Connect with us

CalcioMercato

Il Tempo | Tridente spuntato, emergenza Lazio

Published

on

 


Studiare un’alternativa, ridisegnare la Lazio e rialzare la testa contro il Crotone. Archiviata la sconfitta con l’Inter, occhio alle sorprese d’inizio anno, la sfida dell’8 gennaio rappresenta la più classica delle trappole. I biancocelesti dovranno vedersela anche con l’emergenza in attacco, alla ripresa del campionato mancheranno gli squalificati Lulic e Felipe Anderson, più Keita, partito per la Coppa d’Africa. E allora ci sarà bisogno di un’idea nuova, magari cercando di rilanciare chi ha trovato meno spazio, non a caso la candidatura di LuisAlberto (ieri sera impegnato in un match benefico a Siviglia) è sempre più concreta. Lo spagnolo permetterebbe a Inzaghi di confermare il classico 4-3-3 con il ballottaggio tra Lombardi e Kishna sulla destra (non è da escludere la presenza di entrambi come all’esordio a Bergamo). Immobile è sicuro del posto, guiderà il reparto offensivo, sarà come al solito l’unico riferimento centrale. C’è però anche un’altra possibilità da non scartare a priori, lo staff tecnico inizierà a valutarla dalla prossima settimana: il ritorno al 3-5-2 consentirebbe all’allenatore di schierare Djordjevic al fianco del bomber napoletano. Stesso discorso per il 4-3-1-2 con Milinkovic Savic alle spalle degli attaccanti e Cataldi a centrocampo insieme a Biglia e Parolo. Molto dipenderà dalle condizioni di Lukaku, fermo ai box per un fastidio alla caviglia: a sinistra rimarrebbe solamente Patric come soluzione da sfruttare in extremis. Le prove tattiche scatteranno tra qualche giorno, ieri è andata in scena una seduta prettamente atletica: assenti i sudamericani Biglia, Wallace e Felipe Anderson, rientreranno alla base in ritardo, prepareranno definitivamente la gara con il Crotone dopo Capodanno. Subito in gruppo invece Stefan Radu, reduce da una contusione alla caviglia, sarà a disposizione per la ripresa del campionato. Inzaghi dovrà risolvere il dubbio in difesa tra Wallace e Bastos per affiancare De Vrij, sicuro del posto; più staccato l’altro olandese Hoedt. A proposito, l’ex Az Alkmaar pretende la cessione in prestito a gennaio, ha rotto con l’allenatore e non vede l’ora di partire per almeno sei mesi. Genoa e Fiorentina hanno chiesto informazioni, ma non si tratta di un’operazione semplice. Il Crotone invece è interessato a Gonzalez e Djordjevic (Genoa e Lione alla finestra), mentre Morrison ha ricevuto qualche telefonata dall’Inghilterra. In uscita anche Minala, Tounkara e Vinicius. Capitolo rinnovi: nessuna novità su Biglia, De Vrij e Keita, difficilmente si muoveranno durante la sessione invernale, a giugno però la Lazio potrebbe perderli a metà prezzo (tutti e tre con il contratto in scadenza 2018). Quasi fatta per il prolungamento di Strakosha a 300 mila euro a stagione. Per il prossimo anno poi gli obiettivi sembrano già chiari: piace il «Cholito» Simeone del Genoa e il rapporto tra Lotito e Preziosi è ottimo, non è una pista da sottovalutare anche grazie ai consigli di papà Diego. Per le corsie esterne è nel mirino invece Cafù del Ludogorets, Tare lo ha seguito durante la scorsa estate. Per la porta si dovrà decidere fra Perin, Sportiello o Berisha. Tornerà Guerrieri dall’esperienza a Trapani, verrà ceduto Vargic. Marchetti invece potrebbe salutare Roma dopo 6 anni di Lazio.

Il Tempo – Gianluca Cherubini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Calcio

CdSera | Il Mago è sul mercato, ma al Siviglia continua a non piacere

Published

on

 


Luis Alberto è sul mercato. Lo spagnolo non è soddisfatto dello spazio datogli da Sarri in questa stagione e il suo sogno sarebbe quello di tornare a Siviglia, ma il club andaluso non vuole investire su di lui. La Lazio è pronta a cederlo, tanto che in estate c’è stato anche un contatto con Monchi, che però ha risposto picche davanti ad alcuni dati riguardanti il Mago, come le palle perse, la velocità e i palloni recuperati.

La Lazio, però, ha bisogno di vendere se vuole muoversi sul mercato in entrata ed è difficile farlo solo con i soldi che si potrebbero ricavare dalle cessioni di Fares e Kamenovic. L’offerta convincente per Luis Alberto, però, non c’è. Lotito non vuole scendere sotto i 15 milioni, che però per un giocatore di 30 anni che passa molto tempo in panchina non sono pochi. Allo stesso tempo, aspettare è rischioso perché potrebbe continuare a deprezzarsi.

Corriere della Sera 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW