Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Ingresso quasi perfetto per Murgia. Doppio assist di Felipe e finalmente Djordjevic

Published

on

 


Marchetti 6 – Subisce due reti su cui non ha colpe. Per il resto ordinaria amministrazione visto che il Toro pecca in precisione al momento del tiro. Sicuro e coraggioso nelle uscite quando la Lazio provava a mantenere il vantaggio.

Basta 5,5 – Pesa la mancata chiusura su Iago Falque che si trova libero di battere Marchetti di testa. Rispetto al solito gioca molto alto sganciandosi spesso in fase offensiva.

Dal 56′ Djordjevic 6,5 – Se la Lazio ribalta il risultato il merito è anche del serbo. In mezz’ora fa più di quello mostrato in questo inizio di stagione: un colpo di testa parato, recuperi difensivi e manda in porta Cataldi. Se riuscisse a trovare il gol magari acquisterebbe maggiore fiducia.

Wallace 6,5 – I riflettori erano tutti per lui e supera l’esame. Non sempre è pulito negli interventi ma riesce a neutralizzare Belotti. Troppo scolastico quando ha il pallone fra i piedi nel far ripartire l’azione.

Hoedt 6 – Nel primo tempo gioca praticamente da regista difensivo, con Parolo e Cataldi marcati, spetta a lui far girare la squadra. Senza De Vrij, comanda lui la difesa mostrando crescita rispetto all’anno scorso.

Patric 6,5 – Il Torino prova a sfondare sempre dal suo lato alternando Iago Falque, Ljajic e Zappacosta. Lo spagnolo non demerita anche se ogni tanto viene lasciato nella morsa delle maglie granata senza l’aiuto dei compagni. Si fa sentire con Belotti nella ripresa accusando l’attaccante piemontese di lasciarsi cadere troppo urlandogli in faccia: “Stai sempre per terra”

Cataldi 6,5 – Prima mezz’ala e poi regista. Sembra essere più a suo agio quando gioca centrale provando anche sganciarsi in area avversaria. Poteva trovare la seconda rete stagionale ma Hart devia in angolo. Corner da cui comunque arriva la rete di Murgia.

Parolo 5 – Gioca una partita nervosa, anche Inzaghi lo richiama spesso per calmarlo. Si prende un giallo per una scivolata in ritardo su Castan, pochi minuti dopo l’arbitro lo grazia quando compie un altro intervento pericoloso. Dubbi sul suo tocco di mano che Giacomelli valuta calcio di rigore.

Lulic 5,5 – Gara anonima del bosniaco. Si preoccupa soprattutto di aiutare Patric in fase difensiva, si sgancia raramente in avanti. Il vantaggio granata nasce da un suo disimpegno sbagliato sulla trequarti.

Felipe Anderson 7 – E’ l’arma biancoceleste più pericolosa nella faretra di Inzaghi. Quando parte in velocità è devastante, peccato venga supportato poco dai compagni. Perfetto il crosso per Immobile e il calcio d’angolo per il raddoppio di Murgia.

Dall’88 Prce SV

Immobile 6,5 – Nel primo tempo ci si accorge che è in campo solamente per i fischi che gli piovono addosso dai tifosi di casa ogni volta che sfiora il pallone. I fischi proseguono nella ripresa ma Ciro entra in partita: prima calcia troppo addosso ad Hart e dopo trova il pareggio con una sforbiciata tanto bella quanto efficace.

Keita 6 – E’ il più pericoloso nel primo tempo ma la porta non la vede manco col binocolo. Clamoroso l’errore da solo davanti ad Hart. Lentamente si spegne finendo per giocare da centravanti e  Inzaghi allora lo richiama in panchina.

Dal 79′ Murgia 7 – Lo avrà sognato chissà quante volte ma non credeva arrivasse così presto. Quel pallone di Felipe arriva morbido e Alessandro svetta da solo battendo Hart per la prima rete in Serie A. Peccato perchè poteva valere tre punti.

All.: Inzaghi 6,5 – Va sotto, azzecca i cambi e rimette in piedi una gara rischiando anche di vincerla salvo poi pareggiarla per un rigore discutibile. Questa Lazio non è particolarmente bella però è tignosa e non ci sta a perdere, un pò come quando Simone giocava.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Croazia-Brasile, le formazioni ufficiali

Published

on

 


A pochi minuti dall’inizio della sfida tra Croazia e Brasile, valida per i quarti di finale dei Mondiali, le due squadre hanno comunicati le formazioni ufficiali:

CROAZIA (4-3-3) – Livakovic; Juranovic, Lovren, Gvardiol, B. Sosa; Modric, Brozovic, Kovacic; Pasalic, Kramaric, Perisic. Ct. Dalic.

BRASILE (4-2-3-1) – Alisson; Militao, Marquinhos, Thiago Silva, Danilo; Casemiro, Paquetà; Neymar, Raphinha, Vinicius; Richarlison. Ct. Tite. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW