Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Lotito su più tavoli: punta tutto per entrare in Federcalcio

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Caos. È questa la parola migliore per descrivere il momento che si sta vivendo in via Rosellini a Milano. Oggi dovrà essere eletto il presidente della Lega di A e il consiglio. I due consiglieri dovranno andare a Roma lunedì 27 marzo per il primo Consiglio Figc del Tavecchio-bis. Le prime due elezioni, quella del 20 febbraio e del 2 marzo, sono terminate con un nulla di fatto. E questa mattina quasi sicuramente si assisterà ad un nuovo rinvio. La spaccatura è netta e non è possibile, salvo miracoli, avere una maggioranza: tradotto impossibile trovare una via comune sullo Statuto. Claudio Lotito è il fulcro che attira a sé simpatie e antipatie. Ed ecco allora che si sono creati 3 sotto gruppi. Il numero uno della Lazio avrebbe circa 8 club dalla sua, poi ci sono 6 piccole: Sampdoria, Sassuolo, Bologna, Empoli, Cagliari e probabilmente Crotone e 6 tra big e medio grandi: Juventus, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina e Torino. Il Milan, nonostante il solido legame tra Lotito-Galliani, sta cercando di fare da ambasciatore. Non vuole incrinare ancor di più i rapporti con la Juventus che avrebbe scambiato il voto pro-Tavecchio con la promessa di ridimensionare il patron bianco-celeste. E lo spettro del commissariamento? Il 15 aprile, data indicata dal presidente del Coni Malagò, non può essere presa come scadenza. Proprio per una serie di iter che vanno rispettati.

ALTRA FUMATA NERA Se oggi non ci sarà una fumata bianca il 27 il Consiglio può dichiarare la decadenza degli organi della Lega di A e a quel punto prassi vuole che per un mese la presidenza venga data al presidente del Collegio dei revisori dei Conti. Ecco come mai si era fatto il nome di Ezio Maria Simonelli. Ma era spuntato anche quello di Leandro Cantamessa, legale del Milan. Lui era stato proposto per la presidenza. Nemmeno sul suo di nome c’è un accordo. L’altro oggetto del contendere è chi affiancherà Beppe Marotta nel Consiglio. E qui che Lotito si gioca tutto: la battaglia che vale la guerra. Se non ci riuscirà, sabato (come anticipato la scorsa settimana) si candiderà alla poltrona più alta della serie B. Più una “minaccia’ che una volontà concreta visto che ha tirato in ballo la mutualità. Ossia ha promesso di riportare ai cadetti i soldi che gli sono stati tolti. Claudio spera che con questo atto di forza i club di A decidano di cambiare idea e di accontentarlo.

ASSO NELLA MANICA Se nella massima serie regna il caos, non va certo meglio in B. Anche qui la spaccatura è totale. Nell’ultima assemblea Stirpe del Frosinone dopo un acceso diverbio con Lotito si è dimesso. Non si è riusciti a convincere il dimissionario Abodi a tornare sui suoi passi. E così la frangia degli anti-lotitiani starebbe meditando di non presentarsi in via Rosellini in modo tale da far mancare il numero legale per l’assemblea e quindi mandare a monte le elezioni. Lotito, non è un mistero vuole a tutti i costi sedere, il 27 marzo, nel primo consiglio Figc. In realtà avrebbe voluto la carica di vice-presidente vicario ma Tavecchio, che vuole affrancarsi dall’ingombrante figura di Claudio, ha indicato i nomi di Renzo Ulivieri e Cosimo Sibilia per quelle cariche (Sono le due componenti che lo hanno votato compatte). Lotito tanta l’ultimo assalto al castello, una battaglia che per lui vale una guerra.

Il Messaggero – Emiliano Bernardini

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Il Messaggero| La Lazio fa difficoltà a segnare, i singoli sono poco incisivi

edo9923@hotmail.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Sarri concede due giorni di riposo alla sua squadra. Domani pomeriggio si ricomincerà, ciò che preoccupa è la difficoltà di arrivare al gol, punto di forza della Lazio dello scorso anno. All’attacco biancoceleste si è unito anche il classe 2002 Cancellieri, che ha fatto bene nel ritiro di Auronzo di Cadore da vice Immobile. Sarri si aspetta di più da Zaccagni, sempre poco incisivo, anche durante le amichevoli estive, Felipe Anderson non si è dimostrato particolarmente in forma, bene il solito Pedro. Per Immobile solo 3 gol con due rigori sbagliati. Oggi alle 19 ci sarà lo stop della campagna abbonamenti, ieri è stata superata quota 22.200, ora si riflette sul mini abbonamento per l’Europa League. La situazione Luis Alberto è sempre particolare, vorrebbe andare al Siviglia, ma non ci sono ancora gli accordi tra società per concludere il trasferimento, sembrava aver riacquistato serenità alla fine della scorsa stagione, ma cade un’altra volta nella trappola e si alza il polverone. Arriva Vecino a Roma e la situazione diventa ancora più complessa per lo spagnolo. I tifosi della Lazio sognano la permanenza di Milinkovic, per il quale ancora non sono arrivate offerte a Formello. Il Manchester United è la possibilità più concreta, mentre la Juventus osserva interessata. In caso di partenza, il sostituto prescelto resta Zielinski del Napoli.

Il Messaggero

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW