Connect with us

Per Lei Combattiamo

Diaconale: “Bisogna riportare la gente allo stadio. Manzini via dalla Lazio? Assolutamente no”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Arturo Diaconale è intervenuto ai microfoni di Radiosei per raccontare la sua attuale esperienza come responsabile della comunicazione della Lazio: “Claudio mi ha chiamato ad agosto e mi ha proposto di occuparmi della comunicazione della SS Lazio. Continuo ad occuparmi del mio lavoro ed ora lavorare per i colori biancocelesti è la cosa più divertente e bella che potesse capitarmi. Arrivato a Formello ho visto un gran bel centro, importante. Mi hanno colpito soprattutto i ragazzi della squadra che ho iniziato piano piano a conoscere, ho visto che ci sono persone di grande qualità anche umana che per me è un aspetto importante. Per me le fanno le persone le squadre. Sono stato colpito positivamente da questo”.

Sulla società: “Ho avuto un’impressione positiva di coloro che lavorano nella società. Per quanto riguarda Lotito, ha senz’altro una personalità molto accesa, è una persona positiva. Nell’evento di Amatrice mi ha colpito il suo lato molto umano, lui è molto legato a quel posto. Ha una base di sentimenti che ci sono, è una persona di buon cuore, e a me questo tipo di persone piacciono”. 

L’incontro con la stampa e le novità introdotte: “Il giorno in cui ho incontrato la stampa è stato un giorno molto importante, ho ritrovato molti colleghi. La mia impressione è stata che c’è l’esigenza di ampliare la comunicazione della società che per molto tempo è stata concepita come un assedio. Abbiamo moltiplicato gli appuntamenti, oltre a quella dell’allenatore c’è anche la conferenza stampa di un giocatore durante la settimana. Inoltre, ho dato la possibilità di fare interviste, chiedendomi l’autorizzazione preventivamente perché magari ci sono dei vincoli contrattuali e altri impegni”.

Il ruolo di Angelo Peruzzi: “E’ un ruolo di fondamentale importanza, gestisce l’equilibrio all’interno dello spogliatoio. Grazie alla sua esperienza e alla sua credibilità rappresenta un elemento di elevata importanza. Nella vicenda Keita si è speso molto per arrivare un compromesso, che non sempre è facile trovare in questo tipo di situazioni. E’ riuscito a trovare un risultato più che positivo dal momento che il ragazzo ora gioca”.

Il rilancio della Lazio: “Vorrei proporre un piano affinché la Lazio torni all’attenzione della comunità in cui vive. A Roma c’è una vocazione all’autodistruzione purtroppo, e tutto questo deve essere risolto. I momenti peggiori sono quelli migliori, però mi rendo conto che dal punto di vista ambientale è difficile risalire. Tuttavia, non dispero. Credo che un rapporto corretto con i media può aiutare e consentire di avere più comunicazione, ad esempio ci sono delle vicende che possono essere subito ridimensionate. Per metà ottobre credo di aver pronto questo piano, ci sono margini di miglioramento molto alti”.

I tifosi: “Bisogna moltiplicare le iniziative per riportare la gente allo stadio. Con i tifosi bisogna creare dei ponti e mettere in atto dei rapporti più intensi. Ad esempio, mi piacerebbe stabilire dei rapporti con le scuole calcio di Roma e del Lazio. Bisogna aumentare i circoli biancocelesti”.

I bollettini medici: “Io sono a favore della comunicazione, bisogna capire ogni quanto farli. Inoltre, quando non vengono date comunicazioni prendono piede anche interpetazioni varie. Dobbiamo cercare di ridare certezze”.

Il caso Biglia: “Io ho cercato di ricostruire la storia, Biglia ha fatto due allenamenti in cui non ha avvertito dolore, il Dott. Rodi ha fatto la risonanza magnetica in cui non risultava nulla. Lucas è molto legato sia alla Nazionale sia alla Lazio”.

Il Flaminio: “Ci sono dei problemi tecnici di difficile soluzione, è uno stadio che va rifatto completamente. Lotito mi ha detto che ci sono dei problemi difficili da superare e non abbiamo parlato di un progetto alternativo al Flaminio perché deve essere un progetto realistico. Non bisogna creare delle illusioni che poi non si possono realizzare. Mi auguro che si possa mettere in atto dei progetti realistici”.

 Su Manzini: “Manzini fuori dalla Lazio? Assolutamente no”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Serie A, dove saranno trasmesse le prime cinque partite della Lazio

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Fra pochissimi giorni inizierà la nuova stagione e con essa anche la nuova stagione televisiva di DAZN e Sky, le piattaforme che anche quest’anno trasmetteranno la Serie A. Per ora sono stati resi noti gli orari delle prime cinque giornate e, quindi, anche la programmazione televisiva. Ecco dove saranno trasmesse le prime cinque partite della Lazio:

  1. Lazio-Bologna, domenica 14 agosto ore 18.30: DAZN-SKY
  2. Torino-Lazio, sabato 20 agosto ore 18.30: DAZN-SKY
  3. Lazio-Inter, venerdì 26 agosto ore 20.45: DAZN
  4. Samp-Lazio, mercoledì 31 agosto ore 18.30: DAZN-SKY
  5. Lazio-Napoli, sabato 3 settembre ore 20.45: DAZN-SKY

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW