Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Daino: “Lazio superiore al Milan. Keita è mancato. Biglia che personalità”

Published

on

 


Lunedì c’è il Milan. Gli uomini di Inzaghi dopo la vittoria di domenica sono chiamati a confermare quanto di buono fatto vedere all’Adriatico. I rossoneri non stanno passando un buon momento e la sfida dell’Olimpico potrebbe essere il momento giusto per distaccare una diretta concorrente per l’europa. La redazione di LazioPress.it ha intercettato in esclusiva Daniele Daino ex difensore dei rossoneri per parlare della sfida che vedrà opposte le due squadre:”

Un parere su Inzaghi e Montella?

“Inzaghi sta facendo molto bene considerando che è alla sua prima vera stagione in Serie A. Lavora molto sulla testa dei giocatori, e da fuori si vede che ha un ottimo rapporto con i suoi ragazzi. Ha creato un ottimo gruppo e crede fortemente nella sua filosofia e fino a questo momento la Lazio sta disputando un ottimo campionato, ma visto l’organico a disposizione potrebbe fare anche qualcosa in più. Montella invece è partito bene, ha fatto da subito capire quelle che erano le sue idee di gioco, ma il problema del Milan non è l’allenatore ma la qualità della rosa a disposizione. La società e i dirigenti chiedono di entrare in Europa, ma a fine anno i rossoneri andranno a raccogliere quello che gli spetta, a mio avviso è inferiore a tutte le squadre che la precedono in questo momento tranne all’Atalanta.

Quanto è mancato Keita a questa Lazio?

“Keita è un giocatore dalle grandi qualità, è molto forte tecnicamente e sicuramente per il modo di giocare di Inzaghi è un’arma in più. E’ determinante sia a partita in corso che dall’inizio, anzi quando subentra è capace di spaccare le partite e sopratutto nelle due sconfitte contro Chievo e Juventus la sua assenza si è fatta sentire”.

Il Milan ha qualche indisponibile sulle corsie laterali. La partita si può decidere sugli esterni?

“Non penso perché De Sciglio e Antonelli non sono giocatori fondamentali per questo Milan, a differenza di Bonaventura. Se dobbiamo parlare di un’assenza rilevante sicuramente è il jolly rossonero, perché per quanto riguarda la difesa Montella ha validi giocatori da inserire sulle fasce. I problemi del Milan sono altri, fa fatica a fare gol e difficilmente tengono la loro porta inviolata”.

Biglia ha il carisma e la personalità per caricarsi la squadra sulle spalle nei momenti di difficoltà?

“Biglia è un ottimo regista, è un grande giocatore e ha tanta personalità. Gli argentini hanno grande carattere, lui sta facendo vedere grandi cose e infatti è ambito da molti club europei. Non vorrei che questi episodi con i tifosi possano portare il giocatore a scendere in campo con meno entusiasmo, perché il calciatore ha tutte le qualità del centrocampista moderno per esprimersi al meglio”.

In entrata la Lazio avrebbe dovuto fare qualcosa in più nel mercato di riparazione?

Da quello che ci ha abituato Lotito in questi anni, se non ci sono uscite rilevanti non si mette mano al portafoglio. Nelle ultime stagioni tolta la cessione di Candreva, dove con quei soldi qualche operazione è stata effettuata, non ci sono state grandi entrate a livello economico. Quindi visto anche l’ottimo momento della squadra, secondo me Lotito ha fatto bene a non effettuare nessuna operazione nel mercato di gennaio. Poi a fine campionato si tireranno le somme, e se ci sarà modo di investire starà a lui far crescere le ambizioni del club e puntare più in alto”.

Visto lo scarso momento di forma di Bacca, Lapadula potrebbe avere una chance lunedì?

“Bacca ha fatto bene nella prima parte di stagione cosi come tutto il Milan, poi purtroppo anche lui non sta rendendo come prima anche perché i risultati non stanno aiutando. Secondo me non c’è grande feeling tra il colombiano e Montella, e penso che se l’allenatore possa sostituire Bacca con un altro attaccante non ci penserebbe due volte. Bacca può far bene con un determinato tipo di gioco come era quello del Siviglia, e in questo momento il modulo dei rossoneri non è congeniale alle sue caratteristiche e quindi non riesci a esprimersi al meglio vista anche la difficoltà di creare palle gol”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW