Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Di Livio: “Lazio, contro la Juventus punta sulla velocità di Keita e Felipe. Inzaghi? Ha grande personalità”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Stasera allo Stadium la Lazio vuole confermare quanto di buono ha fatto vedere nelle prime due vittorie con Simone Inzaghi sulla panchina. La Juventus non è sicuramente il Palermo o l’Empoli, ma i biancocelesti hanno fornito due ottime prestazioni convincendo dal punto vista del carattere e del gioco. Ma a Torino si fa sul serio, la squadra di Allegri ha vinto 22 delle ultime 23 partite di campionato, subendo appena due gol nel girone di ritorno. La Lazio tuttavia non perde in trasferta da ben nove match, e contro Palermo e Empoli Marchetti ha mantenuto la porta inviolata. Si prospetta quindi una bella sfida, con la Juventus favorita ma con la Lazio decisa a non prendere le vesti della vittima sacrificale. Ne è convinto Angelo Di Livio, dal 1993 al 1999 con la maglia della Juventus, titolare in quella squadra protagonista sia in Italia che in Europa. A Soldatino, come viene soprannominato, Lippi non rinunciava mai. La redazione di LazioPress.it lo ha contattato in esclusiva per analizzare la sfida dello Stadium: “Sarà un bella partita. La Juventus ha completato una straordinaria rimonta, è una squadra di grande qualità e carattere soprattutto. Per la Lazio è un test fondamentale dopo le due vittorie contro il Palermo e l’Empoli, sarà decisivo l’approccio dei biancocelesti alla gara”.

Una squadra invincibile almeno in campionato la Juventus, sarà dura riuscire a fermarla: “La Lazio deve giocare molto accorta e sfruttare il contropiede con giocatori veloci e di qualità come Felipe Anderson e Keita”. Da Pioli a Inzaghi, le cose sono cambiate velocemente e in maniera netta. “Inzaghi? E’ un ragazzo molto motivato e di grande personalità. Con lui ho rivisto la Lazio dello scorso anno, una squadra orgogliosa, di carattere e di grande qualità. Si vede che ha lavorato molto sulla testa dei calciatori“. Allegri dovrà fare a meno di Marchisio, out per sei mesi per la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Un’assenza pesante, non solo per la Juventus: “Mi dispiace molto per Claudio, è un ragazzo d’oro. In ottica Nazionale è una brutta notizia, si sentirà molto la sua assenza. Gli faccio un grande in bocca al lupo!”.

La Lazio è ripartita con Inzaghi, ma le aspettative di inizio anno erano ben diverse. Ora bisogna finire al meglio il campionato, e programmare la meglio la prossima stagione. La Lazio deve tornare a competere per lo scudetto – conclude – ha un pubblico straordinario che merita una grande squadra. Lotito deve capire che bisogna comprare grandi giocatori per competere con club come la Juventus. La rosa è già di qualità, a centrocampo e in attacco ci sono ottimi calciatori. Mi piace molto Felipe Anderson, ha dei colpi da campione ma deve darsi una svegliata, è ancora troppo discontinuo”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Pellegrini in biancoceleste, il papà: “Ha voluto fortemente la Lazio, la tifiamo da sempre. Orgoglioso della sua scelta”

Published

on

 


Una scelta di cuore, zero pensieri al denaro: Luca Pellegrini ha voluto la Lazio, mettendo davanti allo stipendio l’ambizione di un bambino che sognava di giocare all’Olimpico. Il difensore classe ’99 è un nuovo giocatore biancoceleste; il club laziale lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus. Il terzino sinistro ha iniziato la stagione con la maglia dell’Eintracht Francoforte ed è approdato nella Capitale, volenteroso di essere confermato a fine campionato.

Per commentare il passaggio di Luca in biancoceleste è intervenuto in esclusiva ai microfoni di LazioPress.it il papà Mauro, che non nasconde l’emozione: “Il mio commento non può che essere di un entusiasmo infinito…. noi siamo una famiglia di laziali da sempre. Luca ha fatto un gesto d’amore incredibile nei confronti della Lazio. Ha rinunciato a molto da un punto di vista economico, io da genitore non posso che essere felice della scelta di mio figlio, dei valori e dei principi che ha messo prima dei suoi interessi economici. E non lo dico tanto per dire. La qualità della vita vale più di qualsiasi cifra. E per lui andare nella sua squadra del cuore è il massimo. Ora per lui sarà felicità pura giocare al calcio. Aggiungere altro è superfluo. Ha voluto fortissimamente la Lazio“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW