Connect with us

Per Lei Combattiamo

FOCUS | Cessioni e zero acquisti, mercato no per la Lazio. L’Europa League passa per i giovani

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Anno 1996 sul palco dell’Ariston arriva una band musicale, rivoluzionaria per i tempi, dal nome Elio e le Storie Tese, con la canzone ‘La Terra dei Cachi’: “Italia sì, Italia no, se famo du spaghi”. Ecco il mercato biancoceleste, per quanto riguarda la sessione invernale: “Mercato sì? Mercato no”. Ormai una hit musicale che per il tifoso laziale risuona ogni gennaio. Cataldi, Leitner, Morrison, Vinicius e  Kishna hanno salutato Formello, chi con qualche rimpianto, chi con la gioia nel cuore come nel caso dell’inglese. Rispetto agli anni passati qualcosa in uscita si è mosso, ma in entrata i dirigenti hanno deciso di non regalare al mister, Simone Inzaghi, e ai propri tifosi un nuovo innesto. La rosa numericamente è contata, e se in attacco con il ritorno di Keita è tornata un pò di abbondanza il centrocampo è il reparto che preoccupa di più. Quattro giocatori, considerando anche il giovane Murgia (meglio comunque puntare sui giovani del vivaio, piuttosto che portare nella Capitale calciatori come Postiga e Kakuta),autore di buone prestazioni ogni volta che è stato chiamato in causa. La domanda al tifoso laziale nasce spontanea: “Basteranno questi giocatori per raggiungere l’obiettivo europa tanto decantato ad inizio stagione dalla presidenza?”. Numeri alla mano la Champions League resta un lontano miraggio, con il Napoli e l’Inter padroni del proprio destino. La zona Europa League, col Milan, l’Atalanta e la Fiorentina sarà il campionato nel campionato che la Lazio dovrà affrontare. La battaglia sarà ardua per le casse, ma soprattutto per cercare di trattenere i big come de Vrij, Keita e Milinkovic Savic. Obbligatorio quindi rientrare nelle prime 5 posizioni (volendo anche 6, ma tutto dipende dall’esito finale della Coppa Italia, con il Cesena ancora mina vagante del torneo). L’impressione è che manchi sempre poco per fare il salto di qualità e per poter lottare per i posti che contano, non per un sola stagione, come successo con Pioli appena due stagioni fa. Ritenere questa rosa globale nei ventidue giocatori rimasti competitiva per un obiettivo illustre è pura presunzione e si sa che: “La presunzione può gonfiare un uomo, ma non lo farà mai volare”. Toccherà a Simone Inzaghi e ai suoi ragazzi portare la barca alla riva nel migliore nei modi e da soli, perchè per l’ennesima volta proprio sul momento più bello, la società si è tirata indietro.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW