Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Derby, l’autogol di Lulic e della Lazio nel post partita

Published

on

 


Le “palle” quelle che tanto piacciono ai tifosi, vanno tirate fuori in campo e non a partita finita. Perché le partite si vincono nei novanta minuti e non davanti ai microfoni. Cadere nelle provocazioni fa godere due volte chi le fa. Rispondere così è una sconfitta. Al massimo lo si fa con stile, quello che da sempre caratterizza la Lazio. La frase di Senad Lulic è sgradevole, razzista e soprattutto è da maleducati. Sì, da maleducati. Certi pensieri non dovrebbero nemmeno attraversare una testa pensante. E così finisce che Senad, l’eroe del 26 maggio, peggiora la situazione dopo la sconfitta per 2-0. Una frase che, se vogliamo, non difende la Lazio ma la fa passare da rosicona. E’ grave che alle provocazioni lanciate in settimana da Ruediger si risponda così: «Parlava troppo già prima della partita, fino a qualche tempo fa vendeva i calzini e le cinture a Stoccarda ora fa il fenomeno». Che risposta è? Pessima. Si voleva rispondere per le rime? Bastava dire un semplice: «Ruediger dove era il 26 maggio 2013?». Avrebbe decisamente colpito meglio nel segno.

«VENDEVA CALZINI A STOCCARDA»
Il peggio però doveva ancora arrivare perché il giocatore scende nella mixed zone dello stadio Olimpico e lì viene esposto al fuoco incrociato delle domande dei giornalisti presenti. Il giocatore non si sottrae e continua ad insistere. Non torna indietro e forse peggiora rispondendo: «Non mi devo scusare perché anche i bianchi vendono i calzini». Le domande continuano lui si rende leggermente conto, ma non chiede scusa. Alla radio ufficiale lo spronano e così arriva un parziale dietrofront: «A caldo si dicono cose che non andrebbero dette». Già, a caldo la testa può fare tilt, ma è in questi casi che la società deve essere scaltra e pronta a portar via il giocatore facendo scemare la polemica. Invece non è successo e Senad è rimasto solo. La cosa grave è che il club doveva ben sapere che queste dichiarazioni saranno prese dalla Procura Federale che aprirà un procedimento. Il giocatore rischia una squalifica pesante in base a quanto riporta l’articolo 14, che parla addirittura di 10 giornate. Certo andrà dimostrato che con quella frase non voleva fare un riferimento al colore della pelle. Più probabile che venga deferito in base all’articolo 1 del codice di giustizia sportiva. Eppure Lulic è un giocatore esperto che in certi tranelli non dovrebbe mai cadere. Senad, inoltre, sa benissimo cosa siano la discriminazione e le guerre etniche. Lui, bosniaco, è scappato in Svizzera dalla guerra. La risposta alla provocazione di Ruediger ha finito per far passare Lulic dalla parte del torto marcio oltre che da maleducato. In passato, gente come Giorgio Chinaglia non avrebbe mai usato certe parole ma risposto in stile Lazio alle provocazioni. La voce va fatta sentire in campo, con l’arbitro. Va fatta sentire nelle orecchie degli avversari e non davanti ad un microfono dopo il triplice fischio finale. Bisognerebbe tornare sui banchi di scuola e studiare la Storia, da capo. Anche perché questo finisce per ledere una tifoseria vessata da anni con accuse di razzismo ed etichettata da sempre con quella pecetta nera di “cattiva”. Bisogna essere più furbi e soprattutto si deve rispondere in modo più intelligente. La polemica impazza e la società a quel punto decide di intervenire scusandosi.

LA SOCIETÀ
«La società si duole perché Lulic è andato oltre le righe. La polemica era però stata iniziata dal difensore della Roma. Non possiamo pretendere che i giocatori siano dei santi politicamente parlando – assicura Diaconale, responsabile della comunicazione – ma è importante capire quando si sbaglia e non ripetere più questi errori. La società vuole mantenere la lealtà e il suo stile». Di sicuro Lulic a mente fredda, sbollita la rabbia derby, capirà l’errore fatto e chiederà scusa. Alle volte sarebbe molto meglio non parlare quando sai che la rabbia può annebbiarti i pensieri. La Lazio è un ente morale. La Roma non risponde e Nainggolan su instagram scriva: «No to racism: qualcuno deve imparare queste 3 parole». Il messaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Serie A, una panchina sempre più vicina al cambio allenatore: ecco di chi si tratta

Published

on

 


La sconfitta casalinga di oggi contro il Monza potrebbe esser stata fatale: Marco Giampaolo è sempre più a rischio esonero, la sua panchina sembra ora destinata a saltare dopo la quarta sconfitta consecutiva in campionato della Sampdoria, quinta nelle ultime sei. Come riporta Gianlucadimarzio.com, la decisione sembra essere praticamente presa e, in caso di addio di Giampaolo, sono due le possibilità che si aprono, entrambi eventuali ritorni: Claudio Ranieri e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria, ancora sotto contratto fino al 2024.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW