Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | La Nord piena d’amore per il derby della finale

Published

on

 


La Lazio pensa al Sassuolo, i tifosi al derby. Ragione e sentimento che si mescolano per una tre giorni da vivere con il cuore in gola. La testa dice che sabato c’è una sfida fondamentale contro i ragazzi di Di Francesco: il treno che porta in Europa non fa più fermate. Ma è impossibile non allungare lo sguardo a martedì sera, ritorno della semifinale di coppa Italia. Un derby da inferno o paradiso. La Lazio ha vinto la gara d’andata per 2-0 (reti di Milinkovic ed Immobile), ma un regolamento non scritto vuole che non si possa mai dormire sereni. Inzaghi sta lavorando sulla testa dei suoi, un lavaggio del cervello costante. L’occasione è di quelle irripetibili. Non certo come la finale del 26 maggio. Quella è stata unica. A più riprese la società ha chiamato a raccolta i suoi tifosi, c’è bisogno del dodicesimo uomo in campo per affrontare questa partita.

L’IMPENNATA La risposta non si è fatta attendere e così nella mattinata di ieri, primo giorno di vendita libera, è scattata la corsa al biglietto. Sui social tante le foto dei biglietti comprati, così come gli appelli ai ritardatari e ai dubbiosi. Via controversie e antichi rancori. Per una notte la curva nord (praticamente esaurita) torna a dipingersi di biancoceleste. Per l’occasione pare che si stia preparando anche una scenografia. Ovviamente tutto ancora top secret. Un’impennata clamorosa. Nel primo giorno di vendita libera sono quasi 5 m ila i biglietti venduti. In serata infatti si contavano 10 mila presenze all’Olimpico nella sponda biancoceleste. Basti pensare che in tutto il periodo di prelazione, in pochi avevano deciso di acquistare il prezioso tagliando. La decisione di togliere le barriere e la spinta pro Roma che vedono i laziali ha fatto il resto. Qualche piccolo problema nelle ricevitorie con i terminali impallatisi per un sovraccarico di richieste. Nulla di preoccupante perché in breve la situazione si è ristabilita. Lotitiani e non, contestatori e filosocietari, tutti insieme con un unico obiettivo: non lasciare sola la Lazio nel momento più importante della stagione. Ma il progetto è a più lungo raggio perché lo zoccolo duro della Nord vuole ricreare un ambiente a sole tinte biancocelesti. Intanto a breve verranno aperti i distinti nord-est con l’obiettivo di rendere stracolmi i settori laziali con almeno 18mila presenti. Ma forse anche di più. Nelle prossime ore la Lazio saprà se potrà mettere a disposizione i posti in più liberati dalla rimozione delle barriere. Poco meno di un migliaio. L’ok potrebbe arrivare tra giovedì e venerdì durante la riunione del Gruppo Operativo di Sicurezza, ma non dovrebbero esserci ostacoli.

BIGLIA C’È, MARCHETTI NO Simone Inzaghi però ha in mente solo il Sassuolo. Ieri i biancocelesti non impegnati con le Nazionali sono torni in campo. C’era Biglia, rientrato in anticipo per un giallo benedetto. Da valutare la tibia di de Vrij, per fortuna non preoccupano più di tanto le sue condizioni. Potrebbe restare a riposo sabato ed essere al top nel derby. Inzaghi farà le sue valutazioni nei prossimi giorni in base a come evolverà l’ematoma dell’olandese. Ancora out Marchetti.

Il Messaggero – Emiliano Bernardini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW