Connect with us

Per Lei Combattiamo

Galeazzi sulla Lazio: “Se non parte nessuno a gennaio, può lottare per la Champions”

Published

on

 


Giampiero Galeazzi è intervenuto sulle frequenze de “Laziali On Air”:

Su Simone Inzaghi
“Ero molto dubbioso su di lui. Faccio mea culpa. Non me l’aspettavo così bravo nonostante la poca esperienza. Quest’estate ero stato al ritiro di Auronzo di Cadore, quando la situazione era molto difficile e credevo che la sua giovane età potesse essere un grosso handicap. Invece ha dimostrato di poter stare al timone di una squadra importante come la Lazio”.

Sui punti di forza della squadra
“Credo che un trio d’attacco come Keita, Immobile e Felipe Anderson faccia gola a tutti. Il senegalese e il brasiliano hanno talento da vendere e sono stati valorizzati al meglio dal Mister, che è stato molto bravo a recuperarli. Immobile mi ha sorpreso. Lo ritenevo un buon attaccante, ma non pensavo potesse essere così continuo nel segnare, considerando anche che è uno che corre e lotta molto sul campo. Vanno fatti i complimenti alla società che lo ha preso ad un basso prezzo”.

Su Wallace
“Mi piace molto. Non lo conoscevo, ma credo che abbia tutte le potenzialità per diventare un difensore su cui la Lazio possa puntare da qui ai prossimi anni. Con De Vrij potrebbe formare davvero una bella coppia”.

Sugli obiettivi futuri e sulla società
“Aspetterei la fine del girone d’andata per capire dove può arrivare questa squadra. Se mantiene questo spirito e la società non la priva di alcuni elementi a gennaio, può lottare per la Champions. Finora Lotito ci ha sempre fatto camminare, ma mai volare. Arriviamo sempre sul trampolino di lancio e poi abbiamo paura di saltare. Stavolta è ora di farlo. C’è un bel gruppo di giovani e gente esperta. Sarebbe un peccato disfare per l’ennesima volta la tela”.

Sull’inserimento di Peruzzi e Diaconale
“Dopo 12 anni si è capito che era giusto strutturare meglio la dirigenza. Sono due persone di spessore e non è un caso che i risultati stiano arrivando”.

Sul campionato in generale
“La Juventus è fuori portata per tutti. La Roma è l’unica in grado di poter reggere il confronto, mentre il Milan sta andando al di là delle sue reali potenzialità. Complimenti a Montella. Napoli e Inter stanno un po’ deludendo. I partenopei stanno pagando moltissimo la mancanza di un vero realizzatore. Dopo aver perso Higuian, Milik sembrava l’uomo giusto, ma il suo infortunio ha aperta una grossa falla. L’Inter paga la poca chiarezza societaria. Non basta mettere insieme dei grandi calciatori, bisogna creare un gruppo di lavoro. Vado un po’ controcorrente… Non credo che Pioli sia così bravo come viene dipinto, per quelle realtà lì ci vuole altro”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Urbano Cairo: “Questa volta io e Lotito la pensiamo alla stessa maniera. Al calcio serve sostegno”

Published

on

 


Il Presidente del Torino, Urbano Cairo, ha commentato, al telefono con l’ANSA, gli emendamenti presentati in Parlamento per aiutare il calcio: “Premesso che come molti sanno spesso mi capita di non essere d’accordo con Lotito, stavolta la pensiamo alla stessa maniera. La situazione è sotto gli occhi di tutti: il nostro è un mondo che vive da tempo difficoltà, molto aggravate negli ultimi anni dalla pandemia. Certo, sono stati fatti sbagli, ma errori di gestione se ne fanno anche in altri settori della società, che pure ricevono aiuti rilevanti dallo stato: penso al tax credit per il cinema, ad esempio (incentivo che peraltro vede escluse le TV come la 7 che danno lavoro a 500 persone con le loro trasmissioni e la cui occupazione andrebbe tutelata come quella del cinema dove il ministro della cultura Franceschini prese molto a cuore i problemi del settore riuscendo ad ottenere supporto).

Il discorso della rateizzazione fiscale per le società, che non è a fondo perduto come i tax credit ma una semplice dilazione, ha un senso, tra l’altro, anche come sostegno ad un comparto che contribuisce in larga parte al mantenimento degli altri sport. Quanto all’idea di modificare la legge Melandri e prolungare da tre a cinque anni la durata dei diritti tv, non è certo un assist a un’emittente TV o un’altra. Qualsiasi persona di buon senso capisce che è una sacrosanta opportunità per chi investe di ottenere un guadagno grazie alla continuità del progetto. E di conseguenza consente a chi vende di ottenere di più. Mi pare elementare da capire, e se non sbaglio funziona così anche all’estero. In Spagna, ad esempio, dove i diritti tv li valorizzano bene, gli anni di durata sono appunto cinque e sei per quelli internazionali”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW