Connect with us

Extra Lazio

Il Tempo: “La Juventus sta pensando a Sarri per il dopo Allegri”. “Denuncio il giornale” la replica dell’allenatore

Published

on

 


AGGIORNAMENTO 14.45 – Dura la replica di Sarri coinvolto in questa clamorosa indiscrezione de ‘Il Tempo’: “Un giornale dice addirittura ho già incontrato la Juventus, ma io parlerò con l’avvocato per capire se ci sono gli estremi per fargli causa. Essendo una notizia totalmente falsa valuterò se ci sono gli estremi”. 

A margine parla anche il responsabile della comunicazione Lombardo: “Ci sono gli estremi, valuteremo un risarcimento danni da dare poi in beneficenza”.


Nonostante le rassicurazioni da ambo le parti ed un contratto in scadenza solo nel 2018, la conferma di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus anche per la prossima stagione non è affatto scontata. Il tecnico livornese da tempo è nel mirino dell’Arsenal che con ogni probabilità si separerà da Wenger a fine anno e non ha mai nascosto l’ambizione di confrontarsi un giorno con la Premier League inglese. Ecco perché il calciomercato Juventus si sta muovendo sotto traccia per individuare un eventuale sostituto. Il nome più caldo è quello del portoghese Paulo Sousa, che a giugno si libererà dalla Fiorentina, ma sulle colonne de ‘Il Tempo’ oggi in edicola spunta una pista clamorosa che conduce a Maurizio Sarri: “L’allenatore del Napoli ha incontrato di persona i manager juventini in gran segreto qualche settimana fa. Una chiacchierata che nessuno confermerà mai, ma che ha già fatto il giro di radiomercato” si legge sul quotidiano capitolino. Dopo Higuain, sarebbe un altro colpo incredibile. Ma a differenza del ‘Pipita’, il tecnico non ha una clausola di rescissione nel suo contratto da poco rinnovato fino al 2020 e non sembra plausibile che De Laurentiis lo liberi per andare in bianconero.

Ma c’è di più. Oltre a Sarri, infatti, è stata avanzata anche la candidatura di Luciano Spalletti. L’allenatore toscano è in scadenza con la Roma ed il rinnovo tarda ad arrivare. Qualche settimana fa, poi, il diretto interessato non aveva escluso che un giorno le vie del calciomercato lo avrebbero portato sulla panchina bianconera: “Sono un professionista: andrei alla Juventus e in qualsiasi altra squadra mi volesse se dovessi continuare a fare questo lavoro”.  calciomercato.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Extra Lazio

È morto Roberto Maroni: l’ex ministro ed ex segretario della Lega aveva 67 anni

Published

on

 


Roberto Maroni, ex ministro ed ex segretario della Lega, è morto questa mattina: aveva 67 anni. Maroni, che dal 2013 al 2018 aveva ricoperto anche la carica di presidente della Regione Lombardia, era malato da tempo.

Più volte ministro – Nato a Varese nel 1955, Roberto Maroni ha ricoperto il ruolo di segretario federale della Lega Nord dal 1º luglio 2012 al 15 dicembre 2013. È stato due volte ministro dell’Interno (dal 1994 al 1995, ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente del Consiglio e dal 2008 al 2011) e ministro del Lavoro e delle Politiche sociali dal 2008 al 2011.

Segretario della Lega – Nell’aprile del 2012 Maroni ha fatto parte, con Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago, del triumvirato che fino al congresso della Lega Nord è stato incaricato di sostituire la carica di segretario del partito lasciata da Umberto Bossi. Tre mesi dopo, al congresso del partito, viene eletto segretario, rimanendo in carica fino a quando gli è subentrato Matteo Salvini.

Presidente della Regione Lombardia – Nel 2013, alle Regionali in Lombardia, è stato eletto presidente con il 42,8% dei voti. Non si è poi ricandidato alle elezioni successive del 2018. SkyTG24

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW