Connect with us

Per Lei Combattiamo

TOP OF 2016 – Il tridente delle meraviglie stende il Cagliari: la Lazio torna alla vittoria

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Dicembre, tempo di Natale e bilanci. La Lazio chiude un 2016 in chiaroscuro: mediocre la prima parte, esaltante la seconda. Nonostante questo però, quest’anno ha regalato alcune partite da ricordare. Ecco quelle che Laziopress vi ha raccontato con maggior piacere.

Dopo la bella prestazioni di Torino, la Lazio riparte dal Cagliari in un match ricco di emozioni vinto dai biancocelesti per 4 a 1. La banda di Simone Inzaghi capitanati dal trio delle meraviglie Immobile-Keita-Anderson continua a sognare. Uomo della gara Immobile autore di una paradisica doppietta.

PRIMO TEMPO

 Pronti via il primo pericolo arriva dal Cagliari con Murru, servito alla perfezione da Melchiorri fa partire un sinistro pericoloso, bravo Marchetti a deviare in angolo. Capovolgimento di fronte e i biancocelesti passano al 7′ in vantaggio con una perla di Keita, che sfrutta al bacio un assist di Senad Lulic, il senegalese stoppa di prima intenzione e batte con un destro chirurgico Storari. Passano pochi minuti ed è Tachtsidis a scaldare i guanti del portiere laziale con un destro a giro dai venti metri. Episodio dubbi nell’area di rigore del Cagliari, cross di Anderson per Parolo abbattuto da Murru, per Celi non ci sono gli estremi per concedere il rigore. I biancocelesti in ripartenza sono micidiali: Keita serve alla perfezione Immobile, ma il colpo di testa del numero diciasette è troppo debole e non impensierisce Storari. Borriello al 20′ sfrutta un’indecisione di Marchetti, la palla termina di poco al lato. Lazio bella è cinica e dopo pochi minuti arriva il raddoppio con Ciro Immobile su calcio di rigore, l’ex Siviglia si procura il penalty che trasforma con freddezza. I capitolini giocano sul velluto sempre con il numero 17′ bravo a sfruttare una sbavatura di Murru e fredissimo con uno scavetto batte per la terza volta il portiere avversario portanto a tre le reti segnate nei primi trenta minuti. Si riscaldano gli animi al 40′ minuto tra Keita e Tachtsidis, l’ex Roma entra in maniera scomposta sul senegalesi, si accende un parapiglia tra i due, con il direttore di gara che ammonisce entrambi. Il primo tempo termina sul risultato di 3 a 0 in favore dei biancocelesti.

SECONDO TEMPO

Secondo tempo che inizia sempre a tinte biancoceleste con la premiata ditta Anderson-Immobile, il primo inventa un assist meraviglioso per l’ex Siviglia che prova a beffare Storari con un tocco sotto, bravo il portiere romano a restare in piedi fino all’ultimo. Ingeniutà di Keita che commette fallo su Melchiorri nell’area di rigore, per Celi nessun dubbio, dagli undici metri si presenta Borriello, il suo sinistro però fuori. Grande occasione persa dai sardi per poter porvare a rientrare in partita. Ancora i rossoblu pericolosi stavolta con Melchiorri che trova un super Marchetti sulla girata di testa. Inzaghi rimprovera i suoi per il calo di tensione e decide di cambiare, al 65′ entra in campo  Murgia, esce tra gli applausi  Parolo, poco dopo fa il suo ingresso in campo l’altro ex primavera Lombardi al posto di uno sfinito Immobile. La gara vive un momento di stallo, ma a pensarci è Felipe Anderson autore di una perla: azione personale del numero dieci, salta la difesa degli ospiti e da solo batte per la quarta volta Storari. C’e tempo anche per il gol della bandiera dei sardi, l’autore è Wallace che in modo sfortunato devia su un angolo il colpo di testa di Capuano. La partita termina con il risultato di 4 a 1. Continua lo splendido momento in casa Lazio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Serie A, una panchina sempre più vicina al cambio allenatore: ecco di chi si tratta

Published

on

 


La sconfitta casalinga di oggi contro il Monza potrebbe esser stata fatale: Marco Giampaolo è sempre più a rischio esonero, la sua panchina sembra ora destinata a saltare dopo la quarta sconfitta consecutiva in campionato della Sampdoria, quinta nelle ultime sei. Come riporta Gianlucadimarzio.com, la decisione sembra essere praticamente presa e, in caso di addio di Giampaolo, sono due le possibilità che si aprono, entrambi eventuali ritorni: Claudio Ranieri e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria, ancora sotto contratto fino al 2024.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW