Connect with us

Per Lei Combattiamo

Olimpico, il Governo toglie le barriere: il provvedimento già da febbraio

Published

on

 


Nell’agosto del 2015 il prefetto Franco Gabrielli, oggi capo della polizia, impongo i muri divisori all’interno del le curve. Per protesta,gli utras subito le disertano L’esponente dem, che ha definito i muri “una follia” , è amico di Luciano.

IL CALO SUGLI SPALTI Negli ultimi due anni la Roma ha perso una media di circa 12mila spettatori a partita, rispetto alla ultima stagione senza barriere: più di un quarto degli spettatori. Le barriere nelle curve dell’Olimpico e con loro un motivo di scontro tra i tifosi e le società di Roma e Lazio. Martedì è convocata una riunione operativa con il ministro dell’Interno, Marco Minniti, il titolare dello Sport, Luca Lotti, il dg giallorosso Mauro Baldissoni e il presidente della Lazio Claudio Lotito. La decisione finale non arriverà quel giorno, ma la pratica è già istruita e praticamente conclusa.

In curva saranno rimossi nei tempi tecnici, probabilmente entro febbraio. È un passaggio per certi versi epocale. Da agosto 2015, infatti, romanisti e laziali sono sul piede di guerra per l’ordinanza del Viminale che puntava a dividere la tifoseria, evitare i cambi di posto e controllare meglio, attraverso la videosorveglianza, i settori del tifo organizzato. Lo sciopero dei tifosi ha colpito duro sulle due squadre: stadio semivuoto, pochi cori e sostegno zero ai propri colori. Così, all’Olimpico, la “fotografia” degli spalti è diventata sempre di più deprimente. E questo, ancora oggi, è vero tanto più per la Roma, la squadra con il pubblico più numeroso e più appassionato. Sono stati anni di battaglie, di contestazioni, di odio verso il prefetto di allora Franco Gabrielli (oggi capo della Polizia) e di pressing sui vertici societari per un ritorno alla normalità. Con le inevitabili accuse di eccessiva timidezza, di sforzo ridotto al minimo, di una voce che non sapeva farsi ascoltare dalle istituzioni. Anche perché il provvedimento è un unicum nella serie A. Nessun altro stadio ha le barriere nelle curve.

IL TAVOLO DI MARTEDÌ II 7 febbraio è convocata una riunione operativa con i ministri dell’Interno e dello Sport Luca Lotti e i vertici di Roma e Lazio per lo stop alle barriere nelle curve ve. Ma a Roma c’erano stati episodi molto discussi, sfociati persino in un’inchiesta quando i calciatori giallorossi, dopo un’eliminazione, furono in pratica costretti ad andare sotto la Curva Sud a scusarsi con i tifosi. Il dossier antibarriere è stato gestito dal neoministro dello Sport Lotti. Appena insediato, Lotti ha istruito la pratica per porre fine a quella che definisce «una follia». Una follia sportiva, naturalmente. Ma era necessario confrontarsi con l’Osservatorio sul tifo del ministero dell’Interno che aveva le sue ragioni per mantenere il vincolo. Così è cominciato il dialogo tra Lotti e Minniti e tra Lotti e le società. Per capire i margini di manovra e lavorare alla “liberazione”. Nella vicenda hanno recitato un ruolo fondamentale i dirigenti, certo. Ma ancora di più due figure chiave della Roma: Luciano Spalletti e Francesco Tatti. Il rapporto tra Lotti e Spalletti è di amicizia e la politica non c’entra. C’entra invece la zona dell’empolese, terra di origine di entrambi, e la passione della famiglia Lotti per il pallone. Sia il ministro sia il padre Marco sono infatti allenatori dilettanti e conoscono “Luciano” da sempre. Lotti ha giocato nel Certaldo, paese natale di Spalletti. Che ha chiesto all’amico di prendere in mano la vicenda, di cercare una soluzione, di riportare i tifosi allo stadio. Ma Lotti ha parlato anche con il Capitano. Perché nei calla-qui preliminari il titolare dello Sport ha messo in chiaro una condizione: «Do una mano a Roma e Lazio a far tornare la gente allo stadio. Ma non devo essere io a parlare con le tifoserie». Lo devono fare dei giocatori simbolo e nessuno lo è più di Totti, per quello che riguarda la Roma. Alla fine il Capitano ha dato la sua disponibilità. «L’appello ai tifosi, per tornare all’Olimpico, lo faccio io», è stata la promessa del numero 10. Lotito troverà un calciatore biancoceleste che faccia lo stesso, anche se da qualche domenica la curva Nord è tornata a riempirsi nonostante le barriere. Si limano i dettagli. Lotti dice che «non saranno richieste particolari garanzie, ai tifosi e alle società». Ma con Baldissoni e Lotito è stato chiaro: «Al primo casino rimettiamo le barriere». Come dire che le società dovranno prendersi qualche responsabilità.

La Repubblica

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Lazio Women

Il difensore del Chievo Verona, Boglioni: “Bella sfida contro la Lazio Women. Sarà il campo a parlare”

Published

on

 


In vista della partita odierna tra Chievo Verona Women e Lazio Women, il difensore Paola Boglioni ha rilasciato un’intervista a calciofemminileitaliano.it, parlando della sfida contro le biancocelesti. Queste le sue parole: «La partita di domenica contro la Lazio sarà un’altra bella sfida. Siamo consapevoli del livello dell’avversario e della positività che portano con loro, ma, come sempre, sarà il campo a parlare. La settimana sta procedendo al meglio, con l’entusiasmo di voler dire la nostra».

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW