Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA | Torricelli: “Gli scontri diretti saranno determinanti per la Lazio. Pjanic decisivo sulle punizioni”

francescadamato96@gmail.com'

Published

on

 


Agli inizi degli anni 90′ lavorava come falegname e giocava a calcio solo come passatempo. I primi calci sono arrivati nella squadra “Pulcini” della Folgore Verano, fino ad arrivare in Serie D con la Caratese. Proprio con la squadra di Brianza, grazie a un’amichevole disputata con la Juventus viene aggregato ai bianconeri per un periodo di prova, impressionando positivamente l’allenatore Trapattoni. Il suo esordio in Serie A è datato settembre del 1992. Vincitore dello scudetto, Coppa Italia, Champions League, Supercoppa Italiana e Europea, Moreno Torricelli è stato intervistato dalla redazione di LazioPress.it in vista dell’incontro di Domenica, Juventus-Lazio.

Negli anni trascorsi alla Juventus, ha un ricordo che lo lega particolarmente?

“Ricordi ce ne sono tanti fortunatamente. E’ stato un periodo molto intenso alla Juventus. Ricordo tutte le vittorie, in particolar modo la Champions a Roma nel 1996”.

Cosa pensa del lavoro fatto da Inzaghi? E’ una Lazio da Europa?

“Inzaghi sta facendo molto bene. Ha recuperato una situazione che inizialmente era ricca di problemi. E’ stato molto bravo e i risultati che sta ottenendo lo dimostrano. E’ una Lazio che può puntare fino alla fine per un posto Europa”.

Nelle ultime partite Milinkovic-Savic ha mostrato di essere un punto di riferimento per la Lazio. Cosa ne pensa?

“Milinkovic ha delle ottime qualità. Sta crescendo molto e credo che con l’esperienza può sicuramente migliorare. L’importante è che la sua crescita sia costante. E’ un giocatore che sta facendo molto bene”.

La Juventus ha mostrato di non essere più quella imbattibile degli scorsi anni. Sarà in grado di ottenere risultati che rispecchiano il progetto bianconero?

“Io credo che la Juventus abbia tutte le carte in regola per arrivare in fondo a tutto. E’ una squadra che si è rinnovata tanto quest’anno. Ha comprato dei giocatori molto forti. Delle volte ha questi passaggi a vuoto, che per un motivo o per l’altro, ci possono stare. Si sta parlando comunque di una squadra che è in testa al campionato, si è qualificata agli ottavi di finale di Champions come prima nel girone, per cui sta facendo bene. Ci sono purtroppo alcuni passaggi, a partire da Firenze, che lasciano qualche perplessità. Ci stanno nell’arco della stagione, l’importante è farne tesoro di queste sconfitte per poi ripartire”.

Lo Juventus Stadium è un campo difficile, ma la Lazio viene da tre risultati utili consecutivi. Che partita si aspetta?

“Io mi auguro che sia una bellissima partita. Si affrontano due squadre che stanno giocando bene. La Juventus a Torino ha sempre vinto. Ha un rullino di 25 vittorie consecutive in casa e questo la dice lunga. In più sarà arrabbiata dalla sconfitta subita a Firenze. I bianconeri saranno agguerriti. Dipenderà molto dalla Lazio nel modo in cui affronterà la partita”.

Chi sbloccherà la partita?

“La Juventus ha tantissimi giocatori che possono fare la differenza con una giocata. Ad esempio Dybala, Higuain e lo stesso Pjanic, che se gioca può essere determinante anche nei calci di punizione”.

Chi è il difensore con maggior capacità di entrambe le squadre?

“Nella Juve è difficile fare un nome. Ti dico Rugani. E’ cresciuto moltissimo e speriamo che possa continuare a crescere. Nella Lazio mi piace molto l’esterno sinistro che a volte gioca un pò più alto Lulic”.

Roma e Napoli saranno in grado di mantenere il ritmo oppure la Lazio e la Juventus ostacoleranno il cammino dei napoletani e dei giallorossi?

“Dopo un periodo un pò altalenante Napoli e Roma hanno ripreso a giocare bene, sia in casa che in trasferta. Stanno facendo una buona stagione come la sta facendo la Lazio. Credo che da qua alla fine sia ancora lunga. Dipenderà anche dalla Champions. I biancocelesti possono fare bene, soprattutto negli scontri diretti che saranno determinanti nel girone di ritorno. Si è quasi obbligati a vincere, per un posto in Europa”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW