Connect with us

CalcioMercato

Il Messaggero | Keita, sgarbo di Natale, l’attaccante non vuole prolungare

Published

on

 


Il buono e il cattivo. Lotito è pronto a portare doni a Biglia, un po’ meno a Keita. Sotto l’albero di Natale ci sono diverse sorprese in arrivo. E’ un momento decisivo, fondamentale per il futuro di due giocatori importanti. Ed è arrivata l’ora delle scelte. Da mesi la società sta trattando con l’argentino e con il giovane senegalese per rinnovare l’accordo contrattuale, ma tra i due il più propositivo e sempre disponibile al dialogo è stato Lucas. L’altro, Keita, pur impegnandosi tanto in allenamento e in partita, non ha mai teso la mano del tutto. Anzi, il calciatore e parte del suo entourage, hanno un atteggiamento poco chiaro sulla reale volontà di restare in biancoceleste. E il comportamento dei due giocatori alla cena ufficiale di Natale di due sere fa ne è la dimostrazione lampante.

IL Si È VICINO Da settimane il regista argentino spiega che entro Natale ci sarebbe stato un incontro chiarificatore con la società per il futuro. E qualcosa si è mosso. La settimana scorsa c’è stato un approccio diretto tra il diesse Tare c il calciatore, tanto che il clima alla stessa cena, soprattutto con il presidente, è stato piuttosto cordiale e sereno. I problemi sul rinnovo sono sempre stati legati non tanto allo stipendio fisso, che salirebbe a circa 2 milioni di euro netti, quanto al bonus legati alle presenze (Lucas non vorrebbe tetti), ai gol e agli assist. Ognuno di questi dovrebbe raggiungete una cifra complessiva di circa 600.000 euro. E il patron laziale sembra essersi convinto ad accettare le richieste del giocatore. La stretta di mano vera e propria ancora non c’è stata, ma Lucas, ad una cena di una settimana fa, ad alcuni amici avrebbe confidato che l’accordo è davvero a un passo. Il suo agente, Montepaone, dovrebbe arrivare nella capitale prima di Natale, anche se l’eventuale firma sul nuovo contratto verrà siglata nel 2017 e si protrarrà fino al 2020, ovvero due anni in più rispetto all’attuale contratto che scade a giugno del 2018.

SEMPRE PIÙ OMBRE Se Biglia sorride e si abbraccia con Lotito, non può dire lo stesso Kelta. Quanto è successo alla cena di Natale, con l’attaccante che, mentre parla il patron e fa il discorso di chiusura, si alza e se ne va, non è stato gradito dall’intero ambiente laziale. II club fa sapere ufficialmente che il ragazzo aveva avvertito che sarebbe andato via prima per problemi personali, tanto che Marchetti e Parolo, da leader dello spogliatoio, sapevano ogni cosa. La sensazione è che si tratta di un piccola “toppa” per non creare l’ennesima polemica. Il problema è che c’è Keita di mezzo e sembra sempre che succede sempre tutto a lui. La realtà è che il giocatore, pur facendo il suo sul campo, non ha tutta questa voglia di restare e non fa niente per nasconderlo. Il presidente a più riprese ha proposto un rinnovo a circa 1,5 milioni di euro a salire, ma per il senegalese e il suo procuratore, la distanza è ancora parecchia. Il diesse Tare ha anche tentato più volte di parlare direttamente con il giocatore e trovare una soluzione, considerato che il rapporto è buono, ma il suo manager, Calenda, lo spinge sempre più lontano. O almeno questa è la forte sensazione. Di squadre che lo seguono ci sono e gennaio è vicino, basterà fare un’offerta e vedere come reagisce la Lazio. Lotito, che non ci è rimasto bene dell’atteggiamento di Keita, per cederlo chiede dal 25 milioni di euro in su. Per la partita con la Fiorentina non è sicuro del posto, c’è Lulic che lo insidia.

Il Messaggero – Daniele Magliocchetti 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Calcio

CdSera | Il Mago è sul mercato, ma al Siviglia continua a non piacere

Published

on

 


Luis Alberto è sul mercato. Lo spagnolo non è soddisfatto dello spazio datogli da Sarri in questa stagione e il suo sogno sarebbe quello di tornare a Siviglia, ma il club andaluso non vuole investire su di lui. La Lazio è pronta a cederlo, tanto che in estate c’è stato anche un contatto con Monchi, che però ha risposto picche davanti ad alcuni dati riguardanti il Mago, come le palle perse, la velocità e i palloni recuperati.

La Lazio, però, ha bisogno di vendere se vuole muoversi sul mercato in entrata ed è difficile farlo solo con i soldi che si potrebbero ricavare dalle cessioni di Fares e Kamenovic. L’offerta convincente per Luis Alberto, però, non c’è. Lotito non vuole scendere sotto i 15 milioni, che però per un giocatore di 30 anni che passa molto tempo in panchina non sono pochi. Allo stesso tempo, aspettare è rischioso perché potrebbe continuare a deprezzarsi.

Corriere della Sera 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW