Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA / Onofri: “Non sacrificherei Biglia per arrivare a Muriel. Lukaku? Sarà la grande sorpresa”

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Clima sereno in casa Lazio, dopo la cena per festeggiare il Natale, gli uomini di Simone Inzaghi si sono ritrovati per preparare al meglio la sfida contro la Fiorentina, di Paulo Sousa. In esclusiva la redazione di LazioPress.it ha contattato l’esperto di calcio internazionale e telecronista Sky, Claudio Onofri che ha commentato l’ultimo incontro dei viola, contro il Sassuolo nel posticipo del lunedì.

Hai visto di recente la Fiorentina dal vivo, come arriva alla partita di domenica?

“La Fiorentina sta in ottima salute, ha avuto un inizio di campionato non brillantissimo, ma adesso ha ritrovato la giusta quadratura. Rispetto all’anno scorso è meno spettacolare, ma più concreta. Possiedono ottimi giocatori come: Borja Valero, Ilicic, Vecino, senza contare i vari Bernardeschi e Kalinic.  Soffrono forse un pò troppo nel reparto arretrato, alcuni calciatori sono un pò in difficoltà come il capitano Rodriguez. Mi aspetto una bella partita tra due squadre che hanno il miglior scouting in Italia”.

Wallace sicuramente è uno dei protagonisti di questo inizio di campionato, tolto il grave errore nel derby, pensi sia pronto per essere un titolare in pianta stabile?

“Wallace sta facendo cose importanti, un giocatore che personalmente conosco da tempo. L’errore del derby sicuramente è molto grave, un eccesso di presunzione, come è capitato anche a Bonucci con il Genoa. Da un difensore non mi aspetto errori simili. Ha grande personalità è molto giovane. Tare ha fatto un grandissimo colpo, in prospettiva lui e Bastos possono diventare la coppia centrale del futuro, senza dimenticarsi di de Vrij, uno dei centrali più forti della Serie A. Secondo me a Roma, non avete visto ancora il vero Lukaku. Stravedo per lui, in Belgio ha fatto grandissime cose, lo vedo più come un esterno di centrocampo piuttosto che terzino, per le sue doti offensive. Fisicamente è fortissimo si deve ancora ambientare, ma scommetto ad occhi chiusi su di lui”.

Keita e Anderson sono l’arma in più di questa squadra?

“Sono due giocatori importanti, non voglio usare la parola fenomeni, però sono sulla strada giusta per diventarlo. Anderson è maturato molto, dico sempre: “diventerà il numero uno, quando imparerà a giocare a pallone”. Ed è quello che sta facendo quest’anno, mettendosi a disposizione della squadra, dei compagni e del mister. Le sue doti tecniche non sono indiscussioni, ha una forza impressionante sulle gambe, quando ti punta ti fa secco. Sono felice di questa versione 2.0 del brasiliano, con un pizzico in più di cattiveria diventerà un top player. Sono convinto che presto diventerà un titolare della sua nazionale”.

Reputi pronto Strakosha per difendere da numero uno i pali della porta biancoceleste?

“Non sono molto esperto nel ruolo, posso dire che mi sta sorprendendo. Nonostante la giovane età lo vedo molto maturo, per giocare in una squadra di primissimo livello. Però aspetterei a lanciarlo in modo definitivo, anche perchè reputo Marchetti uno dei migliori portieri che il nostro campionato può vantare. Lo farei crescere insieme a lui per poi tra qualche anno affidargli la maglia da numero uno”.

Milinkovic è un giocatore unico nel suo genere?

“Milinkovic lo reputo l’acquisto più importante degli ultimi cinque anni. Non ho mai visto un centrocampista come lui, lo seguo con piacere dai tempi del Genk dove giocava mediano, con l’under 21 serba agisce da trequartista, come più o meno fa nella Lazio. Le sue qualità fisiche sono impressionanti, sul gioco aereo non ha rivali. In questa stagione è definitivamente esploso, anche se i suoi margini di crescita sono altissimi. Si è dovuto ambientare come tutti i giovani che vengono in Italia. Stiamo parlando potenzialmente di un altro top player”.

In questi giorni nella capitale si parla di un forte interessamento da parte della Lazio per Muriel. Sacrificheresti la cessione di Biglia, per arrivare al colombiano?

“Sinceramente non mi priverei di Biglia, per arrivare all’attaccante doriano. Il centrocampo verrebbe indebolito, con tutto il rispetto per Cataldi, ma non credo possa ricoprire il ruolo del numero 20. L’attacco sicuramente sarebbe devastante, però ci sarebbe troppa differenza di valori tra i due reparti. Se la Lazio insieme a Muriel dovesse prendere anche un sostituto del capitano biancoceleste allora il discorso potrebbe cambiare e inizierei a pensare anche io a questo “scambio”, ma senza l’entrata di un nuovo centrocampista francamente lascerei perdere”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW