Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lega di A, clamorosa rottura: le sei big lasciano l’assemblea

continanza.edoardo@gmail.com'

Published

on

 


E’ durata poco la quarta assemblea dei 20 club di Serie A alla ricerca di un’intesa per eleggere il nuovo presidente. Un’ora o poco più, per sancire la rottura fra le 6 big (Juve, Inter, Milan, Fiorentina, Roma e Napoli) e gli altri club. “Impossibile procedere”, ha commentato Galliani, spiegando il motivo che ha indotto i sei club ad abbandonare i lavori. A questo punto, l’ipotesi del commissario diventa realtà.
Ma non c’è solo questo all’orizzonte. La frattura fra i sei club più ricchi (“Noi rappresentiamo l’80 per cento della tifoseria italiana”, ha detto Galliani) e le altre 14 società segna il destino di una Lega che è ormai divisa in due e che dinanzi al riparto dei diritti tivu con nuovo contratto alle porte non vuol scendere a patti: le big su un fronte, le medio-piccole sull’altro.
E’ un problema che si trascina da almeno un decennio, si è arrivati a soluzioni di compromesso sempre mal sopportate dai grandi club e stavolta si arriva alla resa dei conti. Con quali esiti non è dato sapere.

STOP ASSEMBLEA. E’ ROTTURA
La rottura si è consumata poco prima delle 16. Uscendo dalla Lega Serie A, Adriano Galliani ha parlato della scelta delle big italiane di abbandonare anticipatamente l’assemblea odierna: “Vista l’insanabile frattura con gli altri club. La lista di sei squadre composta da Juventus, Inter, Milan, Fiorentina, Roma e il Napoli, che rappresentano l’80% dei tifosi italiani hanno deciso di andare via dall’assemblea perché è impossibile, allo stato attuale delle cose, trovare una soluzione. Le altre squadre decideranno quello che è utile fare. La governance è la foglia di fico per poi finire nei soliti problemi della Lega. Le sei hanno deciso di uscire dalla comune”.

I lavori erano iniziati poco prima delle 14,30. Tutti presenti. Dopo tre riunioni in cui non si è arrivati neanche al momento del voto, i 20 club si sono trovati in via Rosellini per cercare di trovare una quasi impossibile intesa sul nome del presidente. Si sapeva che non c’era accordo fra le sei big e le medio-piccole, con il rischio commissariamento. La Lega, oltre ad affrontare il tema dello statuto da cambiare, avrebbe potuto decidere di eleggere almeno i due consiglieri federali da mandare a Roma.
Fra i dirigenti presenti anche l’ad del Milan, Adriano Galliani che ha scherzato salutando con un “Buongiorno presidente” il legale e consigliere d’amministrazione rossonero, Leandro Cantamessa, uno dei papabili per il vertice della Lega Serie A. Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, potrebbe proporre il nome di Raffaele Squitieri, ex presidente della Corte dei conti e già responsabile dei revisori del Coni. Secondo le previsioni, è difficile attendersi per oggi l’elezione del presidente.

MALAGO’: NON TIFO PER IL COMMISSARIO
“Io non faccio il tifo per niente, tanto meno per il commissariamento della Lega Serie A. Ma il commissariamento diventerebbe indispensabile se non si dovesse arrivare a un accordo nei tempi previsti delle norme”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta le difficoltà della Assemblea di Serie A di eleggere il presidente di Lega. Il numero uno del Coni parla anche della Serie B che sabato eleggerà il proprio presidente: “Lotito si candida? È un uomo che ha dimostrato di poter sorprendere”.

Sportmediaset

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Europa League

Sturm Graz, Siebenhandl: “Dobbiamo dimostrare quello che abbiamo dentro. Immobile? È forte, ma non mi fa paura”

Published

on

 


Alla vigilia della sfida di Europa League tra Sturm Graz e Lazio, il portiere della squadra austriaca Jörg Siebenhandl ha presentato la sfida che andrà in scena alle ore 18:45

Queste le sue parole

“Abbiamo giocato bene in Europa, ora bisogna fare ancora meglio. Il livello di queste partite è molto più alto. Dobbiamo scendere in campo nel modo giusto e dimostrare quello che abbiamo dentro. Abbiamo tante partite davanti, non importa, è quello che ci piace fare. Non mi preoccupo di quello che dovremo fare prossimamente, ogni match va affrontato al massimo per metterci alla prova”.

Immobile? Lo rispetto come giocatore, ma non ho paura. È forte, ha molte qualità, però domani per me non sarà la mia prima partita. Mi preparerò come sempre. Rimarrò concentrato, controllerò la situazione e come si svilupperà il gioco. Potrebbe succedere qualsiasi cosa, voglio farmi trovare pronto. Dobbiamo avere una mentalità aperta domani, è la cosa più importante”. 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW