innamorato del calcio! Lui e Pippo erano legatissimi. Mi impressionava una cosa poi…”. Ah, sì? Quale, quale: “Durante le trasferte si avvicinava a me, a quei tempi già facevo l’osservatore per conto del Piacenza. Mi diceva “mister, hai visto quello? E quell’altro?”. Già da giovanissimo, neanche 18enne, conosceva tutti! Purtroppo era un po’ superficiale, in allenamento non sempre si allenava bene. Però in campo si trasformava”.

E in panchina, ripropone queste doti? “Certo, vedendo giocare la sua Primavera si vede la mano dell’allenatore. I ragazzi sono preparati sotto il profilo tecnico, certamente. Ma te ne racconto un’altra…”. Spara! Ormai è un aneddoto continuo: “In attacco, negli Allievi, faceva coppia con Marcello Campolonghi. Mi ricordo che contro il Genoa c’era un rigore per noi, solita discussione su chi doveva battere…”. Non un novità per Inzaghino, che contro la Samp litigò con Di Canio per tirare dal dischetto. Tutto risolto poi, Paoletto segnò. Ma al tempo: …glielo parano! Poi sia lui che Campolonghi si avventarono sulla ribattuta, fecero talmente tanto casino che tirarono la palla fuori”.

Finita qui? Macchè: “Durante la finale di un torneo calcia col cucchiaio, il portiere la prende. Accade anche con la Lazio, si fece parare un rigore da Taibi perdendo credibilità (la Lazio vinceva 2-0 ndr). Insomma, quella partita lì giocavamo contro il Milan, avevamo il dente avvelenato. Vinciamo 1-0, ma Simone si sarà mangiato almeno 18 gol per tentare giocate alla Messi. Lo inseguì per tutte le colline circostanti e per il campo(ride)! Simone era questo, un facilone buono, non riuscivi ad incazzarti. Ma si merita tutto quello che ha avuto”.

Sorride, ridacchia sotto i baffi. La tentazione, però, è veramente troppo forte. Riapriamo il libro per l’ultimo aneddoto: “Lo andavo a vedere a Brescello, quella con d’Astoli fu un’annata particolare. Al 20esimo sono sopra 2-0, doppietta di Simo. Vedo che però la panchina si muove, allora dico al mio amico vicino a me “ora lo cambia, sostituisce il Ciccione”. Allora gli urlai dalla tribuna di stare tranquillo, perché sicuramente avrebbe fatto qualche stupidaggine. Meno male che andò bene”.

Tanti giri, poi l’esplosione a Piacenza: 15 gol in A e via, dritto alla Lazio di Cragnotti. Anche qui, però, l’immancabile retroscena: “Dopo qualche tempo che si trovava a Roma mi arriva una telefonata di Danilo Pileggi, ex allenatore nelle giovanili della Lazio”. Ah, che disse? “Lupo, ci puoi spedire i polpacci di Inzaghi? Sono rimasti a Piacenza!”. Fisico da mingherlino. Ride ancora, poi continua:“Calciava rigori e punizioni, già allora si prendeva le sue responsabilità. Per la sua carriera deve ringraziare la testardaggine di Gianpietro Marchetti, ex ds del Piacenza. Dopo anni non positivi ci credeva ancora. Noi ci fidavamo. Poi nel ‘98 rubò il posto a Rizzitelli e alla prima giornata fece gol”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Verona-Lazio, Cataldi all’intervallo: “Forse meritavamo di sbloccarla prima”

Published

on

 


La Lazio ha sbloccato il match allo scadere del primo tempo grazie ad una splendida rete, arrivata grazie al mancino di Pedro. Ecco il commento di Danilo Cataldi dopo il primo tempo del match, arrivato ai microfoni di Dazn:

Siamo riusciti a sbloccarla all’ultimo, meritavamo di farlo prima. Dobbiamo girare la palla il più velocemente possibile e farli muovere. Loro in casa giocano con tanta pressione, continuiamo a muovere palla e troveremo spazi. Me li aspettavo aggressivi, sappiamo come giocano: da anni sono questo tipo di squadra”.

fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW