Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA | Semioli: “Inzaghi ha trasformato questa Lazio. Milinkovic e Immobile pazzeschi, ma Belotti…”

Published

on

 


Lasciarsi alle spalle Bologna e continuare a pensare in grande: questo il diktat che giunge dalle parti di Formello, dove la Lazio ha cominciato a preparare il match del Monday night dell’Olimpico contro il Torino. Simone Inzaghi è alle prese coi soliti dubbi amletici, difesa a 3 o a 4? Keita o Lulic? E Biglia? Il capitano è ancora acciaccato, ma con un Milinkovic così il centrocampo è al sicuro. E poi c’è Murgia, l’ex Primavera ha dimostrato di avere personalità da vendere, e all’andata allo “Stadio Grande Torino” aveva portato in vantaggio la Lazio con un preciso colpo di testa. A Torino invece è Belotti-mania, come conferma in esclusiva ai nostri microfoni Franco Semioli, ex centrocampista granata: “A Torino non si parla d’altro, sono tutti impazziti per Belotti. E’ in un periodo d’oro, ogni palla che tocca è gol, sembra posseduto. E ora comincia a subentrare la paura di perderlo, e credo che Cairo, alle cifre monstre che circolano, non ci penserà due volte prima di cederlo”. Belotti si, ma anche Ciro Immobile. Momento d’oro per la coppia d’attacco della Nazionale, 38 gol in due in Serie A. Ventura ha trovato i suoi Oliver Hutton e Mark Lenders: “Immobile è un gran giocatore, lo apprezzo tantissimo ed è un ragazzo straordinario. Sono contento stia facendo bene in una piazza importante e spero continui così. La Nazionale ha un futuro roseo“. Attaccanti, ma non solo, occhio al centrocampo. La Serie A ha imparato a conoscere e inevitabilmente apprezzare Sergej Milinkovic Savic: il Sergente, Milinkocrazia, SMS21, i soprannomi si sprecano per il gigante serbo, in gol nel derby e decisivo anche nel match del Dall’Ara. Proprio il Torino, da giugno però, avrà in rosa un Milinkovic, Vanja, fratello di Sergej, e attualmente portiere del Lechia Danzica. “Milinkovic mi piace molto, mi ha stupito per forza e personalità. E’ un giocatore completo, che va seguito con attenzione“. questo il pensiero di Semioli sul classe 95′ biancoceleste. Come non essere d’accordo?

Spazio al campo poi, con le due squadre distanti 14 punti e con obiettivi totalmente differenti. La Lazio viaggia ad alti ritmi, occupa il quarto posto e comincia a fare più di un pensierino al terzo. Il Torino invece, complice un andamento altalenante e una difesa non proprio rocciosa, difficilmente potrà lottare per un posto in Europa. “Sarà sicuramente una bella partita. Sono due squadre vive e in forma. Il Torino va un po’ a sprazzi, passa da prestazioni eccellenti a partite in cui non riesce a imporre il proprio gioco. Segna tanto, ma subisce anche molti gol. La Lazio, è insieme all’Atalanta, la squadra che ha stupito di più. Pochi si aspettavano questo lavoro da parte di Inzaghi. Attenzione al Toro però, andrà all’Olimpico per fare risultato. Credo che la partita possa essere decisa da un episodio”, sostiene ancora Semioli. “Del doman non v’è certezza“, diceva Lorenzo Il Magnifico, ma di questo passo il futuro della Lazio potrebbe davvero essere da incorniciare:”L’arma in più di questa Lazio è l’allenatore. E se i biancocelesti occupano questa posizione in  classifica non è un caso. La rosa poi è di alto livello“. continua l’ex centrocampista di Fiorentina e Chievo.

Infine, inevitabilmente, una battuta sul match di Champions League tra Barcellona e PSG, che entra di diritto nella storia del calcio:“Follia, pazzia. Incredibile, gli aggettivi si sprecano. Da una parte però mi dispiace. Mi sono messo nei panni di un calciatore del Paris, ed è inimmaginabile perdere una partita così. Il bello e il brutto del calcio insomma. Per compiere un’impresa del genere però, ci devi credere fino alla fine. E’ stato uno spot per il calcio, e per tutti quelli che lo amano”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo| Lazio, vicini a quota 35.000 spettatori per domenica. Possibile chance dal 1′ per Cancellieri

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


L’abbraccio della squadra a Luis Alberto che ieri ha spento 30 candeline a Formello: «Festeggio con la mia seconda famiglia» a confermare che il mago è sereno dopo un’estate tormentata. Nel frattempo oggi prevista la risonanza alla coscia di Immobile per capire se ci siano margini per un recupero in extremis, il capitano vorrebbe prendere parte al match di domenica a tutti i costi. Nel frattempo si scalda Cancellieri, Sarri potrebbe optare per l’ex Verona per non rischiare Ciro, anche in vista dei prossimi impegni che la Lazio si troverà ad affrontare in pochi giorni.

Nell’allenamento di ieri Lazzari ancora a parte ma già nella seduta odierna dovrebbe agreggarsi al gruppo. Da verificare anche le condizioni dei nazionali (Marusic, Hysaj, Gila, Vecino e Milinkovic). L’Olimpico si appresta a vivere un’altra grande giornata,  sono già poco meno di 35.000 gli spettatori per la sfida di domenica. Oltre ai 26.193 abbonati, quasi ottomila tifosi hanno comprato il biglietto. Oggi il presidente Lotito, alla prima uscita ufficiale da senatore e Immobile saranno presenti in Vaticano alla presentazione della «Partita della Pace».

Il Tempo

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW