Connect with us

CalcioMercato

Il Messaggero | I rinnovi della discordia

Published

on

 


Anno nuovo, contratto vecchio. Il 2017 si riaprirà con alcuni casi spinosi rimasti sotto l’albero. A cresta alta, spicca il rinnovo di Keita, partito per Barcellona per le vacanze prima di raggiungere il Senegal per la Coppa d’Africa. Mancherà sino a fine gennaio il Balde giovane, ma a distanza la Lazio proverà un ultimo disperato tentativo nei prossimi giorni: 1,7 milioni a stagione, ma Keita spara addirittura il doppio per recuperare i soldi persi nel 2016 e forse anche per provocazione. E’ l’agente Calenda a guidarlo, lui – dopo qualche timido segnale di cedimento a fine estate – sembra di nuovo seguirlo nella strada dell’abbandono. Basti pensare all’ultimo centro con la Fiorentina, dedicato proprio al manager. La situazione insomma resta complicata, anche perché Lotito – almeno di facciata – non ha intenzione di cedere a offerte inferiori ai 30 milioni. E, al momento a Formello, quelle recapitate non arrivano nemmeno a 20. Se non dovesse esserci – come sembra – una ricucitura, Keita sarebbe libero d’accasarsi a parametro zero ovunque voglia fra un anno. O forse prima. Perché rimane pure lo spettro dell’articolo 17, nonostante il gentleman agreement fra i club per non assumere calciatori svincolatisi con questo escamotage. La Lazio si dice pronta a rischiare di perdere la plusvalenza, eppure si affida anche a Jorge Mendes per trovare acquirenti “degni” in giro. Lo stesso procuratore che ha portato Wallace a Formello e vuole far fare il percorso inverso a de Vrij verso l’assistito Mourinho. Discorso valido per giugno con 35 milioni perché Stefan, nonostante gli ottimi rapporti fra Tare e la Seg, non prolungherà il rapporto.

OTTIMISMO Tre proposte rifiutate da de Vrij, il rinnovo di Biglia invece è in stand-by da settembre. Inter e Juve sperano che l’argentino non firmi per sferrare l’assalto a giugno a cifre molto più basse rispetto ai 25 milioni richiesti oggi da Lotito. In gran segreto hanno già parlato con l’agente Montepaone, che guarda caso sta facendo di tutto per far interrompere al suo assistito il rapporto con la Lazio. Fortunatamente, però, a differenza di Keita, Biglia è pronto a seguire solo la sua testa e il suo cuore. Era sicuramente rimasto infastidito dall’inserimento di bonus legati alle presenze, Lucas, ma sarà comunque il calciatore più pagato dell’era Lotito con 2,5 milioni più 500mila extra. Il capitano ha promesso a Tare e Inzaghi di restare, il pericolo numero uno è comunque Montepaone: vuole rubargli la penna. Tutto fatto invece con l’agente di Strakosha. Secondo fra i pali, il primo a rinnovare: Thomas triplicherà il suo attuale stipendio da 96mila euro fino a giugno. La Lazio ci punta e lui vuole la Lazio e la Nazionale: l’Albania è decisa a promuoverlo come titolare al posto dell’infortunato Berisha. Da mettere nero su bianco anche l’adeguamento d’Inzaghi. Il contratto firmato a luglio per un anno ha il rinnovo automatico in caso di piazzamento in Europa, non per un solo anno bensì per due, sino al 2019, con adeguamento economico progressivo. Ma Simoncino merita subito lo scatto, dopo aver corso a 2 punti a partita in questo 2016. Cin cin.

Il Messaggero – Alberto Abbate

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

Calciomercato Lazio, dalla Turchia: “I biancocelesti monitorano Taremi del Porto”. I dettagli

Published

on

 


Tutti i maggiori campionati europei sono fermi, a causa del Mondiale in Qatar che è partito da ormai una settimana. Ciò non distoglie l’attenzione dal calciomercato invernale, utile a rifonrazre le rose in vista della ripartenza a gennaio. La Lazio ha necessità di puntellare due ruoli specifici, l’attacco e la difesa. Sul fronte terzini sinistri sono vari i nomi fatti negli ultimi mesi, con la Società che sarebbe pronta ad accontentare le richieste di Sarri. Discorso un pò diverso per l’attacco, dove il tecnico ha richiesto un vice-Immobile, ma il club non sarebbe così volenteroso di investire in quel ruolo e almeno fino all’estate preferirebbe continuare con Felipe Anderson spostato in avanti. Tuttavia, nelle ultime ore sono stati esplorati diversi profili, che potrebbero far comodo alla Lazio in quel ruolo. Tra questi c’è Mehdi Taremi, attaccante 30enne del Porto, attualmente impegnato con il suo Iran ai Mondiali. Si tratta di un giocatore forte fisicamente, alto, con una buona tecnica ed un importante fiuto del gol. Secondo quanto riportato dal giornalista turco Ekrem Konur, il club biancoceleste starebbe monitorando la situazione a lui legata, per poi avanzare eventualmente un’offerta al Porto per portarlo a Roma a gennaio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW