Connect with us

Per Lei Combattiamo

La Lazio di Inzaghi sogna l’Europa | Il Tempo

Published

on

 


Simone Inzaghi li abbraccia tutti, va in mezzo al campo, chiama l’applauso dei pochi tifosi presenti. Finisce 2-0, seconda vittoria consecutiva (5 gol segnati, zero incassati), anche l’Empoli s’inchina a una Lazio rigenerata dal giovane tecnico, eroe dello scudetto del Duemila. In braccio il piccolo Lorenzo, insieme a lui anche il più grande Tommaso, mentre l’inno biancoceleste inonda lo stadio. Segnano Candreva su rigore e Onazi, rischi vicini allo zero, aggancio al Sassuolo e sesto posto a quattro punti anche se sarebbe un’impresa riuscire ad agganciare in extremis il preliminare di Europa League, considerando un calendario che ora diventa molto complicato. Però almeno ora la Lazio c’è, lotta con dignità e i meriti sono tutti di Inzaghino che ha saputo toccare le corde giuste dei senatori latitanti nell’era Pioli. Tutto troppo facile e forse sarebbe bastato cambiare un paio di mesi prima per evitare le ultime delusioni.

OLIMPICO DESERTO – Alla fine sono poco più di 10.000 a presentarsi sul luogo del delitto. Due settimane dopo il cocente 1-4 contro la Roma, pochi laziali scelgono l’Olimpico. La differenza è abissale con l’atmosfera del 12 aprile del 2015: quel giorno la Lazio batteva l’Empoli 4-0, biancocelesti secondi, Roma scavalcata, cinquantamila tifosi e uno stadio intero che cantava «Giardini di marzo» di Battisti per festeggiare quella straordinaria vittoria. Un anno dopo, stadio vuoto, contestazione a Lotito alle stelle tra barriere del Prefetto in Nord e risultati indegni, squadra svuotata da una stagione fallimentare con un tardivo cambio di Pioli che avrebbe forse potuto stravolgere un finale già scritto.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Verso la Juventus si lavora sulla parte tattica. Assente Zaccagni

Published

on

 


Mentre ci si avvia verso la fine del calciomercato invernale, è andato in scena a Formello nel pomeriggio il primo allenamento dalla gara di domenica contro la Fiorentina, in preparazione del match di Coppa Italia del prossimo giovedì contro la Juventus. Alla seduta non hanno preso parte Stefan Radu per l’ormai nota lesione al flessore, e Mattia Zaccagni, probabilmente per semplice gestione. Dopo una fase iniziale di torello, seguita da un lavoro di attivazione atletica e rapidità, i biancocelesti hanno lavorato dal punto di vista tattico, fase alla quale ha preso parte l’intera rosa, a differenza di quanto accaduto con la partitella a campo ridotto finale, che non h visto coinvolti i titolari del match contro la Fiorentina.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW