Connect with us

Per Lei Combattiamo

PRIMAVERA – Napoli-Lazio: una rivincita da capolista

Published

on

 


Lo scetticismo ad agosto, un girone d’andata col segno più e il primato nel girone a gennaio. “Ma manca ancora qualcosina per essere al livello delle squadre più attrezzate”, si affretta a sottolineare Bonatti. La certezza è che la Lazio Primavera sta diventando grande e non vuole smettere di stupire proprio ora. Sabato scorso la sofferta vittoria col Perugia – la quarta consecutiva, maturata neanche a dirlo grazie al solito Rossi – ha regalato la testa della classifica ai baby biancocelesti, complice anche la sconfitta della Fiorentina.

Un primo posto in coabitazione con Sampdoria e Verona che vale oro, e che andrà difeso con le unghie e con i denti per accedere quantomeno alla zona play-off. A partire dalla gara di oggi pomeriggio contro il Napoli, non certo una squadra che evoca bei ricordi dalle parti di Formello. Lo scorso 17 settembre gli azzurrini di Saurini inflissero alla Lazio la prima sconfitta stagionale, un 3-2 amaro, ma vendicato neanche un mese più tardi in Coppa Italia. Stesso risultato ma stavolta a favore dei biancocelesti, in una gara decisa all’ultimo minuto del secondo tempo supplementare, ancora una volta da Rossi. La certezza è che con Lazio e Napoli nello stesso campo da gioco gli sbadigli sono esclusi. Il problema più grande, per Bonatti, sarà proprio l’assenza del suo bomber, oltre a quelle degli infortunati Dovidio, Sarac e Beqiri. Rossi è stato infatti convocato da Inzaghi per Lazio-Chievo, una chiamata abbastanza scontata vista la squalifica di Djordjevic. Un’assenza alla quale bisognerà abituarsi, e che certamente Bonatti vieterà di considerare come un alibi. D’altronde la Lazio ha dimostrato più volte che uno dei suoi punti di forza è il gruppo che si è riusciti a costruire in questi mesi.

Qualche cambio negli 11 che una settimana fa hanno sconfitto di misura il Perugia. Tra i pali verrà confermato Adamonis, difesa a quattro con Spizzichino, Miceli, Petro e Ceka. A centrocampo dovrebbero agire Portanova, Bari, Folorunsho e Bezziccheri. Attacco inedito con Al Hassan e N’Diaye. Per il neo acquisto biancoceleste, arrivato a Roma qualche settimana fa, si prospetta quindi la seconda gara consecutiva da titolare.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Serie A, una panchina sempre più vicina al cambio allenatore: ecco di chi si tratta

Published

on

 


La sconfitta casalinga di oggi contro il Monza potrebbe esser stata fatale: Marco Giampaolo è sempre più a rischio esonero, la sua panchina sembra ora destinata a saltare dopo la quarta sconfitta consecutiva in campionato della Sampdoria, quinta nelle ultime sei. Come riporta Gianlucadimarzio.com, la decisione sembra essere praticamente presa e, in caso di addio di Giampaolo, sono due le possibilità che si aprono, entrambi eventuali ritorni: Claudio Ranieri e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria, ancora sotto contratto fino al 2024.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW