Connect with us

Per Lei Combattiamo

Veròn: “Alla Lazio uno dei periodi più belli della mia vita”

Published

on

 


Juan Sebastian Veròn a cavallo tra gli anni 90′ e 2000 era uno dei migliori centrocampisti del panorama internazionale, grazie alla sua visione di gioco e alle doti di leadership che lo contraddistinguevano. Il centrocampista argentino, soprannominato “la Brujita“, ha vinto in maglia biancoceleste un campionato, una Coppa Italia, e una Supercoppa Europea. Veròn è intervenuto così ai microfoni di Radiosei, ricordando il periodo laziale: “Ho tanti bei ricordi, anche delle sconfitte. E’ stato uno dei periodi più belli della mia vita calcistica giocare nella Lazio. Mi sono trovato in una città stupenda, con gente meravigliosa. E’ stato tutto speciale, ho ancora i brividi se ripenso al 14 maggio del 2000. Timore? C’è sempre, nel calcio i dettagli fanno la differenza. Pensi sempre al peggio ma quella è stata una giornata incredibile, mai vissuto una giornata come quella, infinita. Tutti noi nel nostro cuore speravamo potesse accadere quel giorno. Al Circo Massimo non potevamo scendere dal pullman, è stata una cosa pazzesca. Solo qui all’Estudiantes ho visto una cosa simile”. Poi su quella Lazio: “Avremmo potuto vincere di più, sicuramente. Soprattutto la Champions e lo scudetto successivo. Ci è mancata continuità però il calcio è così. Avevamo una rosa fortissima, completa in ogni ruolo, forte dietro e davanti. Però va anche detto che in quel periodo c’erano tante squadre forti. La società poi era sempre presente, ci dicevamo le cose in faccia”. Poi sulla Lazio attuale: “Purtroppo c’è una spaccatura. Bisogna vedere quello che sente questa dirigenza oggi con la gente e i colori. Io al loro posto farei un passo indietro, mi farei da parte e la lascerei a gente che possa dare di più”. Su Inzaghi: “Ricordando com’era da calciatore è difficile pensare che oggi faccia l’allenatore, ma c’è un’evoluzione che ti premia. Ora deve approfittarne, spero di cuore che possa fare carriera. Se è lì, è perchè ha qualità”. Infine un pensiero su Biglia: “Non era facile giocare nella nostra Lazio, magari lui avrebbe cominciato dalla panchina. Forse avrebbe avuto a disposizione solo gli ultimi 10 minuti di gioco”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW