Connect with us

Per Lei Combattiamo

A tutto Keita: “Il gol contro il Parma il mio preferito. Rimpiango il preliminare con il Leverkusen. Inzaghi? Mi ricorda Petkovic”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Zoom su Keita Balde Diao: “La mia passione per il calcio nasce con gli amici di infanzia, per le strade del quartiere”, racconta il classe ’95 a Lazio Style Channel. “Andai al Barcellona, all’età di 9 anni, nel posto migliore al mondo per crescere e imparare a giocare. Una volta un anziano signore fermò mio padre dopo avermi visto e gli consigliò di comprarmi delle scarpe nuove perché avrei fatto tanta strada. Aveva ragione…”.

Sull’esperienza al Cornella: “Quel prestito in Spagna fu la chiave del mio futuro. Lì ho imparato soprattutto a conoscere me stesso, lì nacque un nuovo Keita. Poi arrivai alla Lazio, vincere lo scudetto è stato emozionante, ci prendemmo quello che avevamo perso l’anno prima in finale contro l’Inter. Poco dopo cominciai ad allenarmi con i grandi, dimostrai di poter stare in una squadra del genere. Ederson e il Tata Gonzalez mi aiutarono a inserirmi nello spogliatoio”.

Esordio con la Lazio: “Ricordo il debutto, sognavo da tempo quel giorno, per realizzarlo ho fatto tanti sacrifici. Alla prima da titolare in campionato riuscii a segnare contro il Parma, quello resta uno dei miei gol preferiti. Il più bello? Forse quello realizzato al Napoli, ma mi piace molto un altro fatto al Verona su assist di Klose. Ho sempre ammirato i giocatori forti, di qualità come Ronaldinho, Eto’o e Messi che osservavo da piccolo. Per questo amo puntare l’uomo e saltarlo nell’uno contro uno. Se fossi un tifoso pagherei per vedere questo…”. Il 14 sulle spalle: “Sono giovane, ricordo soprattutto un altro giocatore con quel numero sulle spalle, si chiama Henry… Ma l’ho scelto perché piace a mio fratello maggiore: era libero, così lo presi subito”.

 “Il mio primo tecnico qui è stato Bollini, mi ha insegnato ad avere fame, a non mollare mai, a mettere in campo la rabbia agonistica. Petkovic mi ha dato serenità, mi diceva di rimanere tranquillo. Reja era più simile a Bollini, che intanto era diventato il suo vice. Poi ho imparato da Pioli, mentre Inzaghi mi ricorda Petkovic: mi lascia libero di fare in campo quello che mi riesce meglio”.

Due anni fa fa stagione più bella: “Con quel campionato riuscimmo a riportare entusiasmo allo stadio. Peccato che dopo non siamo riusciti a passare il turno in Champions. Segnai un gran gol contro il Leverkusen, fu una grande emozione, segnare in una competizione così è sempre bellissimo. Ho scoperto soltanto di essere il giocatore più giovane della storia della Lazio ad aver giocato un derby da titolare. Ad aprile scorso, invece, ho raggiunto le 100 partite con la prima squadra. È un traguardo importante per un giocatore giovane come me”. Su suo fratello minore, Ibou Balde: “È un ragazzo sveglio, mi somiglia, ci sentiamo spesso, quasi tutti i giorni. Sta crescendo, si trova bene alla Sampdoria”.

Su Felipe Anderson e Immobile: “Mi trovo bene con loro, sono giocatori fenomenali e dei bravi ragazzi. In campo ci capiamo bene. Non sono male neanche con la play station, però io sono molto più forte. Contro Ciro non ho ancora giocato, lo faccio integrare ancora un po’ prima di batterlo. Sennò mi si demoralizza (ride, ndr)…”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW