Connect with us

Per Lei Combattiamo

Maffei: “L’obiettivo della stagione è ottenere la finale di Coppa Italia. Inzaghi grande sorpresa”

Published

on

 


Il giornalista RAI Fabrizio Maffei, notoriamente grande tifoso della Lazio, è intervenuto sugli 88.100 di Elle Radio, nella trasmissione Laziali On Air. La Lazio in questo momento è una squadra stanca o la partita di Cagliari è stata solo un episodio? “Non si può dire dopo soli novanta minuti se una squadra è stanca o no. A Cagliari si è vista una Lazio scialba, incapace di imporre la propria personalità ed è stata sicuramente una delle più brutte prestazioni della stagione. Forse l’approccio è stato sbagliato, è mancata la giusta concentrazione anche a causa di una sottovalutazione dell’avversario. Ma la Lazio resta in serie positiva ed è decisamente prematuro definirla stanca”.

Cosa l’ha colpita invece di più della squadra di Simone Inzaghi? “Le prestazioni offerte dalla squadra stanno andando oltre ogni più rosea aspettativa. Nemmeno il più accanito tifoso poteva aspettarsi un rendimento del genere. Simone Inzaghi è stato una grandissima sorpresa ma chi lo conosceva sapeva quanto fosse studioso del calcio e quanto fosse determinato nello studiare gli avversari e nel trasmettere certi valori ai suoi giocatori. Ha creato uno straordinario gruppo nello spogliatoio, la squadra vince e diverte e la posizione in classifica deve essere assolutamente apprezzata per quello che è, senza pretendere in maniera spasmodica traguardi superiori. Con quelle che erano le premesse dell’estate, conquistare la qualificazione in Europa League sarebbe un traguardo assolutamente ragguardevole”.

Le prossime tre partite saranno lo spartiacque della stagione? “L’appuntamento fondamentale è solamente uno e non si può fallire, questo è un concetto che va scolpito nella mente. Ottenere la finale di Coppa Italia rappresenterebbe una porta spalancata sull’Europa e avrebbe un valore straordinario su quella che è la vita sportiva cittadina. Il grande obiettivo della stagione sarà quello di martedì prossimo”.

Per la serata del 4 aprile si preparerà un ambiente particolare? “Noi stiamo preparando un ambiente pieno di entusiasmo, non so dall’altra parte cosa può accadere. La Lazio deve essere senza ombra di dubbio consapevole delle proprie forze e delle proprie risorse e giocarsela come ha fatto all’andata. Il clima puzza un po’ di bruciato, devo dirlo, ma per ora dobbiamo andare avanti pensando a noi”.

De Vrij nonostante i problemi fisici sembra uno dei pezzi pregiati del mercato. “Lo ritengo una colonna imprescindibile della squadra, ma non vivo sulla montagna del sapone e so che alcuni equilibri, soprattutto economici, devono essere rispettati. Ho messo in preventivo la sua partenza, spero che non siano vere le voci sul suo stato di saluto che potrebbero intimorire qualche possibile acquirente. E’ fastidioso leggere tutto questo quando si sa benissimo che l’olandese e Keita saranno le due pedine da muovere sul mercato, descrivere De Vrij come un giocatore che non offre garanzie fisiche è una cosa cattiva, non perché dobbiamo dare il “pacco” a qualcuno, ma perché vedo davvero poca serenità nel descrivere le cose dell’ambiente della Lazio”.

Sui ‘Lazionali’ Parolo e Immobile: “Immobile ha sempre avuto grandi potenzialità, forse nessuno si aspettava così tanto da lui, neanche Lotito quando gli ha promesso un bonus per il raggiungimento dei venti gol in campionato. Queste peraltro sono soluzioni che mi rendono un po’ scettico perché portano un accanimento del giocatore interessato nel far gol a tutti i costi, facendo perdere il compito di giocare in supporto totale alla squadra. Speriamo allora che la quota venga raggiunta presto per vedere qualche assist in più. E’ comunque un calciatore che gioca per la squadra, inserito alla perfezione nel disegno tattico della Lazio. A volte manca però di lucidità sotto porta. Sono contento che Parolo abbia invece tirato un po’ il fiato contro l’Albania, così come sono felice che Biglia possa saltare per squalifica la partita dell’Argentina in Bolivia. Parolo è il giocatore più utilizzato da Inzaghi, questa settimana di lavoro senza partite non può che fargli bene”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, Milinkovic e il “giorno più importante della carriera”. Ed è tornato prima a Formello

Published

on

 


C’era un tempo, non molto lontano, in cui Milinkovic era profeta a Roma ma non in patria. Titolare inamovibile con la Lazio, idolo dei tifosi, ma alternativa (di lusso) con la Serbia. Adesso invece anche in nazionale si sono accorti che un giocatore così non solo non può stare in panchina, ma deve avere un ruolo centrale nell’ossatura della squadra. Bella scoperta, verrebbe da aggiungere. Così, ormai da un anno abbondante, non esce dal campo quando gioca la sua Serbia e nella prima partita di questa sosta contro la Svezia ha indossato anche la fascia al braccio. Per un calciatore, avere i gradi da capitano in rappresentanza del proprio paese è forse il riconoscimento massimo. “Il giorno più importante della mia carriera”, il commento del centrocampista serbo.

foto Fraioli

Anche la Lazio l’ha elogiato sui propri canali social e l’aspetta nelle prossime ore a Formello. Milinkovic infatti tornerà prima degli altri nazionali (senza considerare Immobile, già a Roma) perché era diffidato e nell’ultima partita ha preso il cartellino giallo contro la Svezia e salterà la gara contro la Norvegia. Una buona notizia per Sarri, che ha bisogno di Milinkovic nel lungo tour de force che aspetta la Lazio prima dei Mondiali. Che il Sergente giocherà con la Serbia. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW