Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA / Dal Calcio Tuscia alla Lazio: “Lombardi il nostro orgoglio!”. E la tappa Ancona: “Da noi ha fatto la differenza”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Dicembre, mese di bilanci in casa Lazio. Un 2016 a due facce: la fine del ciclo Pioli, e il nuovo corso targato Simone Inzaghi. Un’estate turbolenta, tra lo scetticismo della piazza e la poca lucidità della società. La vicenda Bielsa, Prandelli. Si riparte con Inzaghi, dopo il buon finale dello scorso campionato. Ad Auronzo si lavora duro, idee chiare sin da subito. C’è da cancellare un’annata negativa. Si parte da Bergamo, prima di campionato. Nell’undici titolare c’è una sorpresa: out Keita e Felipe, Inzaghi lancia Cristiano Lombardi. Esordio e primo gol in Serie A. Una favola, un sogno.

Una bella storia quella di Cristiano. Impegno e passione, così si arriva in alto. “E’ il nostro orgoglio!”. A parlare è Patrizio Fimiani, responsabile del settore giovanile del Calcio Tuscia. Viterbo, anni fa. Da qui parte Lombardi. I primi calci, le prime gioie. “E’ stato da noi fino ai giovanissimi. Si vedeva già che aveva qualcosa in più degli altri”, rivela in esclusiva a LazioPress.it. “Lo prese il Siena, e poi la Lazio. Ci rende orgogliosi vedere il nostro nome accostato a Cristiano. Lui sta vivendo il suo sogno e noi siamo tutti felici per lui”. Calcio Tuscia, da quelle parti Lombardi è di casa. “Gli vogliamo bene, lo seguiamo sempre”. Guido Maccio, ex presidente, racconta emozionato il suo Cristiano, sempre a LazioPress.it: “Un orgoglio, una grande soddisfazione. Un bravo ragazzo con una famiglia straordinaria. Lo ha sempre sostenuto, delle persone stupende”. Un talento già sopra la media: “Era superiore agli altri, decisivo in ogni partita con gol e giocate di qualità. Veloce, ottima tecnica. Eravamo molto ottimisti, faceva la differenza anche quando giocava con i più grandi”. Un carattere forte, e nessuna paura: “Non aveva timore nel prendersi le responsabilità. Non voleva mai perdere, lottava sempre per i compagni e per la vittoria”. Lombardi e il Calcio Tuscia, un rapporto destinato a durare in eterno.

Poi la Primavera della Lazio, i primi titoli. L’esperienza non facile a Trapani, e la tappa di Ancona (l’anno scorso). “Un’ottima stagione per lui e per tutta la squadra”. 26 presenza e 4 gol, in Lega Pro Cristiano fa la differenza: “Ha delle qualità impressionanti, quando ti punta è devastante! Esplosivo nelle gambe, grande tecnica”, rivela Lorenzo Bambozzi in esclusiva a LazioPress.it. Insieme all’Ancona la passata stagione, e un feeling particolare: “Eravamo vicini nello spogliatoio, uscivamo spesso insieme. Abbiamo un ottimo rapporto, ci sentiamo tutte le settimane”. E un saluto tutto loro: “E’ una cosa nostra che facevamo sempre. Rimane tra noi…(ride ndr)”. Poi il ritorno alla Lazio e l’esordio con gol. “Non mi aspettavo un impatto del genere. Sono felice per lui perchè se lo merita e ha dimostrato di poter stare in un top club come la Lazio. Felice, emozionato per il suo amico. “Non è facile la Serie A, ma ha la fortuna di avere Inzaghi che lo conosce bene e che gli ha dato subito fiducia. Farà un’ottima carriera”. Amicizie vere, autentiche. L’orgoglio del Calcio Tuscia, un anno importante ad Ancona. Un 2016 da incorniciare per Lombardi, e un futuro (roseo) da scrivere con la sua Lazio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW