Connect with us

Esclusiva

ACCADDE OGGI – Auguri Gottardi, l’uomo dei gol mai banali. Ballotta: “Lazio, devi dirgli grazie!”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Impossibile non amarlo. L’uomo che ha cambiato la storia della Lazio. Uno scudetto, tre successi in Coppa Italia, due nella Supercoppa Italiana, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Europea. Curriculum da fare invidia a molti ‘campioni’ accalamati. E un coro: ‘Mi diverto solo se…solo se gioca Guerino..Gioca bene,gioca male…Lo vogliamo in nazionale’, così cantava la Curva Nord, quando Guerino Gottardi entrava in campo. Una vita alla Lazio. Nove anni pieni di emozioni e di successi. Pochi gol, mai banali! Al Real Madrid al Santiago Bernabeu, alla Roma al 94′ nell’anno dei 4 derby vinti, ma soprattutto il momentaneo 1-1 nella finale di Coppa Italia con il Milan.

STORIA – Stagione 1997-1998,  la Lazio dopo 24 anni conquista un trofeo. E’ storia! La sera del 29 aprile del 1998, all’Olimpico va in scena il ritorno della finale di Coppa Italia contro il Milan. A San Siro decise la gara Weah con un gol al 90′. La partita si mette in salita: Albertini porta in vantaggio i rossoneri su punizione, favorito dalla deviazione sfortunata di Nedved. Lazio sotto shock, ma Eriksson ha l’intuizione vincente: chiama Gottardi dalla panchina al posto di Grandoni. Mancano poco più di 40’ al termine e la Lazio deve segnare tre reti per ribaltare la situazione. Al 50’ cambia la storia della Lazio. Venturin con un lungo lancio trova Mancini solo in area: palla a Gottardi che di piatto mette in rete siglando l’1-1. L’Olimpico diventa una bolgia. Guerino con la sua grinta e la sua voglia di vincere spinge la Lazio. Incontenibile Gottardi! Maldini lo stende in area, è rigore: Jugovic va sul dischetto e realizza il 2-1. Il gol di Nesta chiude la partita, consegnando alla Lazio un successo atteso da quasi un quarto di secolo. Guerino Gottardi, l’uomo che ha cambiato la storia della Lazio!

LA SVOLTA –“Quando entrò in campo aveva una carica pazzesca, il suo gol ci diede forza e ci spinse verso la vittoria. Dobbiamo solo dire grazie a Guerino”, ammette Marco Ballotta in esclusiva a LazioPress.it. “Vincere la Coppa Italia fu fondamentale, alla Lazio mancava da troppo tempo un trofeo. Una serata fantastica, Gottardi giocò una partita sontuosa”. Tanti anni passati insieme nella Capitale, quanti ricordi. “Di lui ricordo solo cose positive, belle. E’ un grande amico, ci sentiamo spesso. Alla Lazio ha fatto grandi cose, è stato un pezzo importante in quegli anni dove vincemmo molto in Italia e in Europa. Un bravo ragazzo, sempre socievole con tutti”. E quella r moscia…“Ci scherzavamo su. Non parlava benissimo l’italiano, era molto simpatico”, così il ‘nonno del gruppo’: “Guerino mi chiamò in questo modo e diventai per tutti il nonno”. Ricordi, sorrisi. Emozioni e amicizie destinate a durare in eterno. Guerino Gottardi, vero e proprio idolo dei tifosi della Lazio. Oggi compie 46 anni, tanti auguri Guerino! ‘Mi diverto solo se…’.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW