Connect with us

Per Lei Combattiamo

CONFERENZA LOMBARDI – “Sarò sempre grato ad Inzaghi, siamo cresciuti insieme. Mi ispiro a Felipe”

Published

on

 


Cristiano Lombardi è la vera sorpresa di questa stagione. Lui che nemmeno doveva esserci in questa Lazio. Invece ha sorpreso tutti fin dal ritiro di Auronzo quando ha convinto Inzaghi, il suo più grande ammiratore, a dargli fiducia fino a quel debutto a Bergamo. Cristiano ripagò il tecnico segnando al debutto in Serie A e domenica dovrebbe ritrovare il campo dal primo minuto per chiudere il girone di ritorno contro il Crotone.

 Ti aspettavi ciò in questa stagione?

In estate non ci avrei mai pensato perchè ero alla ricerca di una sistemazione. Non eravamo tanti nel reparto degli esterni e fortunatamente ho fatto bene nelle amichevoli fino a quella partita con l’Atalanta. Ora mi sto giocando le mie possibilità”.

Qual è il tuo obiettivo?

In questo mercato non mi muoverò. Non gioco con continuità ma davanti ho due giocatori come Keita e Felipe Anderson. Fino a pochi mesi nessuno credeva che potessi giocare in questa categoria per cui voglio ringraziare Inzaghi e la società”.

Con il Crotone arriverà il tuo momento?

“Siamo rimasti in pochi per questa partita. Ci sarà la possiblità di giocare, ovviamente spetta ad Inzaghi fare le scelte”.

C’è un compagno a cui ti ispiri?

“Il primo su tutti era Candreva, oggi è più facile per me vedere Felipe Anderson che giochiamo nello stesso ruolo. Lui è più tecnico ma io ce la metto tutta durante la settimana per migliorare”.

Che obiettivo ti sei posto per i prossimi anni?

Nessun obiettivo. Penso solamente a lavorare quest’anno nel migliore dei modi”.

Ci ripensi a quanto era diversa la situazione un anno fa?

“Mi sento con qualche compagno che ho avuto all’Ancona. Credo che qualcuno non ha avuto la mia stessa fortuna, poi ognuno deve dimostrare le proprie qualità. Le differenze fra le categorie sono abissali. So cosa si prova a stare in Lega Pro e ora che sono in Serie A farò di tutto per tenermela stretta”.

C’è qualche tuo ex compagno che non ha avuto la tua occasione?

“Eravamo la Primavera più forte del campionato. A noi magari è capitata un pò di sfortuna. Penso a Filippini che sono tre anni che sta in Serie B o Serpieri che è finito in Eccellenza. Eravamo ragazzi che battevano tutti gli avversari”.

In cosa puoi migliorare?

“Sicuramente sul piano tecnico. Io posso solo arrivare per primo in campo e andare via per ultimo per crescere. Inzaghi mi allena da tanti anni e può aiutarmi a crescere”.

Ci racconti il tuo rapporto con Inzaghi?

“Siamo cresciuti insieme, io in campo e lui in panchina. Abbiamo sempre avuto una profonda stima reciproca. Sarò sempre grato a lui per avermi tenuto in Serie A e voglio ripagarlo”.

Chi ti ha aiutato in questi mesi?

Danilo Cataldi. Sono arrivato in punta di piedi e ho ritrovato lui che ha maggiore esperienza di me nonostante giocavamo insieme in Primavera. E’ sempre stato a disposizione. Sono stato poi fortunato di trovare in gruppo dei compagni come Murgia e Strakosha. Voglio ringraziare anche Parolo e Marchetti che ci hanno aiutato. Se siamo così in alto in classifica è perchè remiamo tutti dalla stessa parte”.

Qual è l’obiettivo stagionale della Lazio?

“Siamo partiti con tante critiche ad Auronzo. Non vogliamo fare previsioni ma pensare solo partita per partita e i risultati arrivano. La squadra ha personalità, lo ha dimostrato più volte in partite non scontate come Bergamo. Lo abbiamo dimostrato e dobbiamo continuare a farlo”.

Quanto è bello pensare ad una Lazio di giovani come voi?

E’ fantastico. La Lazio è una società storica che deva sempre stare ad alti livelli per cui spetta a noi farci trovare pronti e non il contrario”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW