Connect with us

Per Lei Combattiamo

Simeone: “Vi spiego come ci faceva vincere Eriksson alla Lazio. Futuro? Tante chiacchiere…”

Published

on

 


La Lazio nel cuore. Il cuore di Diego Pablo Simeone è (anche) biancoceleste. L’attuale allenatore dell’Atletico Madrid è infatti tornato a parlare dei capitolini.

“Fin da piccolo ho sempre avuto il desiderio di diventare calciatore – ammette a BeIn Sport – sono stato molto fortunato perché ho avuto tanti bravi allenatori. In Italia ho imparato molto, facendomi in qualche modo influenzare. Ricordo quando alla Lazio c’era Eriksson, lui giocava in base alle caratteristiche dei giocatori che aveva a disposizione, che a quel tempo erano molto forti. A centrocampo avevamo gente come Mihajlovic e Veron ma lui voleva che, sfruttando la velocità di Salas, Boksic o Nedved, appena presa palla lanciassimo in profondità. Non era importante che loro tenessero il pallino del gioco, perché sennò rischiavamo di perdere la velocità di esecuzione. Giocando così abbiamo vinto davvero molto. Poi sono stato allenato anche Bielsa. Quando veniamo al mondo abbiamo un papà e una mamma. Se avessi avuto altri papà probabilmente avrei avuto altri modi di pensare la vita. Così succede calcio: nel processo di crescita, tendiamo ad avvicinarci a quegli allenatori che sono stati per noi nostri padri”.

RUOLO –Ho sempre giocato come centrocampista. E’ un ruolo importante visto che partecipa a ogni fase di gioco. A 29/30 anni ho iniziato a fare esercizi individuali, quando ero alla Lazio mi inventai un allenamento specifico. Ma ho sempre cercato di rubare guardando gli altri, solo così si migliora. E’ normale: tutti in qualche modo rubano qualcosa dagli altri.  Ho iniziato il corso di allenatore in Spagna poi sono andato in Argentina. Ho sempre avuto il desiderio di avere un squadra che possa trasmettere le emozioni che provo per questo gioco. Parlo molto dei loro corpi. Quando vedi una partita ti accorgi subito uno è attivo o passivo in campo”.

FUTURO – La vita è fatta di momenti e adesso per me è il momento dell’Atletico Madrid, non ho mai pensato ad altro in tutti questi anni se non alla mia squadra. Devo ancora migliorare molto e quando penso alla figura di un commissario tecnico mi vengono in mente allenatori come Del Bosque o Luis Aragones. Inter? I giornalisti sono abili a creare polemiche, bisogna abituarsi. In Italia hanno chiesto a mia sorella e a mio figlio se un giorno allenerò l’Inter e loro hanno risposto di sì, che in futuro potrebbe succedere. Ora ho deciso di non parlare di questi argomenti, le parole vanno e vengono, quel che conta è il campo e quando andrò via dall’Atletico sarà perché sarò convinto che è la soluzione migliore per il club. Adesso tutti dicono che potrei andare via fra un anno e mezzo e molta gente pensa che sia così e invece potrei anche rinnovare, oppure da qualche parte sta scritto che non è possibile?”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Santori sullo stadio della Lazio: “Nessun interesse di Lotito per il Flaminio, si sta parlando di un altro luogo”

Published

on

 


Fabrizio Santori, capogruppo della Lega in Campidoglio, è intervenuto a Gli Inascoltabili in diretta su New Sound Level parlando del progetto stadio per la Lazio. Queste le sue parole:

“Bisogna ripensare ad alcune situazioni di prolungamento, va fatta un’analisi profonda. Vediamo quello che è stato fatto finora, ma inizialmente doveva arrivare fino allo Stadio Olimpico proprio per tutti i grandi eventi riguardanti l’impianto. Si sta parlando sia dello stadio della As Roma che della volontà da parte della SS Lazio sul fatto che Lotito possa presentare un qualche progetto importante, ma non sul Flaminio. Io, da consigliere comunale e cittadino di Roma oltre che da laziale, sarei la persona più felice del mondo. Ma bisogna presentare dei progetti. Non si è mostrato un reale interesse. Quando si vuole attenzione, ci sono degli studi riguardanti la fattibilità dell’impianto. L’altra zona è quella della Tiberina, ma anche lì nulla di fatto. Se l’Olimpico diventa ora un luogo meno esistente sotto il profilo delle dinamiche settimanali, sicuramente serve una portata. Ma la distribuzione toccherà anche Pietralata e il luogo in cui la Lazio farà il suo stadio. Se il progetto della Lazio non verrà presentato, tuttavia, non aspetteremo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW