Connect with us

Per Lei Combattiamo

Noordin, nuovo Pres. Bari: “A Formello ho osservato l’Academy. Acquistare la Lazio? Non sarebbe stata una sfida come qui…”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


L’imprenditore malese Noordin è diventato il Presidente del Bari, rilevando le azioni di Paparesta. Il nuovo patron della società pugliese è intervnuto ai microfoni di TuttomercatoWeb. Ecco le sue parole:

“Non pensavo che il calcio potesse essere qualcosa su cui investire. In Malesia, per quanto riguarda questo sport, non sembra esserci futuro e non c’è grande competizione”. Noordin ha poi parlato anche di Lazio, e in particolare dell’Academy biancoceleste:“Volevo dare una possibilità al movimento e promettere ai calciatori malesi una prospettiva di crescita. Così sono sbarcato a Formello per capire se il progetto delle Academy della Lazio poteva sbarcare in Malesia per aiutare i nostri giovani. Da lì ho iniziato a interessarmi al calcio ed è nata l’idea di entrare nel Bari calcio per costruire un progetto“. Sull’acquisizione del club biancorosso ha poi dichiarato:“Ho sentito subito una vicinanza con Bari e la sua gente e alla fine ha scelto questo club perché è ancora in Serie B. Se fosse stata una squadra come la Lazio o la Roma non sarebbe stata una sfida, invece qui ci sono potenzialità per costruire qualcosa di importante e voglio portare questa squadra molto in alto. Io credo che si possa fare perché alla base della mia esperienza e della mia cultura c’è la forte volontà di poter fare tutto quello che ci si pone come obiettivo”. Noordin spiega poi perchè ha deciso di investire in Italia:“Ero a Roma con la mia famiglia il 24 dicembre e avevo programmato di essere qui solo per una settimana, ma ho avuto un attacco di cuore come già mi era capitato diverse volte in passato mentre ero in viaggio di lavoro. Ho pensato che questa fosse la volta buona per morire. Senza questo attacco di cuore non sarei rimasto in Italia, che mi ha salvato la vita, e non avrei avuto l’occasione di fare qualcosa di grande per questo Paese, per ringraziarlo. Da lì ho pensato a cosa avrei potuto fare per l’Italia e ho iniziato a guardarmi attorno”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Daniele Tosatti: “Forse a qualcuno dà fastidio che la Lazio possa comprare senza vendere i suoi gioielli”

edo9923@hotmail.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Daniele Tosatti, figlio del celebre giornalista Giorgio Tosatti, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio in merito alla prima giornata di campionato che vedrà contrapporsi le formazioni allenate da Sarri e Mihajlovic, aggiunge poi una nota sulla vicenda Luis Alberto, motivo primario di discussioni in queste ultime settimane di calciomercato. Di seguito le sue parole:

“C’è tanta curiosità su Lazio-Bologna, vedremo ballottaggi in difesa ma ci sarà una sana competizione per i 4 posti. L’interrogativo maggiore sarà sulla mediana di centrocampo. Vedremo chi la spunterà tra Cataldi e MarcosAntonio e tra Luis Alberto e Basic. Credo si vedrà il tridente classico con Pedro, Zaccagni e Immobile. In porta prevedo Maximiano. Il discorso della cessione di Luis Alberto viene da una sua richiesta, non da una questione tecnica, perchè è stato impegnato tanto da Sarri. Si tratta di un giocatore unico, è un fantasista, un regista tipico degli anni 90’ in un calcio tremendamente moderno e schematico. Vive lo stesso paradosso di Immobile che è il secondo bomber più prolifico d’Europa ma non ha mercato. La Lazio non ha l’obbligo di privarsene per motivi economici, ma meglio puntare su un altro giocatore tenendone un altro scontento in casa. Solo nello spogliatoio queste questioni si fanno. Ieri il Siviglia ha tesserato Isco, quindi credo sia difficile che i due giocatori convivano tatticamente. Gira sempre più la voce che Ilic arrivi a prescindere da Luis Alberto, che comunque dà un grandissimo apporto alla squadra. Io me lo terrei stretto, forse a qualcuno dà fastidio che la Lazio possa comprare senza vendere i suoi gioielli. Mi sembra riduttivo dire che non possa convivere con Marcos Antonio. Bologna? I 90 minuti di ieri in Coppa Italia potrebbero andare un po’ a sfavore degli uomini di Mihajlovic. Non li ho visti brillanti, si sono privati di buonissimi giocatori”. 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW