Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA / Candela: “Inzaghi il miglior allenatore dell’era Lotito. Derby? Felipe e Nainggolan saranno decisivi”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


‘Olle le olla la…’. Non solo un coro. Ricordi, emozioni, scatti di una Roma stellare con il tricolore sul petto. E un francese, naturalizzato romano(ista) per amore. ‘Olle le olla la…’ il coro della Curva Sud in suo onore. Dal 1997 al 2005 con la maglia giallorossa, Vincent Candela è entrato di diritto nella storia della Roma e nei cuori di tutto il popolo romanista. Parliamo di un Campione d’Italia eh! Il derby, mai una partita come le altre, giusto Vincent? “E’ speciale, la partita più bella e importante per la città”, racconta in esclusiva a LazioPress.it. “L’atmosfera era bellissima, noi giocatori sapevamo quanto contasse il derby qui a Roma”. La partita più importante, ma non sempre: “Quando sono arrivato alla Roma era la gara dell’anno. Poi dal 1999 sia noi che la Lazio siamo diventati grandi squadre e i nostri obiettivi erano ben più alti. Vincemmo uno scudetto per uno, il derby si era come evoluto. Rimaneva la partita più bella ed emozionante da giocare, ma non la più importante”.

Tante partite con la Roma, e quanti derby. Uno se lo ricorda bene Candela: Il 4-1 del 1999 è indimenticabile. Una partita bellissima, incredibile. Dopo mezz’ora eravamo già 4-0 grazie alle doppiette di Montella e Delvecchio. Che giornata!”. Ma anche sconfitte pesanti:Il quarto derby perso con Zeman è stato decisamente il più brutto. Lo perdemmo prima ancora di giocarlo, sentivamo troppo la pressione”. Ricordi di derby, vengono i brividi a Vincent. L’attesa per la stracittadina di domenica sale, una sfida da alta classifica. “Sarà un gran bel derby, lo guarderò con molto piacere. Entrambe le squadre attraversano un ottimo periodo, sarà un match equilibrato. La Lazio, lo dico da romanista, non ha nulla da invidiare alla Roma. Sono due belle squadre, destinate ad arrivare a fine campionato nei primi posti”. La Lazio di Inzaghi, Candela non ha dubbi: Il miglior allenatore dell’era Lotito, un complimento non da poco per Simone. Poi continua: “Ha saputo cogliere l’opportunità in estate dopo la vicenda Bielsa, dimostrando di meritare la panchina della Lazio. Ha avuto orgoglio, è stata una bella rivincita personale”.

Lazio e Roma, due squadre di qualità con giocatori importanti. Due in particolare: Per domenica punto su Felipe Anderson per la Lazio e per la Roma Nainggolan. Il brasiliano quando ti punta è formidabile, mentre il belga è fatto apposta per questo tipo di partite. Ci sono anche Dzeko e Salah che hanno numeri impressionanti, come anche Immobile per la Lazio. A centrocampo c’è gente come De Rossi e Biglia. Ci sarà da divertirsi all’Olimpico”. Uno scenario però non all’altezza: “E’ un vero peccato – conclude Candela a LazioPress.it – il derby con lo stadio pieno e le curve ha tutto un altro fascino“. Vincent Candela, romanista vero e un coro tutto per lui: ‘Olle le olla la Vincent Candela, Vincent Candela’.

 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW