Connect with us

Per Lei Combattiamo

Pulici critica Inzaghi: “Con la Juventus ha cercato di limitare i danni, non a fare la partita”. Poi su Keita…

Published

on

 


Il numero uno della Lazio del 1974 è sempre vicinissimo alle vicende laziali. Felice Pulici è intervenuto sugli 88.100 di Elleradio nella trasmissione “Laziali On Air” per parlare della sconfitta contro la Juventus della squadra di Simone Inzaghi, che oltre all’amaro in bocca per il ko di misura ha fornito anche alcune indicazioni positive.

Le prime impressioni su Lazio-Juve: “In realtà la Lazio non mi ha fatto una grandissima impressione. Dalla disposizione in campo scelta da Inzaghi si è capito che il tecnico laziale voleva limitare i danni, prima ancora di fare la partita. E così è stato per novanta minuti, con i tiri in porta biancocelesti che non sono quasi mai arrivati. Una partita tatticamente studiata bene, ma che non ha prodotto nulla. La Juventus ha aspettato la Lazo e mantenuto il possesso palla, aspettando il minimo errore avversario per colpire”.

Una valutazione sulla prestazione della difesa: “Complessivamente la difesa ha svolto bene il suo compito, anche se il gol è arrivato da un errore di De Vrij, inaspettato da parte sua. Il gol è quasi sempre frutto di un errore degli avversari. Bastos mi ha fatto un’ottima impressione, un elemento potenzialmente importante di questa campagna acquisti. Bisogna naturalmente essere cauti nei giudizi, così come nel valutare il recupero di De Vrij e nel giudicare il valore di Lukaku, un altro elemento che si è reso protagonista di una discreta gara”.

Sotto molti aspetti però la Lazio resta un punto interrogativo. Le prossime partite, a partire dalla trasferta col Chievo, potranno far capire le reali potenzialità della Lazio. “Al momento ho l’impressione di una Lazio che farà fatica a prendere in mano le redini del gioco e che proverà a sganciarsi spesso in contropiede. Esattamente come è accaduto a Bergamo, con le reti che sono arrivate tutte in fase di ripartenza. Al momento alla Lazio manca qualcosa di importante in avanti, Immobile non è sufficiente. Credo che manchi una punta di peso, capace anche di dialogare con Immobile per non lasciarlo isolato al centro dell’attacco, e permettergli anzi di creare spazi per la seconda punta al suo fianco. Anche gli esterni offensivi spesso sono privi di riferimenti. La Juventus per vincere la partita ha usato il metodo dell’attesa. La Lazio, a prescindere dal match coi bianconeri, deve imparare a fare il proprio gioco, perché trovando un avversario come la Juve che usa la stessa tattica poi viene inevitabilmente fuori la squadra che ha maggiori risorse tecniche”.

La difesa a tre è stata una sorpresa? “Di fatto giocare a tre significa giocare a cinque in fase difensiva, anche se la Lazio ha esterni bravi a proiettarsi in avanti. La partita contro il Chievo sarà particolare, l’Atalanta ha sbagliato totalmente impostazione di gara, ma poi è riuscita a mettere la Lazio in difficoltà sfiorando una rimonta che sarebbe stata clamorosa. La Lazio non ha molti ricambi, sicuramente le prime due partite sono state incoraggianti, ma servono conferme”.

Sul caso Keita: “Più questa storia va avanti e peggio è. La Lazio ora ha poco margine per capire cosa fare, cercherà di cedere il giocatore alle migliori condizioni possibili, ma non so se avrà l’opportunità di trovare un sostituto adeguato. La questione probabilmente andava affrontata dal giorno in cui il calciatore non si è presentato in ritiro. Poi andava trattato il rinnovo contrattuale per cederlo in futuro senza essere alle strette in termini di tempo, magari inserendo una clausola rescissoria che potesse soddisfare economicamente entrambe le parti”.

Tra le varie ipotesi di mercato, una particolarmente suggestiva è legata all’eventuale ritorno alla base di Hernanes: “I ritorni in questo modo sono negativi. Forse arriverebbe con voglia, ma non so quanto si possa praticare come opzione. Così come vedo improbabile una cessione di De Vrij al Chelsea, di cui si è parlato nelle ultime ore”.

Questione portieri. Marchetti può essere rimasto destabilizzato dalle voci estive? “Gli errori si sono visti e sicuramente sa anche lui dove ha sbagliato. Per un portiere è fondamentale cancellare questi errori, soprattutto perché a Bergamo non hanno determinato la sconfitta della squadra. Sicuramente compromettere un risultato rende più difficile smaltire una prova negativa. In questo caso fortunatamente non è successo. Un portiere costruisce la sua autostima anche sulla fiducia e la considerazione dell’ambiente. A me non ha convinto invece la partita di sabato. Sul gol della Juventus mi ha colpito come è andato a coprire eccessivamente il primo palo, per evitare l’errore di Bergamo, lasciando uno spazio ben chiaro a Khedira sul secondo palo dove piazzare il pallone. Forse questo errore è figlio dall’insicurezza nata dall’errore contro l’Atalanta. Secondo me deve imparare ad essere più riflessivo nei movimenti per trovare sempre il piazzamento ottimale in porta”.

In questo inizio di campionato molte grandi hanno steccato almeno una partita, come Napoli, Roma, Inter e Milan. La Lazio come può inserirsi in questo quadro? “L’anno scorso ad inizio campionato era la Juventus ad aver destato perplessità. Quest’anno nei risultati ha ottenuto due vittorie invece di due sconfitte. In generale vedo poche squadre che possono dare fastidio ai bianconeri, anche sul piano del gioco. All’Inter regna la confusione, con Candreva lasciato inspiegabilmente in panchina. Forse la scelta di determinati giocatori, fatta da Mancini, potrebbe essere non condivisa da De Boer. Anche il Milan l’ho visto in difficoltà, mentre la Roma sta pagando il problema della delusione in Champions, così come era accaduto alla Lazio l’anno scorso. La Lazio è partita bene dal punto di vista dell’atteggiamento e della determinazione. Forse contro la Juventus si poteva portare a casa un punto, ma se non si prendono due giocatori importanti non so quanta strada si potrà fare. Dimentichiamo che un anno fa c’era Klose, un giocatore che nei venti minuti finali poteva fare la differenza. Al momento vedo Immobile troppo solo”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Marchetti al veleno contro Blessin: “Avete preso in giro i genoani, ora che sei finalmente a casa impara da Davide Nicola” – FOTO

Published

on

 


La breve avventura di Alexander Blessin sulla panchina del Genoa è terminata. L’allenatore tedesco era arrivato lo scorso anno con il duro compito di salvare il Grifone, ma non c’è riuscito e dunque i rossoblù sono retrocessi in Serie B. Qui è stato esonerato anch’egli e al suo posto è arrivato Alberto Gilardino. Federico Marchetti, ex Lazio ma anche ex Genoa, nella giornata di oggi ha lasciato un commento velenoso su Instagram sotto una foto dell’ex allenatore genoano:

“Sei l’allenatore più povero, falso e presuntuoso che abbia avuto nella mia lunga carriera. Avete preso in giro tutti i genoani dal giorno 1, avete relegato una squadra che si sarebbe potuta salvare con le vostre ridicole idee calcistiche. Ora che sei finalmente a casa, fatti un bagno di umiltà e vedi Davide Nicola e cerca di imparare da lui come gestire un gruppo per ottenere risultati in campo, non i canti dei tifosi come hai fatto tu!!! In bocca al lupo Forza Genoa”

Ecco il post dell’allenatore dove è stato lasciato il commento dal portiere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alexander Blessin (@alexanderblessin)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW