Connect with us

Extra Lazio

4 novembre 1927, la FIGC revoca lo scudetto al Torino

Published

on

 


Il 4 novembre 1927 con un comunicato ufficiale, la FIGC revoca lo scudetto che il Torino aveva vinto soltanto pochi mesi prima. Di seguito quanto pubblicato:

«Il Direttorio federale, accertato anche per confessione del dottor Nani, consigliere del Torino, che egli ha versato al signor Gaudioso, pure confesso, lire 25.000 destinate a taluno dei giocatori della Juventus per assicurare illegittimamente al Torino la vittoria nella gara dl 5 giugno, delibera di togliere al Torino il titolo di campione assoluto d’Italia, per l’anno sportivo 1926-27».

Lo scandalo che fa perdere il titolo ai granata è relativo al derby del 27 giugno 1927 con la Juventus quando ci fu un tentativo di corruzione nei confronti del terzino bianconero Luigi Allemandi. Il giocatore ricevette la metà della somma pattuita di 50mila lire affinché dirottasse l’incontro in favore del Toro. Allemandi fu avvicinato da un dirigente granata, il dottor Nani, che si avvalse della mediazione di Francesco Gaudioso, uno studente universitario che alloggiava in una pensione di via Lagrange dove aveva domicilio anche Allemandi. Ironia del destino nella stessa pensione vi era anche un giornalista, Renato Fermanelli, che saputo dell’accaduto firmerà al termine del campionato un reportage di denuncia intitolato “C’è del marcio in Danimarca”. Da qui partiranno le indagini della Federcalcio e verranno trovate delle prove nella pensione dove alloggiava lo stesso Arpinati. Il Torino si vide revocare così il titolo, che non venne assegnato (nonostante il Bologna, secondo classificato, lo reclamasse). Circa Allemandi, il giocatore venne squalificato a vita salvo poi beneficiare dell’amnistia a seguito della medaglia di bronzo conquistata dall’Italia nel 1928. Tmw

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Extra Lazio

E’ morta Gina Lollobrigida: l’attrice italiana aveva 95 anni

Published

on

 


È morta Gina Lollobrigida all’età di 95 anni. Protagonista del cinema italiano, era nata a Subiaco il 4 luglio del 1927.  Tantissimi i ruoli che ha avuto sul grande schermo e le parti che sono entrate nella storia del cinema italiano. Gina Lollobrigida è stata una delle attrici più importanti della sua generazione.

La Lollobrigida è stata nominata anche Cavaliere della Repubblica e nell’ottobre 1996 Accademica onoraria dell’antica Accademia delle Arti del Disegno di Firenze. Nel ’99 è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura. Nel 2016 un David speciale alla carriera le è stato consegnato dal Presidente Mattarella. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW