Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Flachi: “Inzaghi mi ha sorpreso, che ricordi Di Canio! Quando Peruzzi mi chiese la maglia…”

enrico.delellis@libero.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Dopo la deludente sconfitta di Milano gli uomini di Simone Inzaghi domenica alle 15 ospiteranno l’Empoli, per provare a tornare alla vittoria dopo una battuta di arresto e scacciare qualche malumore che proviene dall’ambiente. In esclusiva la redazione di LazioPress.it ha contattato l’ex bomber dei toscani Francesco Flachi, per parlare della gara e dei suoi ricordi legati ai biancocelesti.

Entrambe le squadre hanno rimediato una sconfitta nell’ultimo turno di campionato. Che partita ti aspetti?

Ho visto la partita della Lazio a Milano. Ci sono stati tanti errori individuali come quello sul gol di Bacca, con de Vrij che lascia scoperta la posizione per andare in attacco. Tutto sommato non mi è dispiaciuta la gara dei biancocelesti. Questo campionato è molto strano, ogni partita può rappresentare una sorpresa anche se i valori tecnici sono differenti. L’Empoli in queste prime uscite non mi sembra la squadra intravista nella passata stagione, però siamo sempre ad inizio campionato, le valutazioni definitive si faranno tra qualche partita”.

Dove può arrivare la Lazio?

“Sicuramente quella biancoceleste è una rosa di tutto rispetto. Può stare nella seconda fascia insieme alla Fiorentina e lo stesso Milan. Credo che Inter, Roma, Juventus e Napoli siano superiori. Però come ho detto precedentemente non si possono escludere sorprese. In un campionato di questo genere oltre il livello tecnico dei singoli componenti della rosa, conterà moltissimo la voglia di lottare e il gruppo”.

Hai giocato con Inzaghi a Genova, ti saresti mai immaginato di vederlo allenatore? Cambiare modulo ogni partita può rappresentare più uno svantaggio che un vantaggio?

“Conosco molto bene Simone, perchè abbiamo trascorso un bel periodo seppur breve alla Sampdoria e gli faccio un grandissimo in bocca al lupo. Io non pensavo che potesse intraprendere un ruolo così, lo vedevo più in un ruolo dirigenziale. Sta facendo molto bene in una piazza difficile che manca di equilibrio e pazienza, non è facile per allenatori più navigati figuriamoci per un giovane alla prima esperienza. I frequenti cambi del sistema di gioco sono dovuti ad uno studio della rosa da parte del mister. Sono sicuro che tra qualche gara sceglierà un modulo definitivo con il quale fare giocare la squadra”.

Felipe Anderson e Keita sono due dei giocatori più talentuosi della rosa biancoceleste. Possono essere una risorsa importante per il campionato?

“Stiamo parlando di due giocatori molto importanti. Keita ha avuto i problemi che tutti noi conosciamo. Non ha fatto tutta la preparazione con la squadra e questo si vede in campo, non ha ancora i novanta minuti e un giocatore con le sue doti a partita in corso può fare la differenza. Anderson ha fatto le Olimpiadi non ha fatto le vacanze, si è allenato poco e deve recuperare la forma. Quando entrambi nel giro di poche partite saranno al massimo della forma, insieme ad Immobile formeranno un tridente devastante. Oltre a loro ci sono giocatori come Parolo e Biglia che non vanno dimenticati”.

La Lazio è stata la tua vittima preferita da giocatore. C’è un ricordo al quale sei più legato di quelle sfide?

“Alla Lazio ho fatto molti gol in carriera (ride ndr.), sono state sempre sfide bellissime che porterò dentro il mio cuore. Giocare allo stadio Olimpico rappresenta il sogno di ogni bambino che si affaccia a questo sport. I tifosi della Lazio con la Nord sono un grande tifo. Molte volte anche dal campo assistevo ad uno spettacolo incredibile. Poi incontrare gente come Paolo Di Canio e Angelo Peruzzi è un qualcosa di indescrivibile. Una volta al termine di una partita, Angelo Peruzzi si avvicinò a me e mi chiese di scambiare la maglia con lui. Rimasi per due minuti senza parole e pensai anche ad uno scherzo, invece era tutto vero. Ogni tanto vado ancora a vedere quella maglia e tutte le volte mi scappa da sorridere quando vedo la taglia: XXL. Ho avuto la fortuna di scambiare la maglia con un simbolo del calcio italiano”.

Il futuro di Francesco Flachi al termine della squalifica quale sarà?

“Sicuramente mi piacerebbe tornare nel mondo del calcio professionistico con qualche ruolo. Purtroppo sono ancora sotto squalifica e sto allenando una squadra di terza categoria. Se avrò la fortuna e qualcuno si ricorderà di me sarò molto felice, altrimenti resterò a fare panini come faccio adesso sempre con il sorriso sulla bocca”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

Enrico Lotito: “L’obiettivo della Primavera è tornare in A, metteremo massimo impegno”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


La Lazio Primavera sta svolgendo il ritiro pre-campionato a Roccaporena, frazione di Cascia. I capitolini lavoreranno in Umbria fino a domenica ed in questi giorni sono in programma dei test amichevoli con squadre locali e di Serie B.

La prima amichevole sta andando in scena questo pomeriggio contro l’U.S.D. Casciana calcio, che milita in prima categoria. A pochi minuti dal match Enrico Lotito, nuovo Direttore Generale che si occupa della prima squadra femminile e di tutto il settore giovanile, è stato intercettato dalla redazione di LazioPress.it per commentare l’inizio del suo percorso professionale nella società biancoceleste e le ambizioni che il club ha: “Sono contento di come è iniziata la mia avventura. Felice delle cariche che ho, metteremo impegno. Il ritiro qui è iniziato bene. L’obiettivo per la Primavera? Tornare in A”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW